Il Comune di Napoli avvia un'iniziativa per l'uso di una blockchain

Il Comune di Napoli avvia un'iniziativa per l'uso di una blockchain

Aperta la possibilità di creare un gruppo di lavoro su base volontaria che permetta di studiare il fenomeno e di concretizzarlo per la fruizione ed il pagamento di servizi

di pubblicata il , alle 17:41 nel canale Scienza e tecnologia
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

36 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MikTaeTrioR20 Aprile 2018, 20:25 #11
bhe la documentazione per developer di eth è fatta molto bene e alla portata di qualunque buon programmatore...non credo sia piu cosi di nicchia lo sviluppo su BC..
sirioo20 Aprile 2018, 20:50 #12
Originariamente inviato da: mattia.l
Camorracoin


CoglioneCoin
xzonex20 Aprile 2018, 21:20 #13
mi mette una tristezza infinita vedere una news sulla blockchain e leggere sotto gente che parla di schemi di ponzi e roba varia. italia sempre nel medioevo.

la tecnologia blockchain sara sicuramente alla base del futuro delle infrastrutture sia delle macchine pubbliche che imprese private, ancora e' incompleta e immatura per essere implementata in una citta cosi importante, se non in beta test. in qualsiasi caso, ben venga l'appello, magari esce fuori qualche idea di rilievo e ci si fa ricerca su. una blockchain per il made in italy sarebbe di interesse nazionale. e non servirebbe nemmeno fosse proprietaria, ormai ci sono diversi progetti sulla supply chain in bc che bastano e avanzano per la certificazione in bc.
Ryddyck20 Aprile 2018, 21:24 #14
Il problema infatti non è la realizzazione della blockchain, che di per sé è facile... il problema sono gli smart contract! Prendete tutta la pa, ed iniziate a fare smart contract di varia natura, l'unica cosa che si riduce è il passaggio di mani della documentazione (che sicuramente non è poco), ma questo significa costruire da zero un sistema che è praticamente nelle mani delle 2/3 software house più grandi attualmente (che si portano dietro una trentina d'anni di dati in continuo aggiornamento).
xzonex20 Aprile 2018, 21:27 #15
Originariamente inviato da: Ryddyck
Il problema infatti non è la realizzazione della blockchain, che di per sé è facile... il problema sono gli smart contract! Prendete tutta la pa, ed iniziate a fare smart contract di varia natura, l'unica cosa che si riduce è il passaggio di mani della documentazione (che sicuramente non è poco), ma questo significa costruire da zero un sistema che è praticamente nelle mani delle 2/3 software house più grandi attualmente.


perche?
i dati sono in bc e sono accessibili
puoi realizzare una bc privata con nodi interni alla pa
non serve alcuna software house, i dev ti fanno gli smart contract
fai audit di smart contract, cosi a naso ti posso gia citare 3 societa specializzate

poi ok domani non puoi rimpiazzare l'infrastruttura in BC, ma puoi cominciare a accettare btc o altre valute, a magari cominciare a fare una bc per condividere alcuni dati e in generale a ridurre tutti i problemi che la bc risolve con una tecnologia nuova. per gradi.
Ryddyck20 Aprile 2018, 21:31 #16
Infatti non ho parlato del problema blockchain (tra le altre cose una cosa del genere non la farei su ethereum ma su hyperledger, e senza crypto sottostante), ho parlato del problema smart contract non hai idea soprattutto in alcuni settori quanta roba da fare ci sia, ci vogliono diverse teste che si occupano solo diritto amministrativo e diritto civile.
Per il resto chi me li carica 30 anni di dati sulla blockchain? Ci mettiamo a spacchettare db adattati su altri db di diverse software house o facciamo l'ocr sui documenti? O ancora peggio, lo chiediamo ai dipendenti?

Per fare un sistema del genere a mio avviso il cambio deve avvenire in blocco, si studiano i vari software utilizzando i loro db, si applica al meglio la normativa vigente, si struttura per bene e quando si effettua il passaggio si potranno perdere un paio di giorno per caricare i dati su bc ed il lavoro da quel giorno successivo si effettuare su blockchain. Niente più software house di mezzo, niente sistemi misti, tutto distribuito... forse una cosa del genere la vedranno i miei nipoti
xzonex20 Aprile 2018, 21:34 #17
Originariamente inviato da: Ryddyck
Infatti non ho parlato del problema blockchain (tra le altre cose una cosa del genere non la farei su ethereum ma su hyperledger), ho parlato del problema smart contract non hai idea soprattutto in alcuni settori quanta roba da fare ci sia, ci vogliono diverse teste che si occupano solo diritto amministrativo e diritto civile.
Per il resto chi me li carica 30 anni di dati sulla blockchain? Ci mettiamo a spacchettare db adattati su altri db di diverse software house o facciamo l'ocr sui documenti? O ancora peggio, lo chiediamo ai dipendenti?


fidati, ho idea, il mio punto e' che il collo di bottiglia non sono gli smart contract ma la maturita' e che una implementazione per gradi e per test net nella macchina pubblica e' cosa buona e giusta.
poi per quanto riguarda i dati e' ovvio che non e' un sistema plug and play ma come tantissimi sistemi con le medesime problematiche una soluzione per la prima introduzione si e' sempre trovata
Ryddyck20 Aprile 2018, 21:38 #18
Originariamente inviato da: xzonex
poi per quanto riguarda i dati e' ovvio che non e' un sistema plug and play ma come tantissimi sistemi con le medesime problematiche una soluzione per la prima introduzione si e' sempre trovata

Si, ma con quali tempistiche? Possiamo parlare pure di anpr ma anche di come arriva il capoccia di Amazon a (non) sistemare la situazione con l'agid (che per inciso rispetto ad utilizzare una blockchain sembra di essere tornati nel medioevo, quindi partiamo con una cosa vecchia)
Formazione su formazione perché il software usa una gui differente, dati perduti per sempre, adattamento non automatico del dipendente medio, etc. etc.
Ci sono piccolissimi comuni d'Italia dove alcuni documenti vengono ancora fatti a mano...
MikTaeTrioR20 Aprile 2018, 21:38 #19
@ryddyck

la sua funzione principale non è quella di essere un database ma di automatizzare alcuni meccanismi...usandola diventerebbe anche un database ma non sostitutivo di un altro db piu ricco di di informazioni....
Ryddyck20 Aprile 2018, 21:43 #20
Originariamente inviato da: MikTaeTrioR
@ryddyck

la sua funzione principale non è quella di essere un database ma di automatizzare alcuni meccanismi...usandola diventerebbe anche un database ma non sostitutivo di un altro db piu ricco di di informazioni....

Infatti il senso sarebbe quello, oltre al fatto di legare la singola informazione alla crittografia e al consenso distribuito. Si evitano problemi su qualsiasi dato inserito, modificato, strampalato (più o meno a richiesta).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^