I ricercatori della Drexel Univerity scoprono quasi per caso l'argilla conduttiva

I ricercatori della Drexel Univerity scoprono quasi per caso l'argilla conduttiva

Potrebbe essere la base per costruire nuovi elettrodi per supercondensatori e batterie dalle maggiori prestazioni

di pubblicata il , alle 17:31 nel canale Scienza e tecnologia
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Framba06 Dicembre 2014, 15:30 #11
Originariamente inviato da: Ale88
Quanti di voi si sono accorti che una dozzina di anni fa non esistevano le batterie al litio? Ai tempi si parlava di NiCd o NiMH con capacita' ridicole (il nokia 3310 aveva una batteria che credo fosse da 150mah). Questo per farvi capire che l'evoluzione c'e' stata e continuera' ad esserci: e' solo lenta.

Sul fatto che ci sia stata un'evoluzione non da poco sono d'accordo, ma a quanto mi risulta la batteria del 3310 era da 900-1000 mAh: GSMarena

In ogni caso la ricerca procede così, per tentativi, colpi di fortuna o genio... E riportare i propri risultati esaltandoli un po' fa parte del processo di ricerca di fondi.
L'industrializzazione invece è una questione economica, finché non c'è qualcuno disposto ad investire denaro perché ritiene di poterne guadagnare di più le idee rimangono in qualche cassetto. Non date la colpa a chi non ne ha.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^