Grafene pericoloso per la salute? Uno studio cerca di fare luce sul problema

Grafene pericoloso per la salute? Uno studio cerca di fare luce sul problema

I bordi acuminati e taglienti dei frammenti di grafene possono facilmente danneggiare le cellule degli organismi viventi, compromettendone le funzionalità. Uno studio dimostra il meccanismo di interazione

di pubblicata il , alle 08:31 nel canale Scienza e tecnologia
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
omerook20 Luglio 2013, 17:53 #11
a questo punto voglio un concorso a premi. totografene. gli utenti sono invitati a scommettere sul giorni e l'ora della prossima new settimanale sul grafene. il vincitore verra invitato nei laboratori di ricerca piu avanzati per avere la possibilita di toccare con mano un vero pezzo di grafene e aquisire poteri sovrannaturali.
dav1deser20 Luglio 2013, 18:10 #12
Originariamente inviato da: aldarev
Mi fido, non sono esperto sul grafene. In ogni caso l'articolo parla esplicitamente di "frammenti di grafene di 10 micron" (cioè quello che hanno studiato da quel che si capsice) e per definizione una particella che abbia quelle dimensioni, in un soggetto sano non-fumatore, dovrebbe venir bloccata prima del raggiungimento degli alveoli (una delle cellule che loro hanno "testato".

Dato che non è specificata quale cellula della pelle hanno simulato (pelle è un po' vago visto i vari strati e tipi cellulari che li compongono ma anche cellula polmonare è un po' vago ) è impossibile dire se il danno possa essere provocato anche al contatto (dubito ma non lo posso escludere).

Io non voglio dire che il loro studio sia sbagliato, assolutamente. Sto solo dicendo che si sa ancora troppo poco per poter esprimere giudizi sufficientemente approfonditi come alcuni stanno tentando di fare (inoltre hanno fatto una simulazione, neanche un esperimento in vitro... la riproduzione in vivo potrebbe poi essere completamente diversa; esistono infatti esperimenti riusciti in vitro ma non in vivo e viceversa, processi dimostrabili solo in vivo ma non in vitro).


Ma il punto è che praticamente si parla di una "lama" con un filo dallo spessore atomico, e con, credo (ma ne sono abbastanza sicuro), proprietà meccaniche superiori a quelle del diamante, quindi qualunque cellula o altra struttura organica, può essere danneggiata/lacerata, se la particella di grafene colpisce con un po' di forza e con la giusta angolazione (con la respirazione è probabile che le particelle abbiano abbastanza forza, per l'angolazione non saprei ma una ogni tanto potrebbe avere la giusta angolazione).

Originariamente inviato da: omerook
a questo punto voglio un concorso a premi. totografene. gli utenti sono invitati a scommettere sul giorni e l'ora della prossima new settimanale sul grafene. il vincitore verra invitato nei laboratori di ricerca piu avanzati per avere la possibilita di toccare con mano un vero pezzo di grafene e aquisire poteri sovrannaturali.


Se il premio è quello io non partecipo, ho già avuto la mia bella dose di nanotubi e probabilmente ho inalato anche qualche particella di grafene, quindi sono già a posto così
omerook20 Luglio 2013, 18:28 #13
edit: doppio post
aldarev21 Luglio 2013, 12:20 #14
Originariamente inviato da: dav1deser
Ma il punto è che praticamente si parla di una "lama" con un filo dallo spessore atomico, e con, credo (ma ne sono abbastanza sicuro), proprietà meccaniche superiori a quelle del diamante, quindi qualunque cellula o altra struttura organica, può essere danneggiata/lacerata, se la particella di grafene colpisce con un po' di forza e con la giusta angolazione (con la respirazione è probabile che le particelle abbiano abbastanza forza, per l'angolazione non saprei ma una ogni tanto potrebbe avere la giusta angolazione).


La membrana delle cellule è "fluida" e può riorganizzarsi grazie alle cariche elettriche presenti ed alle proprietà dei suoi costituenti.
Il danno, come lasciato intendere nell'articolo, è da accumulo (sembra che il grafene chiami altre particelle dello stesso materiale, vorrei sapere con quale meccanismo).
E' una simulazione ed è ancora presto, secondo me, per fare delle stime sulla reale pericolosità di questo elemento (che poi non produrremmo in casa, quindi a noi cambia ben poco visto che non lo andremmo a polverizzare ed anche se lo facessimo, sarebbero quantità molto piccole).
Vul21 Luglio 2013, 18:25 #15
Originariamente inviato da: dav1deser
Il Grafene per definizione ha uno spessore monoatomico, di conseguenza siamo sull'ordine degli 0.3 nanometri, i 10 micron di cui parlano saranno larghezza e profondità, un po' come dire che un coltello è lungo 20cm, indipendentemente da quanto è lungo lo spessore della lama sarà molto inferiore.


In qualità di patologi abbiamo studiato i nanotubi

10 micron è una quantità assurdamente grande. I nanotubi hanno dimensioni inferiori ai 100 nm, 10 micron è una dimensione più grande dei globuli rossi cavolo e di migliaia di volte le pareti cellulari.

Ma poi cosa significa tossicità, un materiale rigido affilato può rompere una cellula, capirai che scoperta lo fanno gozziliardi di cose che ingeriamo, il bario contenuto dei liquidi per i contrasti da risonanza magnetica e altre centinaia di cose.
Cioè anche ingerire della polvere di marmo respirando è pericoloso

Questa notizia contiene talmente tante incongruenze che non si sa nemmeno da dove cominciare.

Dovrebbero smetterla di far scrivere questi articoli a persone che di scienza non capiscono nulla, è evidente che o interpretano male o non sanno nemmeno cosa traducono.
dav1deser21 Luglio 2013, 19:02 #16
Originariamente inviato da: Vul
In qualità di patologi abbiamo studiato i nanotubi

10 micron è una quantità assurdamente grande. I nanotubi hanno dimensioni inferiori ai 100 nm, 10 micron è una dimensione più grande dei globuli rossi cavolo e di migliaia di volte le pareti cellulari.

Ma poi cosa significa tossicità, un materiale rigido affilato può rompere una cellula, capirai che scoperta lo fanno gozziliardi di cose che ingeriamo, il bario contenuto dei liquidi per i contrasti da risonanza magnetica e altre centinaia di cose.

Questa notizia contiene talmente tante incongruenze che non si sa nemmeno da dove cominciare.

Dovrebbero smetterla di far scrivere questi articoli a persone che di scienza non capiscono nulla, è evidente che o interpretano male o non sanno nemmeno cosa traducono.


Nella news non c'è scritto che il grafene sia tossico, semplicemente da test fatti può penetrare nelle cellule (ovviamente dalla parte "affilata" della particella) e che può far entrare altri frammenti (se di grafene o altro non è specificato). Poi sono d'accordo con te che articoli su questi argomenti siano sempre scritti da autori con un background culturale inadatto.

Comunque guardando la fonte dicono che "anche frammenti di grafene piuttosto grossi, fino a 10micron, possono essere inglobati da una cellula". Mentre nei test sono stati usati frammenti compresi fra 500nm e 10 micron.

[OT] Che nanotubi scarsi che conosci, di norma un buon nanotubo ha lunghezza pari a 1000 volte il diametro (1nm o più, ma credo che di norma il minimo sindacabile sia 100:1, quindi meno di 100nm mi sembrano proprio pessimi [/OT]
Vul21 Luglio 2013, 19:38 #17
Sono un chimico fisico e lavoro su nanoparticelle e nanotubi comunque e il tuo ot non ha senso
Mi occupo di sviluppo di nanotecnologie nel campo del solare (celle di gratzel) e di sviluppo di nanomateriali peptidici in grado di emettere luce (come gli oled). Mi sono laureato a Roma e l'anno prossimo continuo a fare questo lavoro a Losanna, quindi un minimo sindacale di competenza credo di averlo sul perchè queste accozzaglie di informazioni siano insensate.

Comunque si chiamano nanotubi o nanoparticelle perchè hanno dimensioni nell'ordine dei nanometri.

E più sono grandi e meno nano sono e hanno caratteristiche totalmente differenti.

Tra l'altro 10 micron è tanto e come ho scritto prima è più della dimensione di cellule molto grandi quali i globuli rossi, che sono veramente grandi.
dav1deser21 Luglio 2013, 19:52 #18
Originariamente inviato da: Vul
Sono un chimico fisico e lavoro su nanoparticelle e nanotubi comunque e il tuo ot non ha senso

Si chiamano nanotubi o nanoparticelle perchè hanno dimensioni nell'ordine dei nanometri.

E più sono grandi e meno nano sono e hanno caratteristiche totalmente differenti.


Ma non serve che tutte e 3 le dimensioni siano nanometriche, i nanotubi per essere tali devono avere un diametro nell'ordine del nanometro, la lunghezza può benissimo superare il micron, forse quelli che usi tu sono così corti perchè van bene così per le tue applicazioni. Quelli che ho usato io per la tesi arrivavano a circa 1 micron di lunghezza, ma sempre nanotubi erano.
Vul21 Luglio 2013, 19:53 #19
Originariamente inviato da: dav1deser
Ma non serve che tutte e 3 le dimensioni siano nanometriche, i nanotubi per essere tali devono avere un diametro nell'ordine del nanometro, la lunghezza può benissimo superare il micron, forse quelli che usi tu sono così corti perchè van bene così per le tue applicazioni. Quelli che ho usato io per la tesi arrivavano a circa 1 micron di lunghezza, ma sempre nanotubi erano.


E che nanotubi erano scusa, e come li avete prodotti.
Mi linki un pò di letteratura, sono curioso.

No perchè si possono pure fare lunghi, come nel caso del carbonio.

Il punto è che non capisco qual'è il punto di dimostrare che un improbabile nanotubo da 10 micron di lunghezza di grafene in una simulazione ha forato una cellula estremamente grande.

Come dovrebbe mai qualcuno ingerire un nanotubo simile di grafene, da dove, perchè mai e com'è collegato ciò con patologie o tossicologicità.
aldarev21 Luglio 2013, 19:55 #20
Originariamente inviato da: Vul
Sono un chimico fisico


Però il bario non si usa in RMN :look:

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^