Oracle e Microsoft uniscono le forze e annunciano l'interoperabilità di Azure e Oracle Cloud

Oracle e Microsoft uniscono le forze e annunciano l'interoperabilità di Azure e Oracle Cloud

Oracle e Microsoft hanno annunciato l'avvio di una collaborazione che porta le due aziende a offrire l'interoperabilità delle proprie piattaforme cloud: Microsoft Azure e Oracle Cloud potranno lavorare insieme

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Public Cloud
AzureMicrosoftOracle
 

Nell'ottica di semplificare l'adozione e l'integrazione di più prodotti cloud, nonché di fornire prodotti differenti e complementari, Microsoft e Oracle hanno annunciato l'interoperabilità tra Microsoft Azure e Oracle Cloud. Questo nuovo accordo permette ora alle aziende di utilizzare servizi di entrambe le piattaforme in maniera unificata.

Microsoft Azure e Oracle Cloud insieme per offrire un servizio più completo e vario

Microsoft e Oracle hanno annunciato l'avvio di una collaborazione che permetterà ai clienti delle due aziende di migrare e gestire i propri carichi di lavoro tra le due piattaforme. Sarà ad esempio possibile utilizzare Azure Analytics e l'intelligenza artificiale insieme all'Oracle Autonomous Database.

Potendo utilizzare gli strumenti presenti sulle due piattaforme, i clienti possono scegliere quelli che meglio si adattano alle loro esigenze e ottenere servizi e applicazioni necessari in maniera più semplice e unificata.

Le due piattaforme sono interconnesse su due livelli: da un lato c'è la connessione di rete, che permette ai dati di muoversi da Azure a Oracle Cloud e viceversa; dall'altro c'è l'autenticazione, grazie alla quale è possibile utilizzare i servizi di Active Directory di Azure per accedere ai servizi di Oracle con gli opportuni controlli di identità e privilegi di accesso.

Questa combinazione permette anche di utilizzare vari pacchetti applicativi di Oracle (JD Edwards EnterpriseOne, Oracle Retail, People Soft, Hyperion ed E-Business Suite) in Oracle Cloud con database Oracle (RAC, Exadata, Autonomous Database) da Azure.

Le due aziende affermano anche che il supporto sarà di tipo collaborativo e sarà possibile implementare le nuove funzionalità sfruttando relazioni e processi già in essere.

Al momento attuale la connessione è presente solo tra i data center di Azure US East e Ashburn, negli USA; le due aziende si propongono di estendere questa connessione ad altre regioni in futuro. Resta comunque un segnale interessante dell'evoluzione del mondo cloud, che sembra destinato a diventare molto più interconnesso e interoperabile di quanto non sembrasse fino ad ora.

Scott Guthrie, executive vice president della divisione Cloud e AI di Microsoft, ha dichiarato che "Data l’eccellenza di Oracle nel mercato enterprise, questa alleanza rappresenta per noi la scelta più naturale: una collaborazione che ci permetterà di aiutare i nostri rispettivi clienti ad accelerare la migrazione delle loro applicazioni e dei loro database nel cloud pubblico.". Don Johnson, executive vice president della divisione Oracle Cloud Infrastructure, ha affermato che "Oracle e Microsoft sono attive nel mercato enterprise da decenni. Con questa partnership i nostri clienti in comune potranno migrare verso il cloud tutto il loro set di applicazioni esistente senza dovere intervenire in alcun modo sull’architettura, preservando così i significativi investimenti che già hanno fatto."

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^