Una ricerca di Intel e Dell evidenzia come il 95% delle aziende che hanno adottato il cloud non massimizza l'investimento

Una ricerca di Intel e Dell evidenzia come il 95% delle aziende che hanno adottato il cloud non massimizza l'investimento

Una ricerca condotta da Dell e Intel svela come la gestione non coerente delle architetture public cloud operata da molte imprese impedisca loro di sfruttare tutti i vantaggi offerti dai servizi sulla nuvola

di pubblicata il , alle 18:21 nel canale Cloud
DellIntel
 

La maggior parte delle aziende ha introdotto strategie cloud, comprendendo l'importanza di questa tecnologia. Il rovescio della medaglia è che solo una piccola percentuale lo gestisce in maniera coerente, vanificando quindi sforzi e investimenti. Questo è quanto emerge da un recente studio di Enterprise Strategy Group (ESG), commissionato da Dell e Intel, che è stato condotto intervistando 1.300 decision maker IT occupati presso aziende pubbliche e private in Nord America, Europa, Asia e America Latina.

Secondo Dell e Intel la coerenza è fondamentale per sfruttare a pieno il potenziale del cloud ibrido

Non esiste solo un cloud, come ben sanno i lettori di Edge9. Esiste il cloud pubblico, quello privato e quello ibrido, che si appoggia anche a infrastrutture on-premise. Questa frammentazione non è di per sé un problema ma, se non gestita in maniera adeguata e coerente, può aumentare la complessità delle operazioni, vanificando almeno in parte i vantaggi della  "nuvola".

Riuscite a gestire in maniera coerente il cloud permette di aumentare l'efficienza, velocizzando i clcli di produzione e diminuendo in maniera significativa (sino al 30%) le violazioni di sicurezza e le interruzioni del servizio. Al momento, però, solo il 5% delle aziende prese come campione della ricerca di ESG ha raggiunto questo obiettivo

"È positivo vedere che sempre più organizzazioni riconoscono il valore di ambienti IT multi-cloud" - spiega Nigel Moulton, Global Chief Technology Officer di Dell Technologies, che aggiunge: "se solo il 5% delle aziende intervistate ritiene di aver raggiunto la coerenza della gestione del cloud, significa che un'ampia percentuale di imprese non sta ancora sperimentando i numerosi vantaggi che questo approccio offre. È chiaro che occorre fare di più per allineare e semplificare questi ambienti ibridi". 

 

Research Insight Paper

 

Secondo lo studio, i principali vantaggi di una gestione coerente sono la riduzione dei costi, l'accelerazione del time to market e la maggiore efficienza operativa: si stima che si potrebbero risparmiare sino più di 70 ore/persona alla settimana.  

Ma quanto tempo è necessario per rimettere ordine nell'architettura così da renderne la gestione coerente? I risultati della ricerca stimano un lasso di tempo compreso fra i 12 e i 18 mesi, seguendo le linee guida suggerite: 

  • Non dimenticarsi del private cloud: sebbene la coerenza della gestione del cloud sia fondamentale, non è l'unico requisito necessario per il successo del cloud ibrido. Le organizzazioni dovrebbero anche garantire che la loro infrastruttura on-premise sia modernizzata, compatibile con il cloud, iperconvergente e API-driven.

 

  • Le skill necessarie per la trasformazione: è stato dimostrato che la coerenza della gestione del cloud sarà un elemento di trasformazione per i team IT grazie all'aumento dell'utilizzo di AI/ML e allo sviluppo accelerato delle applicazioni. Con la razionalizzazione dei workflow nella gestione del cloud, i responsabili IT dovrebbero concentrarsi sulla formazione e sul reclutamento di talenti con le competenze necessarie per supportare gli analytics, i DevOps e le iniziative di intelligent automation.

 

  • L’importanza degli esperti: Per molte organizzazioni, arrivare ad avere una gestione coerente del cloud potrebbe richiedere l’aiuto di esperti, come ad esempio vendor, system integrator, rivenditori o tutte e tre le categorie; l’importante è che i responsabili IT di queste aziende ne siano consapevoli se vogliono implementare progetti di infrastrutture cloud.

 

Ulteriori dettagli, così come il PDF completo della ricerca, sono disponibili a questo indirizzo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
giovanni6923 Aprile 2020, 21:36 #1
Che sia perchè le aziende ci pensano su anche due volte prima di trasferire il proprio know-how di processo ed informativo presso il computer di qualcun altro?... Chissà perchè questi articoli non entrano mai nel dettaglio puntuale, esaustivo, tecnico-legale degli EULA e dove/come/chi potrebbe aver accesso a tali dati nel trasferire digitalmente il tutto su cloud.
amd-novello23 Aprile 2020, 21:44 #2
Oste, e il vino?
noppy123 Aprile 2020, 21:57 #3
per me il problema è un altro , il cloud sposta la tipologia di costi portandolo da un costo ammortizzabile a uno variabile in base al consumo, il problema è che per risparmiare notevolmente devi avere sia le conoscenze che il software "fatto per il cloud" , se pensi di comprare una macchina e tenerla sempre accesa con piu o meno le stesse caratteristiche che avevi nel CED prima allora il cloud non serve quasi a nulla ma pensare "cloud" è un lavoro a tempo pieno e l'umanità ha sempre cercato la via piu semplice e quindi non c'è ancora uno sfruttamento corretto , tra l'altro la competizione per ora ha generato servizi proprietari con ben pochi standard e questo frena molto l'adattamento del software.
Vash_8523 Aprile 2020, 21:59 #4
Sui cloud americani ho sempre i miei bei dubbi, tempo fa ne parlavo con il fratello di uno dei miei ex capi, direttore dei servizi IT di una grossa banca del sud, e mi parlava di come i capoccia della banca avessero delocalizzato tutto su cloud americani tempo addietro, e parliamo di dati bancari talvolta riservatissimi, una volta approvato il "cloud act" dall'amministrazione Trump, spaventati dalle reazioni di parecchi clienti alla notizia e alle possibili implicazioni, hanno provato a a riportare su territorio europeo e su cloud non americani parte dei database ma a quel punto era quasi impossibile per via dei costi che erano diventati elevatissimi, per di più dato l'IT interno era ridotto all'osso e hanno dovuto desistere perdendo parte della clientela facoltosa.
truncksz24 Aprile 2020, 14:37 #5
a questo indirizzo quale? manca l'url

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^