Le soluzioni di Cisco per ripartire in sicurezza

Le soluzioni di Cisco per ripartire in sicurezza

Da Cisco un portafoglio di soluzioni per modernizzare il posto di lavoro, garantendo la sicurezza fisica dei dipendenti che tornano in ufficio, e consentendo a chi opera da remoto di proseguire la sua attività senza impattare sulla produttività

di pubblicata il , alle 16:41 nel canale Security
CiscoCisco Webex
 

Ci vorrà ancora un po' di tempo, ma ora che il piano vaccinale è partito pian piano le persone riprenderanno le loro abitudini, tornando anche a lavorare dall'ufficio. Meno frequentemente di prima, molto probabilmente, dato che lo smart working ha portato risultati positivi, ma gli uffici torneranno a essere un punto di incontro, anche se non si potrà abbassare la guardia e continuerà a essere fondamentale garantire delle regole per limitare eventuali contagi. 

Per supportare le aziende in questa fase, Cisco ha nel suo portafoglio una serie di soluzioni in grado di coprire quasi tutte le esigenze, da quelle di comunicazione a distanza alla sicurezza delle reti industriali. Fondamentalmente, possiamo suddividerle in due aree: le soluzioni per il ritorno sicuro in ufficio e quelle per lavorare da remoto in sicurezza.

Tornare in ufficio in sicurezza: le soluzioni di Cisco

DNA Spaces Back to Business è una suite di applicazioni che raccolgono i dati provenienti dai sensori di prossimità e monitoraggio installati negli uffici che consente di tenere sotto controllo l'occupazione degli spazi e garantire in questa maniera il distanziamento sociale. Il loro punto di forza e la possibilità di integrazione con le piattaforme Cisco Catalyst e Meraki, che permettono di implementare DNA Spaces Back to Business in meno di mezzora. Meraki è un sistema di sorveglianza basato su videocamere e sensori intelligenti, capace non solo di calcolare il numero di persone presenti nell'edificio e nelle varie stanze, ma anche di offrire informazioni sulla temperatura, l'umidità, individuare eventuali perdite e verificare l'apertura chiusura delle porte. 

meraki

Questa soluzione è pensata per i tradizionali uffici, mentre per ambienti industriali l'azienda propone Cisco Industrial Asset Vision, che fa leva su sensori IoT per garantire il distanziamento sociale.

Le soluzioni di Cisco per chi continuerà a lavorare da remoto

Il lavoro da remoto non sarà un ricordo del passato una volta terminata l'emergenza sanitaria, tutt'altro, e sarà di conseguenza fondamentale rivedere l'infrastruttura per continuare a garantire questa possibilità a tutti i dipendenti. Per supportarle, Cisco propone due piattaforme: Cisco Secure Remote Worker e Cisco Managed Remote Access. La prima è una soluzione che si appoggia a Cisco Secure Access by Duo per verificare l'identità di tutti gli utenti prima di concedere l'accesso alle applicazioni aziendali, sia che si trovino in azienda sia che lavorino da remoto, sfruttando Cisco AnyConnect Mobility Client (VPN). Secure Remote Worker lavora insieme a Cisco Umbrella per garantire la sicurezza Internet e prevenire le minacce. 

Cisco Managed Remote Acces offre le stesse funzioni, con la differenza che si tratta di un sevizio gestito e supervisionato da Cisco, che non andrà quindi a caricare di ulteriore lavoro le risorse IT interne all'azienda. 

"Le aziende sono alle prese con la necessità di trasformare la forza lavoro e il posto di lavoro in un periodo senza precedenti, mantenendo la produttività ed evitando complicazioni" - spiega Maribel Lopez, fondatrice e analista principale di Lopez Research - "Quelli che non avevano già un piano di trasformazione digitale si sono mossi rapidamente per indirizzare tale priorità mentre chi l'aveva ha accelerato il suo piano. La necessità di una forza lavoro protetta e connessa da qualsiasi luogo e con qualsiasi dispositivo richiede che le aziende siano più agili e diano priorità alla digitalizzazione, all'automazione, alla sicurezza e alla collaborazione per creare esperienze di lavoro affidabili per dipendenti e clienti".

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^