Secondo Dynatrace a breve non potremo più fare a meno dell'AI

Secondo Dynatrace a breve non potremo più fare a meno dell'AI

La complessità dei moderni sistemi cloud è cresciuta tanto da essere "oltre le capacità umane", secondo quanto riporta una ricerca di Dynatrace. La soluzione al problema non può che arrivare dall'intelligenza artificiale

di pubblicata il , alle 18:21 nel canale Cloud
intelligenza artificialeDynatrace
 

Il rapporto Top challenges for CIOs on the road to the AI-driven autonomous cloud è stato realizzato da Vanson Bourne intervistando 800 CIO (Chief Information Officer) di aziende con almeno 1.000 dipendenti in 9 paesi: US, UK, Francia, Germania, Cina, Australi, Singapore, Brasile e Messico. 

Il quadro che ne viene fuori mostra che i reparti IT sono subissati di lavoro: ogni giorno ricevono quasi 3.000 alert di sicurezza (2.973, per essere precisi), il 19% in più rispetto all'anno precedente, e solo per analizzarli e comprendere quali sono prioritari investono il 15% del loro tempo lavorativo. In termini economici, questo rappresenta un costo di circa 1.5 milioni all'anno. Non solo: secondo il 70% dei CIO dover mettere ordine a un numero tanto elevato di segnalazioni ha causato problemi che altrimenti si sarebbero potuti evitare

La soluzione è l'intelligenza artificiale

Secondo Dynatrace, questo approccio è insostenibile, al di là delle possibilità umane. Se non si vogliono incrementare a dismisura le dimensioni dei team IT (e i budget), l'alternativa è quella di cambiare radicalmente approccio e focalizzarsi sull'AI, così da automatizzare i processi. L'obiettivo sul lungo termine dovrebbe essere quello di avere operazioni cloud gestite in totale autonomia. 

"La scala e la complessità degli ambienti cloud delle enterprise crescerà al di là delle capacità degli attuali team che si occupano dell'IT e delle operation in cloud" - ha dichiarato —Bernd Greifeneder, CTO e fondatore di Dynatrace - "I tradizionali approcci e strumenti di monitoraggio non sono nemmeno lontanamente in grado di affrontare il volume, la velocità e la varietà degli alert che sono generati ed è per questo che abbiamo reinventato la nostra piattaforma per essere diversa da tutte le altre. La Dynatrace Software Intelligence Platform è una piattaforma composta da numerosi moduli che si appoggiano a un data model condiviso, basata su un motore di AI. Questa combinazione consente a Dynatrace di offrire quelle risposte precise e contestuali di cui le aziende hanno bisogno per domare la complessità del cloud e - infine - raggiungere l'obiettivo di avere operation cloud gestite in autonomia dall'AI"

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Gringo [ITF]22 Gennaio 2020, 19:23 #1
a breve non potremo più fare a meno dell'AI

....e in un futuro non troppo remoto....
L'AI potrà tranquillamente fare a meno di noi.
al13523 Gennaio 2020, 10:27 #2
Originariamente inviato da: Gringo [ITF]
....e in un futuro non troppo remoto....
L'AI potrà tranquillamente fare a meno di noi.




mi ricorda un certo film
polkaris23 Gennaio 2020, 11:29 #3
Sul fatto che l'intervento diretto dell'uomo non può controllare la complessità delle nuove reti ci sono pochi dubbi. La domanda è: l'AI ce la farà a gestire la sicurezza in modo corretto?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^