Kingston stila la lista dei cinque data center più bizzarri al mondo

Kingston stila la lista dei cinque data center più bizzarri al mondo

In mezzo al ghiaccio, nel deserto, all'interno di bunker atomici... alcuni data center sono posizionati in alcuni dei posti più inospitali o inaccessibili del mondo. Kingston ha stilato la sua lista di quelli che considera più peculiari

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Cloud
Kingston
 

Scegliere dove posizionare un data center non è un'impresa facile: bisogna trovare un luogo sicuro, facile da blindare e proteggere, tenendo anche conto dei costi che, in particolare per il raffreddamento, possono risultare elevatissimi, e da qui si comprende la scelta di posizionare alcuni data center in mezzo ai ghiacci, o sotto al mare. Se poi i dati che si ospitano sono particolarmente sensibili, o scottanti come nel caso di Wikileaks, nella scelta entra in gioco anche la valutazione sulla politica, e la legislazione, del paese. 

Date queste considerazioni non stupisce che alcuni data center siano dislocati in alcuni dei luoghi più inospitali, o protetti, del pianeta, come questi cinque, che Kingston indica come i più bizzarri.

Pionen White Mountains, il bunker che custodiva Wikileaks

Pionen è un ex bunker antiatomico situato a Stoccolma che dal 2008 è stato riconvertito per essere usato come data center. Anzi, IL data center, per lo meno se si parla di sicurezza. Offre 1.100 metri quadrati di spazio per i server, che sono protetti da uno strato di 30 metri di granito. Nemmeno una bomba atomica potrebbe metterlo in crisi. È diventato noto quanto, in passato, ha ospitato i server di Wikileaks. 

Pionen

SuperNap, a due passi da Las Vegas

SuperNap è una serie di data center realizzata operata da Switch che ospita i server di numerose aziende della Top 100 di Fortune e, di conseguenza, il loro ruolo è strategico. Sono dislocati in mezzo al deserto, a pochi chilometri da Las Vegas. Perché metterlo in un posto tanto caldo? Semplice: l’area di Las Vegas è una delle poche negli Stati Uniti a non aver mai subito particolari catastrofi naturali come terremoti, uragani e tifoni. Da queste parti poi l’energia è facilmente reperibile e a prezzi molto concorrenziali.

Il data center di Kolos in mezzo ai ghiacci

Ballangen è una piccola cittadina della Norvegia all'interno del Circolo Polare Artico che ospita uno dei data center più grandi al mondo, strutturato per poter assorbire sino a 1.000 MW. La posizione lo rende inespugnabile e le condizioni ambientali permettono di risparmiare investimenti sull'impianto di raffreddamento

Northern Isles, il data center subacqueo

Più che un vero data center, Northern Isles è un esperimento, che fino a questo momento sta offrendo risultati molto interessanti: perché non sommergere i data center, così da tenerli al fresco e garantire l'inespugnabilità? Da questa intuizione è nato l'esperimento Project Natick di Microsoft. Nel 2018, dopo anni di studi di fattibilità, il data center, contenuto in un cilindro lungo 12 metri, è stato calato nei pressi delle isole Orkney, al largo della Scozia. Opererà per 5 anni, prima di essere riportato in superficie per aggiornare i server

 

Global Cloud Data Center, un data center di 200.000 mq a Bergamo 

Il Global Cloud Data Center è realizzato da Aruba e posizionato a Ponte San Pietro, in provincia di Bergamo. Il perché della scelta è ecologico: l'energia è fornita dalle migliaia di pannelli solari che rivestono le pareti e dal vicino fiume Brembo, che alimenta una centrale idroelettrica. La zona, poi, è considerata sicura dal punto di vista sismico. 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
domthewizard05 Ottobre 2019, 12:35 #1
[I]...È diventato noto quanto, in passato, ha ospitato i server di Wilikeaks. [/I]

[i]Il data center di Kolos in mezzo ai ghiacchi[/i]

Link ad immagine (click per visualizzarla)
r134805 Ottobre 2019, 13:11 #2
Diciamo che alcuni di questi sono più esercizi di stile che veri e propri data center.
Inoltre segnalo che SuperNap ha un data center anche in Italia, a Siziano (PV).
Avatar005 Ottobre 2019, 17:04 #3
Kolos sembra uscito da un film di fantascienza
Pionen white deve essere una gran ficata lavorarci o anche solo visitarlo
Mechano07 Ottobre 2019, 09:42 #4
Il datacenter sommerso di Microsoft?
Quando lavoravo in una famosa banca italiana c'era la figura dell'abbottonatore.
Era colui che andava a pigiare fisicamente il bottone di reset dei server Windows che si bloccavano.
Siccome il campus con i padiglioni del datacenter era grande, a questo ragazzetto (erano sempre giovani quelli dell'help desk di I liv.) toccava anche sotto la pioggia, prendere l'ombrello e farsi una passeggiata fino al campus e la stanza in cui si trovava il server che doveva resettare.

Non oso immaginare se a bloccarsi è uno di questi server sotto il mare. Toccherà dotarsi di muta da sub e scendere col sommergibile.

Oppure collegheranno tutti i pulsanti di reset ad una scheda dotata di sistema operativo serio come BSD, che ha una batteria di relè pilotabili via software che chiudono il circuito del pulsante di reset del server bloccato.

Oppure sarà un cluster e il resto tutte virtual machine.
biometallo07 Ottobre 2019, 10:05 #5
Originariamente inviato da: domthewizard
[I]...È diventato noto quanto, in passato, ha

Ma quanto Dempo fa?
Oh chiariamoci, è un errore comune e spesso ne faccio anche di peggio, però mi ha fatto ridere il fatto che tu l'abbia anche messo in grassetto.


Originariamente inviato da: Mechano
Oppure sarà un cluster e il resto tutte virtual machine.


O magari usano una variante del lungo arnese

Link ad immagine (click per visualizzarla)
online image upload free
jepessen07 Ottobre 2019, 10:51 #6
Originariamente inviato da: Mechano
Il datacenter sommerso di Microsoft?
Quando lavoravo in una famosa banca italiana c'era la figura dell'abbottonatore.
Era colui che andava a pigiare fisicamente il bottone di reset dei server Windows che si bloccavano.
Siccome il campus con i padiglioni del datacenter era grande, a questo ragazzetto (erano sempre giovani quelli dell'help desk di I liv.) toccava anche sotto la pioggia, prendere l'ombrello e farsi una passeggiata fino al campus e la stanza in cui si trovava il server che doveva resettare.

Non oso immaginare se a bloccarsi è uno di questi server sotto il mare. Toccherà dotarsi di muta da sub e scendere col sommergibile.

Oppure collegheranno tutti i pulsanti di reset ad una scheda dotata di sistema operativo serio come BSD, che ha una batteria di relè pilotabili via software che chiudono il circuito del pulsante di reset del server bloccato.

Oppure sarà un cluster e il resto tutte virtual machine.


Se non sapete utilizzare Windows che lo fate incriccare mica e' colpa di Microsoft, ma di gente che e' convinta che doppiocliccare basti per fare tutto senza studiare.. I server windows se li gestisci nella maniera corretta non danno problemi, e non devono essere riavviati a meno di quelli necessari per la normale manutenzione.

D'altronde ho visto server Linux tostati per bene per un rm -fr di troppo, perche' un processo riempe di log tutto il disco o perche' modificano le configurazioni del dns alla cacchio di cane, e la reinstallazione e' l'unica soluzione, ma chissa' perche' quando si tosta un computer Linux la colpa e' dell'amministratore, quando si tosta un computer windows la colpa e' di Microsoft, mai dei programmi che ci girano sopra o di chi li programma o li utilizza...
domthewizard07 Ottobre 2019, 11:18 #7
Originariamente inviato da: biometallo
Ma quanto Dempo fa?
Oh chiariamoci, è un errore comune e spesso ne faccio anche di peggio, però mi ha fatto ridere il fatto che tu l'abbia anche messo in grassetto.

perchè è un errore che probabilmente segnalerebbe anche il correttore automatico di word, e da una testata giornalistica (almeno spacciata per tale) è inaccettabile. sia chiaro in giro si legge di peggio, ma a me dà fastidio lo stesso. è normale fare un errore per questo si dovrebbe rileggere più volte quello che si scrive, anche io lavoro spesso con cose da scrivere e se non lo facessi andrei fallito perchè dovrei ritirare e ristampare tutti i lavori
omihalcon07 Ottobre 2019, 11:22 #8
I server hanno l'interfaccia di controllo hardware, faccio esempio di Fujitsu che ha l'IRMC dove puoi vedere tutto e riavviare senza problemi basta avere una connessione di rete funzionante, anche HP ha la gestione che se non sbaglio è HPE iLO.

Il problemi ci sono solo in caso di guasto hardware dove bisogna intervenire manualmente.
Una grotta non è un problema, la stanza sarà climatizzata e i server non lasciati all'umido, però per una farm subacquea vedo l'accesso piuttosto difficoltoso.
Sono macchine e sono soggette a rottura, inoltre non è detto che le località scelte non siano soggette a terremoti, vedi il caso di Modena territorio considerato prima dell'evento catastrofico non sismico.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^