Intel: nuovo spin-off per le tecnologie fotovoltaiche

Intel: nuovo spin-off per le tecnologie fotovoltaiche

Il colosso di Santa Clara annuncia l'avvio di una nuova iniziativa, con l'istituzione di una realtà indipendente che si occuperà della produzione di celle fotovoltaiche

di pubblicata il , alle 10:00 nel canale Software
Intel
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LMCH17 Giugno 2008, 16:50 #11
Originariamente inviato da: demon77
Purttroppo il rendimento medio dei pannelli fotovoltaici fa un po' schifo rispetto all'energia che assorbono dal sole...
Altri difetti sono legati alla temperatura di funzionamento.. se supera i 60 gradi niente più corrente!
Altro problema è il fatto che una batteria di pannelli deve essere interamente soleggiata per funzionare: se va in ombra una sola parte smette di produrre l'intero sistema!

La produzione media è calcolabile con un Kwh per 10 metri quadri di panneli.
La durata di sistemi fotovoltaici è di più o meno 25 anni (ce ne sono di garantiti per 20 anni!)


Allora dai un occhiata qui e godi.
http://www.nanosolar.com/economic.htm

A parte il rapporto prestazioni/costo incredibilmente alto rispetto agli altri
tipi di celle fotovoltaiche, proprio per come sono fatte
e' piu semplice realizzare pannelli suddivisi in sezioni che rendono
relativamente semplice farli funzionare anche con parti in ombra.

Li non lo dicono, ma indirettamente ci sono molti indizi
(tipo la corrente massima per cella ed il substrato che usano)
che fanno pensare che il loro comportamento in condizioni di caldo
elevato siano di gran lunga migliore rispetto alla concorrenza
(senza contare che sono intrinsecamente piu semplici
da ventilare con aria rispetto alle altre celle fotovoltaiche).

Se Spectrawatt ha qualcosa capace di tener testa a
quelli di Nanosolar in termini di prestazioni/costo e' la volta
buona che il fotovoltaico comincia sul serio a prendere piede.
Stargazer17 Giugno 2008, 18:33 #12
Originariamente inviato da: demon77
Purttroppo il rendimento medio dei pannelli fotovoltaici fa un po' schifo rispetto all'energia che assorbono dal sole...
Altri difetti sono legati alla temperatura di funzionamento.. se supera i 60 gradi niente più corrente!
Altro problema è il fatto che una batteria di pannelli deve essere interamente soleggiata per funzionare: se va in ombra una sola parte smette di produrre l'intero sistema!

La produzione media è calcolabile con un Kwh per 10 metri quadri di panneli.
La durata di sistemi fotovoltaici è di più o meno 25 anni (ce ne sono di garantiti per 20 anni!)

Perché è tecnologia vecchia e decrepita!
Oltre a questo da noi soprattutto è nata la fregatura che l'enel ti paga
Spiegagli a chiunque si fa montare i pannelli per l'elettricità non l'acqua calda (l'unica effettivamente dedita al risparmio da noi) che la corrente che produce il pincopallino non può distribuirla come crede al vicino o chi ne ha bisogno perchè NON esiste alcuna rete di distribuzione per questo!
Mica la passi via etere
La corrente che produci dato ne produci veramente tanta grazie al sole o la butti essendo in eccesso o se hai fortuna trovi l'amico che disposto a pagarti si attacca alla tua presa di corrente per usarla...

ho notato che molte aziende si sono buttate a pesce con la filosofia se va bene facciamo il business se va male c'abbiamo provato...
e per dire grazie proprio a un flop di una filiale della ericsson nella telefonia dove voleva usare i pannelli solari per ricaricare le batterie mi son preso 7 pannelli a 30 euro cad, di ultima generazione ma si fa per dire visto son i soliti shell al silicio
certo non posso mica andare io a dire agli ingegneri ma guardate che ci vogliono ore/giorni prima si carichi la batteria in base a quanto sole c'è; comunque lo hanno scoperto smante llando la fliale

troppa ignoranza, troppe chiacchiere, troppa improvvisazione imho

Forse visto col nuovo governo basato su una grossa fetta portata all'edilizia, faranno dei "quartieri o aziende" pensati alla rete di distribuzione, anche se da buon pessimista vedo più reti basate su termovalorizzatori e nucleare
Stargazer17 Giugno 2008, 18:43 #13
Originariamente inviato da: LMCH
Allora dai un occhiata qui e godi.
http://www.nanosolar.com/economic.htm

se penso che c'era pure da prendere uno dei primi loro prototipi su ebay...

CUT
Se Spectrawatt ha qualcosa capace di tener testa a
quelli di Nanosolar in termini di prestazioni/costo e' la volta
buona che il fotovoltaico comincia sul serio a prendere piede.

Già ma quando?
ad esempio se ricordi questo bel progetto
http://www.hwupgrade.it/articoli/si...alizzano_4.html
ma sempre con cazzuti pannelli al silicio che sono spessi rispetto a un polimero, quando si decideranno?

Nel frattempo quel progetto sembra finito pure nel limbo
iperpaol017 Giugno 2008, 23:11 #14

no...precisiamo tutto

Originariamente inviato da: Bellaz89
Premesso che ho solo delle nozioni di fisica di 5A liceo ...

Sul fatto dell' efficienza ti quoto, siamo a livelli di tecnologia ancora bassi per essere adottati in larga scala. ma perchè dici che il fatto di vendere all' enel sia una baggianata.Perchè parli di etere? Io sapevo che la rete utilizzata era la rete casalinga e che un semplice inverter riusciva ad aumentare la corrente efficace del sistema; non mi sembra che ci sia necessità di una seconda rete. Se hai delle informazioni parla non essere sibillino!



Si ma se non le sapete le cose..
Allora, io i pannelli fotovoltaici ce li ho sulla testa, montati da solo..facilissimo , è più complicato fare un controsoffitto. 3 kwh con pannelli Sanyo.
Prima di tutto l'efficienza della cella solare non è altissima, ma al 17 % ci arriva..significa che se in media il sole irraggia 1000w al mq un mq di pannello rende 170w e non è poco, in queste giornate di sole (non brillantissimo) l'impianto fa 22 kilowatt al giorno.
La temperatura influisce leggermente sul rendimento..più è alta (60° e oltre) più scende..ma questo problema sui pannelli "buoni" è molto limitato.
I pannelli non è vero che durano solo 20 anni, Sono garantiti per 20 anni(anzi 25) per il 90%del rendimento..passato questo limite temporale i pannelli continuano a decadere molto lentamente.. lavorano ad oltranza.
L'energia che i pannelli solari producono è riversata nella rete elettrica enel..non va assolutamente sprecata, mica siamo matti, la usano tutti .
Stargazer..i pannelli di cui parli al massimo saranno gli Sharp, robaccia di terza categoria che infatti dovrebbe costare la metà di quelli di qualità, la tecnologia è sempre quella del silicio..le nuove tecnologie sono tutte più efficienti ma degenerano in brevissimo tempo..in italia c'è da tempo uno studio su un pannello organico ad altissima efficenza..ma dura poche settimane.
Le aziende stanno facendo soldi con i pannelli solari..chi li produce..chi li usa e chi li installa. Chi li produce ha una lista di ordini lunga un km..chi li installa segue l'onda degli incentivi..chi li usa non paga la corrente elettrica..che cresce sempre di più in bolletta..e in più riceve soldi per quella prodotta (al triplo del valore), l'investimento con un conto energia è a medio termine..circa 8/ 9 anni..ma rende quasi il 9%. Meglio di sicuro che lasciare i soldi in banca a pagare commissioni inutili.

La tecnologia solare (ed eolica) potrebbe costare anche 1000 volte di più..sarebbe ancora la scelta giusta..perchè è un investimento sicuro al 100% prima o poi si rientra nella spesa e i costi di gestione sono nulli, Il nucleare? costi enormi..combustibile limitato..e le scorie?
I termovalorizzatori servono prima di tutto per togliere di mezzo i rifiuti..l'energia elettrica che producono è un eventualità.
gepivete18 Giugno 2008, 08:43 #15

Intel Nuovo spin-off.

gepivete.
I panelli solari sono fondamentali ma inutili se non si hanno batterie adeguate al caso dato che tutta l'energia deve essere accumolata .
Non ho trovato dati per batterie del caso: quanti Volt e quanti A. per poter gestire 3.5 Kw specifico ?.
Francuss18 Giugno 2008, 09:17 #16

nanosolar

LMCH, il link dove ci hai mandato è spettacolare. Mai visto una cosa simile. E' anni luce più avanti degli altri.

Addirittura dice che il costo dell'investimento si paga in un mese risparmiando sulla bolletta. Ma ho capito bene? pensi sia possibile davvero?

Sono senza parole.

Peccato che vendono solo a grandi aziende, se no ne comprerei un rotolo.

Ma per il montaggio hanno bisogno di essere messi sotto vetro, o sono già pronti così per essere piazzati all'aria aperta sotto sole e pioggia?
sigmatau18 Giugno 2008, 10:00 #17

...nel frattempo

La risorsa fotovoltaica è eccezionale e nel frattempo...

...faccio un po' di pubblicità...

http://www.sunheartenergy.com"] Link ad immagine (click per visualizzarla) [/URL]

ehehehhe

Grazie

iperpaol018 Giugno 2008, 10:31 #18
Originariamente inviato da: Bellaz89
Tranquillo, so che è una costante nell'uomo e quindi anche mia(infatti ho premesso le mie conoscenze, non mi sono mica spacciato per nessuno , anzi ho chiesto spiegazioni!)

.


a nono scusa, mi è partito il quote sulla discussione errata, dicevo a Stargazer, che aveva postato imprecisioni un po' su tutto
dendenni18 Giugno 2008, 13:11 #19
Originariamente inviato da: gepivete
gepivete.
I panelli solari sono fondamentali ma inutili se non si hanno batterie adeguate al caso dato che tutta l'energia deve essere accumolata .
Non ho trovato dati per batterie del caso: quanti Volt e quanti A. per poter gestire 3.5 Kw specifico ?.



Non hai trovato dati sulle batterie perchè NON ci sono batterie ma un sistema di scambio sul posto istantaneo con l'ENEL .
Per chi ritiene che la fregatura sia che l'ENEL adesso paga la produzione lo invito a trovare un investimento Bancario sicuro in grado di rendere quanto il fotovoltaico se ne è capace .
Possiedo un impianto fotovoltaico e ne sono pienamente soddisfatto anche come resa economica , il fatto che costino cari non significa che non siano un buon affare .
Ciao

PS rimane comunque un fatto , molta gente parla per sentito dire senza informarsi eppure con internet non ci vorrebbe molto a leggersi qualche notizia a riguardo da fonti autorevoli certo se si leggono solo i commenti che si fanno sui forum siamo punto e a capo .
Donquijote18 Giugno 2008, 15:15 #20

Speriamo bene!

"S'appretttu ponet su ezzu a currere" che tradotto significa "La necessità costringe il vecchio a correre.
Ci voleva l'impennata della domanda mondiale di energia, con conseguente rialzo dei prezzi per far si che si investisse seriamente sulle energie rinnovabili.
(Posto che si tratti di investimenti seri, duratri e efficaci, naturalmente).
Speriamo che la cosa abbia seguito e si diffonda.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^