Con Cloud for Healthcare Microsoft vuole rivoluzionare il settore sanitario

Con Cloud for Healthcare Microsoft vuole rivoluzionare il settore sanitario

Microsoft Cloud for Healthcare stato pensato per accelerare la trasformazione digitale del settore sanitario, portando maggiore efficienza e automazione anche per questo tipo di flussi di lavoro. La soluzione gi disponibile come preview pubblica

di pubblicata il , alle 17:01 nel canale Cloud
MicrosoftAzureintelligenza artificiale
 

Microsoft Cloud for Healthcare è la prima soluzione verticale dell'offerta cloud di Microsoft dedicata al settore della sanità. Già disponibile in preview pubblica, può essere testata gratuitamente nell'arco dei prossimi sei mesi. L'obiettivo è quello di rivoluzionare il settore sanitario, da un lato offrendo insight di maggior valore a dottori e ricercatori, dall'altro spingendo sul coinvolgimento dei pazienti, così da migliorare la collaborazione, l'efficienza e i processi decisionali

Microsoft Cloud for Healthcare vuole accelerare la trasformazione digitale del settore sanitario

Microsoft Cloud for Healthcare è un servizio che punta su 5 pilastri: 

  • Coinvolgere maggiormente i pazienti
  • Migliorare la collaborazione fra i team di medici
  • Migliorare gli insight sui dati clinici
  • Offrire una piattaforma cloud basata sui principi di interoperabilità, sicurezza e fiducia
  • Mettere in piedi un ecosistema di partner nel settore sanitario

Sotto il profilo del coinvolgimento del paziente, Microsoft punta a supportare le strutture sanitarie nella creazioni di percorsi di cura individuali, o dedicati a un gruppo di pazienti, che possono essere gestiti anche da remoto. I dottori potranno quindi offrire visite virtuali, controllare da remoto lo stato di salute del paziente e semplificare la comunicazione tramite strumenti come il Microsoft Healthcare Bot Serviceun servizio cloud che permette di realizzare assistenti virtuali basati su AI. Bot che non si occuperanno naturalmente di effettuare le visite, ma di semplificare tutta la burocrazia che ci ruota attorno, come prendere appuntamenti per le visite e gestire i pagamenti.

Appoggiandosi a dispositivi IoT, la piattaforma di Microsoft permette anche di tenere sotto costante controllo i pazienti, anche quando si trovano all'esterno di una clinica, rendendo possibili anche scenari di assistenza sanitaria predittiva.

Migliorare la comunicazione fra specialisti attraverso il cloud

Microsoft ha evidenziato come una delle principali sfide nell'ambito sanitario sia la gestione dei dati dei pazienti: a causa della specializzazione sempre più estrema, i team di medici continuano a crescere come dimensioni, così come la quantità di dati relativa a ogni singolo paziente: essendo queste informazioni particolarmente sensibili, vanno protette con particolare attenzione. Secondo Microsoft , gli attuali strumenti a disposizione dei dottori non consentono di organizzare flussi di lavoro particolarmente efficaci ed è per questo motivo che l'azienda ha espanso le funzionalità di Teams e Microsoft 365 con l'app Booking, disponibile già da questo momento, pensata per consentire visite virtuali tramite Teams. 

Sotto il profilo della collaborazione fra specialisti, già lo scorso anno Microsoft aveva annunciato che Azure sarebbe stato il primo servizio cloud a supportare il formato FHIR (Fast Healthcare Interoperability Resources) e ora sta estendendo ulteriormente le potenzialità della sua piattaforma, lavorando a stretto contatto con aziende del calibro di Epic, Allscripts, GE Healthcare, Adaptive Biotechnologies e Nuance. 

KenSci RealTime Command Center for COVID-19 Planning

Un esempio pratico è il Mobile Command Center, una soluzione medica basata su AI sviluppata da KenSci realizzata in sole 48 ore per fronteggiare la pandemia: basata sulla piattaforma Microsoft Cloud for Healthcare, la soluzione di KenSci è stata usate per gestire in maniera più efficiente posti letto e ventilatori polmonari. 

Microsoft Cloud for Healthcare è già disponibile e può essere usato gratuitamente per 6 mesi. Ulteriori informazioni sono disponibili a questo indirizzo

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ZannaMax19 Maggio 2020, 19:02 #1
Crux sancta sit mihi lux, non draco sit mihi dux, vade retro Satana, nunquam suade mihi vana, sunt mala quae libas, ipse venena bibas.

Croce santa sia la mia luce, non sia il drago la mia guida, retrocedi Satana, non tentare mai di persuadermi, sono cose vane, le cose che offri sono cattive, bevi tu stesso i veleni.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^