L'exascale nel mirino di HPE e Cray: presentate nuove soluzioni HPC e AI

L'exascale nel mirino di HPE e Cray: presentate nuove soluzioni HPC e AI

HPE e Cray combinano i propri portafogli per lanciare un comparto di soluzioni concepite per qualsiasi ambiente - on premise, cloud o as-a-Service - e ottimizzate per l’era dell’exascale. Quest’ultima vedrà una crescita esponenziale dei dati e l’impiego di nuovi workload convergenti, come HPC, Intelligenza Artificiale e analytics.

di pubblicata il , alle 14:01 nel canale Cloud
HPECray
 

Da Hewlett Packard Enterprise (HPE) arriva un nuovo portafoglio end-to-end che include soluzioni HPC (High Performance Computing) e di intelligenza artificiale (AI). La più recente gamma di soluzioni vede la collaborazione di Cray Inc., società recentemente acquisita da HPE, che fornirà le architetture di supercomputing end-to-end necessarie per affacciarsi alla nuova era dell’exascale.

La trasformazione digitale prevede l’impiego di nuovi workload che fanno un uso intensivo di dati, nuove capacità di calcolo e di interconnessione e nuove soluzioni software e storage. Al fine di intercettare le esigenze dei clienti, HPE propone soluzioni adatte sia ai piccoli sistemi individuali che ai supercomputer di classe exascale. 

A tal proposito è intervenuto Peter Ungaro, Senior Vice President e General Manager, HPC and AI di HPE, il quale commenta: “La combinazione tra HPE e Cray ridefinirà il settore del supercomputing rendendo disponibili soluzioni e servizi che permetteranno ai clienti di avere successo nell'era dell'exascale, aiutandoli a conseguire innovazioni significative nel business e nella società”.

Ungaro ha poi aggiunto: “I clienti si rivolgono sempre più spesso a HPE come a un partner globale di fiducia che può aiutarli a sfruttare tutta la potenza dei dati per risolvere le sfide più pressanti. Combinando le proposte HPE e Cray, offriamo ora ai clienti un maggior grado di scelta e controllo nel modo di applicare le tecnologie HPC, qualunque siano le dimensioni, la scala e in qualsiasi ambiente, dall'on premises fino al cloud”. 

HPE e Cray: tutte le nuove soluzioni end-to-end HPC e AI

Il portafoglio end-to-end di HPE include nuove capacità software, storage, di servizio, di calcolo e di interconnessione. Nel dettaglio, tali soluzioni includono:

  • Accesso as-a-Service a HPC e AI: grazie alla collaborazione di Microsoft, sarà possibile accedere alla tecnologia e ai sistemi HPC di Cray attraverso le proposte Microsoft Azure; il supporto verrà esteso alla proposta as-a-Service HPE GreenLake.
  • Semplificazione e ottimizzazione dei workload: HPE semplifica lo sviluppo e la gestione delle app per workload HPC e AI mediante Cray Programming Environment (CPE), il quale mette a disposizione una suite software completamente integrata. Quest’ultima include compilatori, linguaggi di programmazione, librerie e tool progettati per massimizzare la produttività dei programmatori e per garantire prestazioni elevate.
  • Supporto esteso di HPE Performance Cluster Management (HPCM): il software HPCM fornisce capacità di provisioning, gestione e monitoraggio per cluster scalabili fino a 100,000 nodi. Le future release di HPCMM amplieranno il supporto di sistema, includendo anche i più recenti sistemi Cray.
  • Calcolo ottimizzato per gli ambienti di qualsiasi dimensone: forte del supporto di Cray e dei relativi supercomputer, HPE offrirà ai clienti maggiore possibilità di scelta per un’ampia varietà di workload. I nuovi sistemi Cray saranno basati sull’architettura Shasta, la stessa utilizzata per realizzare i primi tre sistemi exascale degli USA.
  • Interconnessoni ad alte prestazioni: con Cray Slingshot, HPE punta a ridefinire le interconnessioni, partendo da un throughput di 200gbps e dall’implementazione di nuove feature per il controllo della congestione.
  • Storage ad alte prestazioni: Cray ClusterStor E1000 è la nuova soluzione storage del portafoglio HPC di HPE, che riduce sensibilmente la necessità di drive supplementari sfruttando un nuovo software intelligente per la gestione dei dati.
  • Esperienza personalizzata: attraverso i servizi HPE Pointnext, HPE propone servizi tecnici e consulenza alle aziende che vogliono progettare e accelerare il deployment delle relative roadmap. I nuovi servizi Cray comprendono attività di supporto quali installazione, risoluzione degli inconvenienti, manutenzione, amministrazione e ottimizzazione di sistema.

La recente gamma di soluzioni di HPE e Cray è stata presentata in occasione della Supercomputing Conference 2019 (SC19) di Denver, evento in cui sono stati annunciato anche i nuovi server HPE ProLiant DL385 e DL325 Gen10 Plus basati sui processori AMD EPYC di seconda generazione. Presentata anche una soluzione AI Ops che vede una collaborazione R&D con il National Renewable Energy Laboratory (NREL).

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^