La NASA dice addio a Kepler, lo scopritore di pianeti

La NASA dice addio a Kepler, lo scopritore di pianeti

La NASA e il mondo scientifico salutano Kepler, il satellite che tanto ha dato alla scoperta dei pianeti extrasolari. La fine del carburante necessario per le manovre è stata determinante, ma ora la palla passa a TESS.

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale Scienza e tecnologia
 

Un lavoro svolto instancabilmente, lontano nello Spazio, ma ora è giunto il momento di salutare Kepler, lo scopritore di pianeti extrasolari. La NASA ne ha dato l'annuncio in queste ore, dopo 9 anni di onorata carriera tra difficoltà e momenti di grande euforia per via delle scoperte che si sono susseguite.

NASA Kepler

La motivazione del definitivo decomissionamento del telescopio è dovuta all'esaurimento del carburante necessario per le manovre e non potendo essere rifornito, l'unica soluzione è stata quella di terminare la missione. Ma c'è di che essere contenti per l'operato di Kepler e alla NASA ne sono sicuramente più che certi. Con oltre 2600 pianeti scoperti (e confermati), il telescopio ha permesso di "grattare" la superficie di quello che è il mondo dei pianeti extrasolari con tanti che aspettano ancora di essere scoperti e capiti. Lo scopo duplice era comprendere meglio le tipologie di pianeti ma anche capire quanti "pianeti simili alla Terra" esistono là fuori, in cerca della vita.

Thomas Zurbuchen (amministratore associato della Science Mission Directorate della NASA) ha dichiarato che "non solo ci ha mostrato quanti pianeti possano esserci là fuori, ha aperto un campo di ricerca completamente nuovo che è stato preso d'assalto dalla comunità scientifica: le sue scoperte hanno gettato una nuova luce sul nostro posto nell'Universo, e illuminato i misteri e possibilità allettanti tra le stelle".

Grazie a Kepler ora sappiamo che tra il 20% e il 50% delle stelle visibili nel cielo notturno hanno probabilmente piccoli pianeti orbitanti, probabilmente rocciosi e simili al nostro situati all'interno della zona abitabile dove l'acqua è liquida. Per capire che cosa ha permesso il telescopio, basti pensare che la categoria di pianeta più comune che è stato riscontrato nella nostra galassia non si trova nel nostro sistema solare. Ha dimensioni comprese tra la Terra e Nettuno che potrebbero avere grandi oceani di acqua sulla superficie in grado di ospitare la vita.

NASA Kepler

La missione di Kepler ha avuto inizio con le idee degli scienziati che ci hanno lavorato 35 anni fa, quando non si conosceva neanche un pianeta al di fuori del sistema solare. Ma con l'arrivo del telescopio e oltre 530 mila stelle osservate, ora siamo "sommersi" di pianeti da analizzare e moltissimi ancora ne mancano.

Ma la vita non è sempre stata "rosa e fiori" con alcuni guasti meccanici che ne hanno minato l'attività scientifica. Infatti se inizialmente Kepler era pensato per fissare solo un determinato punto nel cielo, con i problemi sopraggiunti si è dovuto fare qualche modifica e sfruttare, tra le altre cose, anche il vento solare. Ogni 90 giorni un nuovo spicchio di cielo veniva osservato, facendo nuove scoperte e raccogliendo oltre 600 GB di dati scaricati durante gli oltre 9 anni di vita operativa.

Ma con l'addio di Kepler non tutto è perduto. La palla ora passa a TESS (acronimo di Transiting Exoplanet Survey Satellite) che evolve la tecnologia e l'idea alla base del precedente modello e che è stato lanciato ad Aprile 2018 a bordo di un Falcon 9 di SpaceX. Ma nessuno si dimenticherà di Kepler che ora riposerà nello Spazio per molto, moltissimo tempo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ZannaMax01 Novembre 2018, 12:11 #1
Speriamo si continui con Tess, l'ottimo lavoro fatto fino a qui con Kepler.
inited01 Novembre 2018, 12:26 #2
Originariamente inviato da: ZannaMax
Speriamo si continui con Tess, l'ottimo lavoro fatto fino a qui con Kepler.
La NASA ha ben prodotto un'animazione con il simbolico passaggio di testimone in merito, in effetti.
mikypolice01 Novembre 2018, 18:57 #3

Grande Kepler

Ottimo il suo lavoro. Esprimo solo una perplessità. È diventato l'ennesimo rifiuto che orbita attorno alla Terra?
Mah, per me dovrebbero iniziare ad obbligarsi nel trovare un processo di autodistruzione come ad esempio indirizzarlo verso lo spazio profondo o verso il sole prima che esaurisca del tutto il carburante sfruttando gli slanci gravitazionali, prima che rimanga come ennesimo autobus vagante sulle nostre teste...
Almeno, in questo articolo si dice che si è spento, che c'è già qualcosa che ha preso il suo posto, ma niente che dice dove stia riposando in pace...
Opteranium02 Novembre 2018, 02:13 #4
È un'orbita eliocentrica distante dalla terra, non c'è nessun problema da quel punto di vista
matsnake8602 Novembre 2018, 09:13 #5
Originariamente inviato da: mikypolice
Ottimo il suo lavoro. Esprimo solo una perplessità. È diventato l'ennesimo rifiuto che orbita attorno alla Terra?
Mah, per me dovrebbero iniziare ad obbligarsi nel trovare un processo di autodistruzione come ad esempio indirizzarlo verso lo spazio profondo o verso il sole prima che esaurisca del tutto il carburante sfruttando gli slanci gravitazionali, prima che rimanga come ennesimo autobus vagante sulle nostre teste...
Almeno, in questo articolo si dice che si è spento, che c'è già qualcosa che ha preso il suo posto, ma niente che dice dove stia riposando in pace...


Tranquillo che anche finisse in orbita di rientro verso terra finirebbe in polvere ben prima di toccare il suolo.

Tutti i vari allarmismi che vengono fatti ogni volta che c'è un rottame spaziale che casca giù mi fanno ridere tantissimo. In realtà non costituiscono nessun pericolo.
Cfranco02 Novembre 2018, 09:48 #6
Originariamente inviato da: matsnake86
Tranquillo che anche finisse in orbita di rientro verso terra finirebbe in polvere ben prima di toccare il suolo.

Tutti i vari allarmismi che vengono fatti ogni volta che c'è un rottame spaziale che casca giù mi fanno ridere tantissimo. In realtà non costituiscono nessun pericolo.


Dipende da quanto è grosso l' oggetto
Fidati che i pezzi della base spaziale cinese erano abbastanza grossi da fare parecchi danni
bancodeipugni02 Novembre 2018, 12:46 #7
bisogna trovare il sistema di svincolarsi dai combustibili e i propellenti

non è possibile che prodotti funzionanti diventino obsoleti anzitempo perchè finisce la benzina e non c'e' nessuno che faccia il pieno

perchè non gli mettono un po' di plutonio ?
bancodeipugni02 Novembre 2018, 13:42 #8
Originariamente inviato da: Bivvoz
Anzitempo?
La missione di Kepler in origine sarebbe dovuta durare 3 anni, è durato quasi 10.
col pieno poteva farne almeno 20

Ormai i telescopi spaziali sono diventati tutti obsoleti e non solo per la loro età avanzata e problemi tecnici, ma perchè i telescopi terrestri di nuova generazione li rendono inutili.
Fatta eccezione per casi specifici come il Web.




e l'atmosfera di mezzo ?

continuano a mandarne su altri: vuol dire quelli terrestri nulla rimpiazzano, altrimenti non ne monterebbero piu su
Cfranco02 Novembre 2018, 14:12 #9
Originariamente inviato da: Bivvoz
Ne mandano su altri perchè per alcune funzioni servono ancora, per esempio quando si osserva l'infrarosso da quanto ho capito.
Kepler di fatto non viene sostituito dai telescopi terrestri ma da TESS che da quanto ho capito lavora appunto sull'infrarosso, dopo di che quando TESS trova un esopianeta ci punta contro i telescopi terrestri per studiarlo meglio.
Prendilo con le pinze però

Il problema è l' assorbimento dell' atmosfera
Se vuoi fare un telescopio gamma, X, UV o infrarosso devi andare nello spazio perché l' atmosfera assorbe quelle parti di spettro.
Per telescopi in finestra ottica o radiotelescopi invece si può stare sulla Terra
Link ad immagine (click per visualizzarla)
danieleg.dg02 Novembre 2018, 19:19 #10
Originariamente inviato da: Cfranco
Fidati che i pezzi della base spaziale cinese erano abbastanza grossi da fare parecchi danni

Il problema non è per l'eventuale caduta, ma il fatto che diventano un pericolo per future missioni (sia satelliti che umane).

Comunque già da un po' di anni prima di ottenere il permesso di lanciare un satellite devi pianificare cosa fare a fine vita. Nella maggior parte dei casi si opta per l'incenerimento in atmosfera. In caso di orbite alte invece si sposta il satellite in specifiche orbite di parcheggio.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^