Wafer a 300 millimetri: ancora il futuro, secondo Globalfoundries

Wafer a 300 millimetri: ancora il futuro, secondo Globalfoundries

Non c'è fretta di passare a wafer da 450 millimetri di diametro per Globalfoundries, alle prese con nuove tecnologie e la costruzione di una nuova fabbrica

di pubblicata il , alle 14:48 nel canale Private Cloud
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Deskmat15 Luglio 2009, 18:23 #11
Originariamente inviato da: lostx87
Ottimo deskmat, ero curioso anche io del perchè fossero dei "salsicciotti" visto che poi i chip sono quadrati o rettangolari...

Comunque, vorrei fare una considerazione: avendo wafer da 450mm, dovrebbero uscire piu chip per periodo di tempo (la stampa dura comunque un certo tempo, che sia wafer da 300 o da 450), e di conseguenza sarebbero disponibili piu pezzi (che siano cpu o vga o altro) in minor tempo...
Questo significa far trovare i pezzi sul mercato molto presto e in quantità maggiori, e quindi vendere piu pezzi in un determinato periodo di tempo. Cio significa, di conseguenza, maggiori guadagni (sempre nell'unità di tempo, però con wafer da 450 e non da 300)...

E' una situazione ipotetica, ma non ho detto una baggianata vero?


Si ma considera che la produzione dei wafer odierni impiega qualche giorno, figurati a farli più grossi... Il tuo discorso è giusto, wafer più grossi vuol dire più dispositivi sulla stessa fetta e rese maggiori ma vuol dire anche grossi investimenti nel breve termine per aggiornare tutte le rese e probabilmente anche tempi iniziali con pessime rese per regolare al meglio i sistemi. Probabilmente a lungo termine quello è il futuro ma credo che si parli di investimenti nel futuro a venire per le grandi spese che comporta l'adeguamento di tutta la linea produttiva.
gabi.243715 Luglio 2009, 18:25 #12
si beh non è che li fanno cilindrici per masochismo eh
Mr Resetti15 Luglio 2009, 18:31 #13
Un sentito grazie a Deskmat per le informazioni comprensibili e dettagliate quanto basta per capire le problematiche di fondo che esistono nei processi di produzione dei wafer.
Finalmente una risposta chiara ed esauriente senza troppi termini tecnici incomprensibili ai più!

^_^
Deskmat15 Luglio 2009, 18:55 #14
Originariamente inviato da: Mr Resetti
Un sentito grazie a Deskmat per le informazioni comprensibili e dettagliate quanto basta per capire le problematiche di fondo che esistono nei processi di produzione dei wafer.
Finalmente una risposta chiara ed esauriente senza troppi termini tecnici incomprensibili ai più!

^_^


Di nulla Sto studiando l'esame di dispositivi e tecnologie proprio in questi giorni quindi sono piuttosto ferrato, mi fa piacere essere stato chiaro
lostx8715 Luglio 2009, 18:56 #15
Deskmat for president!!!
sorcio4615 Luglio 2009, 20:18 #16
Originariamente inviato da: majowski86
Ma solo a me qualcosa non torna in questa affermazione???? Le gpu nvidia a 40nm presentate sono una ciofeca ultra-low-coast, solo per OEM.. Le HD4770 ATI vanno molto bene ( 5% in meno delle HD4850 grazie alle ddr5 ) , ma non si possono definire "le più potenti".. O_o

"Di ultima generazione" non significa per forza le più potenti, è solo un riferimento alle schede della nuova generazione HD4xxx (per i 40 nm è la 4770) per ATI e G2xx (e qui per i 40 nm sono la G210-220) per Nvidia
Fabrix777715 Luglio 2009, 23:37 #17
Per chi e' interessato questo video e' molto esplicativo.

http://www.youtube.com/watch?v=aWVywhzuHnQ

E' su come fanno i wafers.
Lollo616 Luglio 2009, 08:13 #18
ed ecco una paginetta di wikipedia.it sul mitico processo Czochralski.

http://it.wikipedia.org/wiki/Processo_Czochralski
Cobra7023 Luglio 2009, 12:49 #19
Bhé.... mi stupisce che nessuno abbia mai sentito parlare di ammortamento dei costi fissi.
Possibile che nessuno pensa che gli investimenti fatti per aggiornare una linea produttiva abbiano bisogno, non solo di un ammortamento che viene previsto nel corso del tempo (e con i ritmi attuali di progresso, devono essere necessariamente tempi brevi), ma questi investimenti devono produrre necessariamente anche degli utili per la remunerizzazione degli investimenti.
Se ogni passaggio prevedesse investimenti che non hanno come loro naturale seguito un recupero degli stessi e un utile considerato ragionevole per gli obiettivi dell'azienda... e chiaro che tale investimento verrà osteggiato.
Modernizzare le linee per perdere solamente soldi.... è qualcosa che non rientra negli obiettivi di nessuna azienda dell'intero pianeta!
Cobra70

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^