Google Meet introduce la sezione delle domande e i sondaggi

Google Meet introduce la sezione delle domande e i sondaggi

Google Meet si arricchisce con nuove funzionalità per gli utenti di G Suite: la possibilità di gestire domande e risposte in maniera strutturata e i sondaggi, utili tanto in ambito aziendale quanto scolastico

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Cloud
GoogleSmart Working
 

Per meglio competere con rivali come Zoom, Teams e Slack, Google ha annunciato il lancio di due nuove funzionalità in Meets: la possibilità di fare domande e i sondaggi. In questo modo Google cerca di catturare anche quella fetta di pubblico interessata a gestire il riscontro da parte degli utenti, ad esempio per riunioni aziendali o sessioni di incontro con il pubblico.

Google Meet permetterà di gestire domande e sondaggi

In una situazione di incertezza e di interazione virtuale che sembra destinata a non mutare per ancora diversi mesi, Google sta puntando molto su Meet come piattaforma per permettere ad aziende, professionisti, utenti comuni e scuole di continuare a incontrarsi e svolgere varie attività.

La prima novità è quella della sezione "domande e risposte" (Q&A in inglese), dove i partecipanti alla riunione possono fare domande in maniera strutturata. È prevista la possibilità di votare le domande, così da dare più risalto a quelle che risultano più importanti. La possibilità di fare domande sarà abilitata in via predefinita per tutti gli utentia eccezione di quelli che fanno uso di G Suite Enterprise for Education. Al termine della sessione gli utenti ospitanti riceveranno automaticamente un'email con tutte le domande ricevute, così da poter rispondere in seguito anche a quelle rimaste inevase durante la sessione dal vivo.

La seconda nuova funzionalità è quella dei sondaggi: tramite essi è possibile ottenere risposte a domande preconfezionate così da poter giudicare se ci sia consenso circa una tematica o se tutti i partecipanti abbiano compreso un dato argomento. In fase di formazione a distanza, che sia a scuola o in azienda, questa fuzionalità si rivela piuttosto pratica per gli insegnanti, che possono avere un'idea di quanto gli studenti stiano capendo l'argomento. Una volta che un sondaggio viene chiuso, viene inviata in automatico un'email all'utente ospitante con un'analisi dei risultati del sondaggio e i relativi dati in un file di Google Fogli.

Le funzionalità saranno disponibili per gli utenti di G Suite Essentials, G Suite Business, G Suite Enterprise e G Suite Enterprise for Education, mentre non saranno presenti in Meet per G Suite Basic, G Suite for Education, e G Suite for Nonprofits. La disponibilità è prevista per l'8 ottobre 2020. Ulteriori dettagli sono presenti nell'annuncio ufficiale.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^