Iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, attiva le notifiche e rimani aggiornato su tutti i nuovi video

Facebook lancia Horizon Workrooms, per la collaborazione da remoto in realtà virtuale

Facebook lancia Horizon Workrooms, per la collaborazione da remoto in realtà virtuale

Altro che Zoom o Teams: secondo Facebook il modo più efficace di fare riunioni a distanza è quello di incontrarsi virtualmente usando i propri avatar e visori per la VR. La beta pubblica dell'applicazione è già disponibile a tutti

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Innovazione
OculusFacebook
 

La collaborazione da remoto è diventata consuetudine in buona parte degli uffici da quando la pandemia di Covid ha limitato la possibilità di spostarsi, anche solo per andare in ufficio. In breve tempo, però, la stragrande maggioranza delle imprese si sono adattate, nel modo più semplice e immediato possibile: le riunioni e le comunicazioni si sono spostate su canali digitali, soprattutto tramite Zoom e Teams, che hanno unito - pur solo virtualmente - colleghi e partner. 

Le app di videocomunicazione si sono rivelate estremamente efficaci nell'avvicinare persone distanti, ma secondo Facebook si può fare molto di più sfruttando la realtà virtuale e, nello specifico, il visore Oculus Quest 2. Il colosso dei social non si è limitato a parlare e ha già reso pubblica la beta di Horizon Workrooms, la sua nuova esperienza di collaborazione remota destinata all'utenza business.

Horizon Workrooms: Oculus Quest 2 diventa uno strumento per il business 

App come Zoom, Teams, Cisco Webex e via dicendo hanno accorciato le distanze, rendendo le riunioni da remoto più vive, coinvolgenti ed efficaci. Non è come incontrarsi di persona, naturalmente, ma è un enorme passo avanti rispetto a una classica telefonata. Secondo Facebook, però, si può fare di più grazie alla tecnologia e, in particolare, alla realtà virtuale. Per mostrare al mondo la sua visione, l'azienda ha lanciato (in open beta) Horizon Workrooms, un'applicazione per la collaborazione remota che fa leva sul visore Oculus Quest 2 per avvicinare ulteriormente i partecipanti e rendere le riunioni più coinvolgenti

workrooms

Il concetto è semplice: se un video ci fa sentire più vicini agli interlocutori, anche se si trovano dall'altra parte del mondo, un avatar non può che essere ancora più efficace. Grazie al visore, infatti, è possibile entrare "letteralmente" in una sala riunioni condivisa, coi partecipanti seduti attorno a una scrivania, o che si muovono per la stanza, invece di apparire come semplici finestrelle video. Avatar che mostrano emozioni tramite le loro espressioni facciali e che si muovono realisticamente, anche grazie al supporto dell'hand tracking

Non sono fotorealistici, è vero, ma sono più coinvolgenti degli stream ripresi dalle videocamere, spesso di bassa qualità, integrate nei dispositivi portatili. L'audio spaziale, poi, aiuta a immergersi ancora di più nell'atmosfera, localizzando la provenienza dei suoni sulla base della disposizione dei partecipanti. 

Trattandosi di un'app per la collaborazione remota, è stata riservata particolare attenzione a funzionalità come le chat interne, la condivisione di link e documenti, e non manca una lavagna virtuale condivisa. Una volta terminata la riunione, le lavagne ed eventuali appunti presi dai partecipanti non spariranno, ma rimarranno accessibili anche in un secondo momento. 

Hand tracking o dispositivo di input fisico? La scelta è nelle mani dell'utente!

Trattandosi di un'applicazione per la collaborazione da remoto, Horizon Workrooms consente agli utenti di immergersi completamente nel mondo virtuale, anche abbandonando i dispositivi fisici. Vogliamo prendere appunti? Grazie all'hand tracking, non sarà necessario utilizzare una tastiera fisica per scrivere note: basterà muovere le dita sulla scrivania per usare una tastiera virtuale, o prendere appunti a "penna" su un foglio virtuale. Questo non impedirà a chi lo preferisce di appoggiarsi a dispositivi di input fisici, alternandoli a quelli reali senza mai uscire dalla stanza virtuale.

handtracking.jpg

I risultati migliori si ottengono adottando delle tracked keyboard, come per esempio la Logitech K830: a questo indirizzo, la (breve) lista di quelle attualmente supportate.

Non solo VR: può partecipare anche chi non è dotato di visore

Per immergersi totalmente nelle riunioni virtuali è necessario un visore Oculus Quest 2, un dispositivo che però non è così diffuso, in particolare in ambito business. Facebook ha compreso bene che se vuole garantire successo ad Horizon Workrooms non può escludere chi non è dotato di dispositivi per la realtà virtuale e ha scelto di rendere le stanze accessibili a tutti, tramite una semplice videocamera. In questo caso, i partecipanti da remoto privi di dispositivo VR verranno visualizzati su uno schermo della stanza virtuale, un po' come accade con i collegamenti da remoto durante conferenze o incontri di lavoro. 

riunioniFB

Il numero massimo di partecipanti per ogni stanza virtuale è di 50 persone, ma solo 16 contemporaneamente in VR: gli altri dovranno partecipare tramite videochiamata. 

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Therinai23 Agosto 2021, 20:44 #1
Se con tutti i soldi che cià facebook questa cagata è quanto riescono a produrre direi che il futuro della vr è ancora in mano a nerd, smanettoni e ingegneri scappati di casa
LMCH23 Agosto 2021, 21:35 #2
Originariamente inviato da: Therinai
Se con tutti i soldi che cià facebook questa cagata e quanto riescono a produrre direi che il futuro della vr è ancora in mano a nerd, smanettoni e ingegneri scappati di casa

Sembra quasi un progetto orientato alla teledidattica per bambini delle elementari che qualcuno ha pensato di riutilizzare per usi aziendali.
Therinai23 Agosto 2021, 21:47 #3
Originariamente inviato da: LMCH
Sembra quasi un progetto orientato alla teledidattica per bambini delle elementari che qualcuno ha pensato di riutilizzare per usi aziendali.


Sì vero.
Tra la'ltro nel contesto delle videoconferenze ci vedo meglio la realtà aumentata che la VR.
O se no restando in ambito vr quel programma che ti mette la faccia da cane durante lo streaming fa un lavoro più interessante di questa robetta fatta dal colosso facebook.
Gringo [ITF]24 Agosto 2021, 09:09 #4
... Vedo già la Nintendo in fermento......
Qui il problema non sono le idee fatte male, è proprio prender per i fondelli la gente, sembra un progetto a livello di Microsoft BOB, solo presentato nel 2021.

La lavagnetta con il penarellino.... gli incontri con i personaggi stile Wii...
... Fanno quasi PENA !

Elon... o ci pensi tu.... o qui la VR non si smuove dal fossile che è !

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^