Huawei e ZTE: l'Italia pronta a chiudere la porta per lo sviluppo della rete 5G [AGGIORNATO]

Huawei e ZTE: l'Italia pronta a chiudere la porta per lo sviluppo della rete 5G [AGGIORNATO]

E' un'indiscrezione, ma pare ben fondata: l'Italia potrebbe rescindere i contratti già in essere con le due società per lo sviluppo di reti 5G. Timori sulla sicurezza dei dati nazionali

di pubblicata il , alle 11:44 nel canale TLC e Mobile
HuaweiZTE
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
clachi12 Febbraio 2019, 16:28 #21
Complotti a go-go!
+Benito+12 Febbraio 2019, 18:46 #22
Rimane il fatto che se domani la cina dice basta, hanno vinto tutto. gran parte dell'industria utilizza componenti prodotte in cina con materie prime cinesi, una porzione dell'argicoltura viene da là, probabilmente il 90% dell'elettronica di consumo è prodotta tra hong kong e taiwan, le infrastrutture di rete sono prodotte in cina o con componenti per la grande maggioranza cinesi. Loro sono per la maggiore autosufficienti, e sono stati talmente bravi da portare il mondo a dipendere da loro.
Pensate che a un popolo che quando lancia un lunga marcia lo fa cadere dove capita in mezzo ai villaggi possa fregare qualcosa di un presedente americano? Ringraziamo che sono meno aggressivi degli americani e che Putin è una persona molto più intelligente di quello che ci vogliono far credere, se no saremmo terra di conquista da un ventennio almeno.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^