Quant'è il costo ambientale dei dati inutilizzati? Per Veritas il conto è salato: 5,8 milioni di tonnellate di CO2 nel 2020

Quant'è il costo ambientale dei dati inutilizzati? Per Veritas il conto è salato: 5,8 milioni di tonnellate di CO2 nel 2020

Quando costano i dati inutilizzati tenuti nei data center nel mondo? Secondo Veritas il costo è elevato: 5,8 milioni di tonnellate di CO2. Numeri impressionanti che si possono però migliorare con una gestione più intelligente dei dati

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Cloud
Veritas Technologies
 

Spesso si considerano i dati in due termini: spazio di archiviazione necessario per ospitarli e potenza di calcolo necessaria per elaborarli. Esiste tuttavia un altro punto di vista non meno importante che è quello dell'inquinamento generato dai dati e dal fatto che una larga fetta di questi non venga sfruttata da individui e aziende, di fatto producendo inquinamento senza un ritorno economico o di utilità. Secondo Veritas Technologies quest'anno si produrranno fino a 5,8 milioni di tonnellate di anidride carbonica a causa dei dark data, i dati archiviati ma mai utilizzati.

Veritas Technologies: i dati inutilizzati hanno un prezzo ambientale elevatissimo

Se è vero che la digitalizzazione sta portando a notevoli risparmi di energia e a nuove modalità di produzione e di utilizzo dei prodotti e dei dispositivi, dall'altro lato è anche vero che queste attività portano alla produzione di CO2. Il vero problema sta nel fatto che, secondo una ricerca di Veritas, in media il 52% dei dati prodotti dalle aziende nel mondo non viene utilizzato e rimane nei data center senza che ne venga estratto alcun valore.

Veritas parla di "dark data" per descrivere questi dati: dati dei cui contenuti e del cui valore le aziende non sono a conoscenza - un po' come la materia oscura nel caso dell'astronomia. Ai notevoli costi economici di questo spreco si aggiungono i costi ambientali, che Veritas stima in 5,8 milioni di tonnellate di CO2 all'anno. Si tratta di un'emissione pari a quella del Brunei, o se preferite a quella di Hong Kong, Lussemburgo e Mauritius tutte insieme.

Per controbilanciare l'emissione di così tanta anidride carbonica bisognerebbe piantumare a foresta un'area pari a 7.500.000 acri, ovvero circa 30.000 km²: si tratta di una superficie pari a quella del Belgio o, se preferite, maggiore della più grande regione italiana, la Sicilia (~25.000 km²).

Si può però ridurre questo spreco: le aziende devono adottare pratiche di mappatura e "scoperta" dei dati per sapere quali e quanti dati hanno a disposizione per poterne estrarre valore e per eliminare quelli non necessari. Queste pratiche aiutano oltretutto le aziende ad assicurare il rispetto delle normative sul trattamento dei dati e garantiscono quindi un vantaggio di non poco conto.

Il metodo migliore, secondo Veritas, è quello dell'automazione dei controlli, dato che la quantità di dati a disposizione delle aziende supera di gran lunga quella gestibile dalle persone. Impiegare politiche di controllo rigoroso di quanti e quali dati vengano memorizzati aiuta poi a semplificare la gestione e la conservazione degli stessi.

“In tutto il mondo, individui e aziende stanno lavorando per ridurre il loro impatto ambientale, ma spesso i Dark Data non compaiono nelle liste di azioni da intraprendere. Tuttavia, tali dati stanno producendo più anidride carbonica di quanto non facciano individualmente 80 paesi, quindi è chiaro che si tratta di una questione che tutti devono iniziare a prendere molto sul serio. Analizzare i Dark Data e cancellare le informazioni che non sono necessarie dovrebbe diventare un imperativo morale per le aziende di tutto il mondo" dichiara Phil Brace, chief sustainability officer ed executive vice president della divisione appliances e software-defined storage di Veritas. "Le aziende devono comprendere questo tipo di dati e le relative policy, in modo da non vedere un aumento smisurato delle emissioni. Ma tutti noi come individui possiamo svolgere un ruolo in questa situazione. Quasi ognuno di noi archivia dati a cui non accederà mai più, semplicemente perché il cloud storage è così economico e disponibile - migliaia di video e foto che non guarderemo mai, o e-mail che nonleggeremo mai - e ci sono centinaia di milioni di persone che lo fanno. Le aziende e i consumatori di tutto il mondo devono imparare a gestire i loro dati per il bene del pianeta.”

Se è vero, dunque, che i dati possono costituire una fonte di ricchezza per le aziende, dall'altro lato è altresì vero che non tutti i dati sono necessari e, anzi, possono costituire un problema da gestire: per il benessere delle finanze aziendali e del pianeta, dunque, è bene adottare politiche chiare sulla gestione dei dati ed evitare sprechi.

Veritas ha pubblicato un'infografica a questo indirizzo.

 

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SpyroTSK25 Aprile 2020, 19:34 #1
basta far chiudere tutti i social inutili, come facebook, instagram ecc...regolamentare youtube facendo piazza pulita di tutti i millmila video identici o i famosi "Compilation stoca**o 2020" che è lo stesso del 2019 con gli spezzoni mischiati, oppure il 123489274957 video di come smontare un cazzo di iphone o ancora, l'ennesimo gatto che dice mamma, l'ennesimo complottista con disturbi importanti e finalmente rinchiudere in casa con Hannibal Lecter per 15 giorni chiunque faccia una fakenews e che si nasconde dietro la "satira"
Riky197927 Aprile 2020, 10:41 #2
Non credo il problema sia facebook etc in questo caso, ma i dati che vengono raccolti a livello aziendale e che non vengono analizzati o utilizzati. Stavo giusto guardando che nel mio piccolo ho circa 300Gb di dati grezzi non analizzati negli anni, quando li acquisisci poi dici sempre che prima o poi li analizzerai o ti serviranno e cosi non li cancelli. Immagino che sia cosi in molti casi ovvero che si archivia di tutto senza prestare troppa attenzione, per me equivale solo avere diciamo 1 disco esterno fermo con questi dati e quindi a parte il costo di acquisto non consuma energia, ma in una azienda i dati sono su server e quindi i dati consumano risorse nel sistema. Forse servirebbe un sistema diverso che potrebbe partire da una maggiore attenzione a cosa si archivia o anche a nuovi sistemi di archiviazione.
DarkmanDestroyer27 Aprile 2020, 20:21 #3
tempo della famosa "pulizia contatti"
la facessero veramente poi...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^