Denodo Standard semplifica l'accesso ai dati sparsi su differenti fonti

Denodo Standard semplifica l'accesso ai dati sparsi su differenti fonti

Da Denodo una soluzione cloud per l'integrazione dati in tempo reale che evita di doverli replicare su un nuovo repository per elaborarli. Disponibile sui principali marketplace cloud, include 150 connettori ed è accessibile anche dalle PMI

di pubblicata il , alle 08:41 nel canale Cloud
Denodo
 

Gestire i dati aziendali diventa sempre più complesso, sia per l'enorme quantità di informazioni che vengono acquisite, sia per il fatto che queste sono sparse su differenti sistemi. Qui entrano in gioco le soluzioni di data integration, che si occupano di raccogliere le informazioni dalle varie sorgenti e di offrire agli utenti una visione unificata. Una delle più recenti sul mercato è Denodo Standard, che lavora in cloud e fa leva sulla virtualizzazione dei dati e intelligenza artificiale

Denodo Standard, la democratizzazione della data integration

Denodo Standard

Denodo, realtà specializzata nell'ambito del data virtualization, ha lanciato una nuova soluzione per l'integrazione dei dati in tempo reale: Denodo Standard. Tipicamente, per eseguire questo tipo di operazioni sui dati è necessario replicare le informazioni aggregate dalle diverse sorgenti in un nuovo repository, operazione che richiede tempo e competenze. Denodo Standard rende inutile la replica e permette alle imprese di accedere direttamente alle informazioni aggregate tramite un'interfaccia web, riducendo od eliminando del tutto la necessità di scrivere codice, secondo i dettami della filosofia low code/no code. Denodo Standard dispone di 150 connettori per importare le informazioni presenti su data warehouse in cloud, data lake e applicazioni SaaS. 

La soluzione può essere acquistata dai marketplace di AWS, Azure e Google Cloud e può essere testata gratuitamente per 30 giorni. Trattandosi di un servizio cloud, l'implementazione è molto rapida e la tariffazione su base oraria rende il servizio accessibile anche alle PMI.

Le funzionalità principali di Denodo Standard sono le seguenti:

  • Un motore di data virtualization ad alte prestazioni per integrare e rendere disponibili i dati in tempo reale
  • Una moderna interfaccia web utente unificata con single sign on
  • Un data science notebook basato su Apache-Zeppelin integrato
  • Una struttura wizard-driven no-code/low-code con suggerimenti e completamento automatico
  • La creazione zero-code di modelli virtuali per rendere disponibili i dati da qualsiasi fonte per qualsiasi utente, molto più velocemente
  • La creazione no-code di data API: supporto per GraphQL, REST, OData con OAuth, SAML e Open API
  • Un’ampia connettività Cloud che include: Amazon Redshift, Azure Synapse Analytics, Databricks Delta, Google BigQuery, archivi dati cloud come AWS S3, Azure Data Lake Storage e Google Cloud Storage, applicazioni SaaS come Salesforce, Marketo e Google Analytics.
Ulteriori funzioni di data management, fra cui un catalogo dati basato su machine learning, sono disponibili in Denodo Platform, al quale gli utenti della versione Standard possono passare in ogni momento.

"L’obiettivo di Denodo Standard è mettere a disposizione più velocemente il valore dei dati per aziende di ogni dimensione, con un impegno minore in termini di costi e risorse. Grazie all’automazione dell’infrastruttura cloud, a tariffe basate sull’effettivo utilizzo e alla possibilità di effettuare prove gratuite sui marketplace cloud, abbiamo ridotto le barriere all’utilizzo di Denodo per la data integration" - spiega Ravi Shankar, senior vice president and chief marketing officer di Denodo - “Siamo entusiasti di poter portare il valore della data virtualization a un numero ancora maggiore di aziende, specialmente alle piccole e medie imprese. Siamo convinti che molte di loro, dopo aver compreso i benefici e il rapido ritorno sull’investimento che Denodo offre, si sposteranno velocemente oltre l’utilizzo iniziale verso le funzionalità del logical data fabric aziendale”.  

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^