Airbus chiude ufficialmente il progetto A380: addio al gigante dei cieli

Airbus chiude ufficialmente il progetto A380: addio al gigante dei cieli

Airbus ha comunicato la fine ufficiale del progetto A380: il gigante dei cieli non verrà più prodotto dopo il 2021, quando le ultime unità destinate ad Emirates saranno consegnate alla compagnia aerea

di pubblicata il , alle 13:01 nel canale Scienza e tecnologia
Airbus
 

Se ne parlava già da tempo, e qualche mese fa si parlava apertamente di ciò che è successo ora: il progetto Airbus A380 è stato definitivamente archiviato. Come dice lo stesso amministratore delegato dell'azienda, "quella che vediamo è la fine dei grandi aerei con quattro motori".

La notizia non coglie completamente di sorpresa il mercato, che già da tempo si aspettava che il progetto A380 venisse archiviato, ma arriva a circa un anno dal "salvataggio" dell'aereo da parte di Emirates. La compagnia aveva infatti ordinato sufficienti aerei da tenere in piedi la linea di produzione, ma ha ora fatto un passo indietro riducendo l'ordine e causando la fine dell'A380.

Il problema dell'Airbus A380 è che non risponde più alle esigenze della modernità, né è in grado di offrire le stesse prestazioni (dal punto di vista economico) alle compagnie aeree. Nato in un periodo in cui c'erano molte limitazioni al numero di voli, l'A380 era la risposta a questa situazione: se il numero di voli rimane immutato ma si vogliono aumentare i passeggeri trasportati, la soluzione è utilizzare aerei più grandi in grado di trasportare più passeggeri. E tale equazione funziona ancora oggi, con dei "ma".

Il mercato è infatti cambiato, e con esso anche le regolamentazioni. È infatti possibile avere decolli e atterraggi più frequenti, ma non solo: l'esigenza di trasportare molti passeggeri è venuta (parzialmente) meno per via della maggiore importanza data agli aeroporti regionali rispetto ai grandi hub. C'è poi il problema della scala: l'A380 permette sì di trasportare più passeggeri, ma è quindi anche più difficile da riempire completamente e, quindi, da far operare con il minimo rapporto costi/benefici.

Sebbene l'efficienza dell'A380 sia imbattuta (in termini di carburante necessario per passeggero o per miglio), la sua elevata capacità e il suo elevato costo operativo fa sì che volare con pochi passeggeri sia meno profittevole rispetto a un aeroplano più piccolo ma pieno.

Oltre a questi problemi, l'A380 è sempre stato limitato a relativamente pochi aeroporti per via delle sue dimensioni: l'apertura alare di 80 m e il peso di circa 369 tonnellate a vuoto (che salgono a più di 500 tonnellate a pieno carico) lo rendono difficile da gestire.

Le ultime unità verranno consegnate nel 2021: dopo tale data, Airbus non produrrà più A380 né aerei simili. È la fine dei giganti dei cieli.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

54 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SaettaC16 Febbraio 2019, 14:34 #1
Che peccato. Era in fondo un simbolo di progresso, un po' come il concorde..
Debian-LoriX16 Febbraio 2019, 15:21 #2
Ti quoto SaettaC... inoltre era ottimo per quelli che, non potendo permettersi la business oppure la first class, sono costretti a viaggiare sempre e solo in economy, che nell'A380 aveva in assoluto lo spazio più ampio per le gambe, essendo la economy l'intero piano di sotto (mentre la biz e 1st tutto il piano di sopra)

Non tanto per le vostre, magari per quelle lunghissime di quello seduto dietro di voi, sentirle per 12 e oltre ore di volo piantate nelle vostre reni diventa poco simpatico
Charlie Oscar Delta16 Febbraio 2019, 15:49 #3
smettono di produrlo. coi nuovi a350 e il 787 più leggeri e parchi nei consumi non conviene quel bestione. ma i 300 pezzi già consegnati continueranno a volare per molto tempo. quindi non lo chiamerei un addio.

raxas16 Febbraio 2019, 16:05 #4
è un lungo passo per gli aerei più piccoli, l'ultimo per gli a380, rrìp
Micene.116 Febbraio 2019, 17:25 #5
Beh il 747 lo producono ancora
Lelevt16 Febbraio 2019, 18:41 #6
Per come è stata divulgata la notizia sembrerebbe come che da domani spariraranno... mi pare che i titoli di tutte le testate diano una connotazione più negativa di quella che è la realtà.
In realtà saranno prodotti e consegnati ancora per alcuni anni, e la flotta esistente, che non è certo esigua, continuerà a volare ancora per mooooolto tempo.
Il progetto certo è un insuccesso perchè era previsto di venderne di più, ma consideriamo che è stato partorito a fine anni '90, e da allora tante cose sono cambiate nel mondo.
b.u.r.o.8716 Febbraio 2019, 19:06 #7
Originariamente inviato da: Micene.1
Beh il 747 lo producono ancora


da quel che vedo, anche lui non se la passa bene nell'ultima versione passeggeri 787-8 Intercontinental
Per i prossimi anni sono presenti solo ordini della versione 747-8F cargo
OUTATIME16 Febbraio 2019, 21:31 #8
Con il progressivo aumento delle certificazioni ETOPS i quadrimotori sono diventati sempre più antieconomici.
L'A380 è quindi diventato un aereo antieconomico per eccellenza tra quelli antieconomici: gate dedicati, wake turbulence category dedicata... tutto senza portare un reale beneficio in termini di payload.... un macello commerciale insomma.

Era solo questione di tempo...
turcone17 Febbraio 2019, 13:23 #9
aereo già nato vecchio si vede la mancanza di lunghimiranza del managmente di airbus
per confronto : a380 15-20 di vita boing 747 ormai è arrivato a 50 anni di vita
Phantom II17 Febbraio 2019, 15:24 #10
Originariamente inviato da: SaettaC
Che peccato. Era in fondo un simbolo di progresso, un po' come il concorde..

Mi pare un po' forzata come affermazione, il progresso non è necessariamente sinonimo di gigantismo (dimensionale nel caso di A380, prestazionale nel caso del Concorde).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^