Oracle potenzia il suo cloud con nuovi servizi per facilitare l'implementazione dell'IA nelle applicazioni

Oracle potenzia il suo cloud con nuovi servizi per facilitare l'implementazione dell'IA nelle applicazioni

Gli sviluppatori potranno implementare facilmente nelle applicazioni funzioni che fanno leva sull'IA per il riconoscimento del testo, del parlato, la computer visione, potendo contare su modelli di machine learning pre-addestrati.

di pubblicata il , alle 18:31 nel canale Cloud
Oracleintelligenza artificiale
 

Non è necessario essere un data scientist per applicare l'intelligenza artificiale alle applicazioni aziendali: Oracle ha aggiornato la Oracle Cloud Infrastructure con una serie di nuovi servizi che semplificano l'implementazione dell'IA. Gli sviluppatori potranno decidere se adottare modelli già pronti, quindi pre-addestrati, oppure procedere in autonomia al training di modelli di machine learning, così da adattarli al meglio ai dati della propria realtà. 

Implementare l'IA è più semplice coi nuovi servizi della Oracle Cloud Infrastructure

L'intelligenza artificiale ha dato una scossa a numerosi settori di business, che adottandola hanno potuto migliorare i propri risultati, abbattendo i costi e riducendo i rischi. Durante l'ultimo anno, in particolare, l'IA si è rivelata uno strumento chiave per gestire la complessità delle supply chain, messe a dura prova dai lockdown, ma anche garantire la sicurezza, per esempio tramite sistemi di computer vision in grado di calcolare l'occupazione di una stanza, così da evitare assembramenti, e il corretto uso delle mascherine. Sono solo alcuni degli esempi che mostrano il potenziale dell'IA, ormai largamente utilizzata in ogni ambito, dalla manutenzione predittiva dei macchinari industriali ai sistemi ADAS per la guida assistita che ormai fanno parte della dotazione standard di molte vetture di fascia alta.

OCI IA

Implementarla all'interno di un progetto non è banale e nella maggior parte dei casi richiede le competenze di un data scientist. Per supportare le imprese che non hanno queste figure nel loro organico, Oracle ha introdotto nuove funzionalità alla sua infrastruttura cloud che permettono agli sviluppatori di integrare velocemente e facilmente funzioni basate sull'IA nelle loro applicazioni

"È essenziale per le organizzazioni colmare il divario tra la promessa dell'AI e l'implementazione dell'AI stessa che le aiuti a raggiungere risultati concreti", ha dichiarato Greg Pavlik, chief technology officer di Oracle Cloud Platform. "Oracle è nella posizione migliore per realizzare il valore dell'AI attraverso la nostra esperienza di leader nel settore delle applicazioni e dei dati aziendali, la nostra infrastruttura cloud di ultima generazione e il nostro grande impegno nella costruzione di servizi e soluzioni AI".

Gli sviluppatori potranno decidere se appoggiarsi a modelli di machine learning predefiniti e già addestrati da Oracle, oppure se occuparsi anche del training stesso, adattandolo alla specificità delal propria organizzazione.

I nuovi servizi di IA della Oracle Cloud Infrastructure

I nuovi servizi si dividono in differenti categorie. OCI Language consente di effettuare analisi su testi non strutturato all'interno di documenti, interazioni di feedback dei clienti, ticket di supporto e social media. I modelli preaddestrati in questo caso permettono di potenziare le applicazioni grazie alla possibilità di effettuare analisi del sentimento, estrazione di frasi chiave, classificazione del testo, il riconoscimento delle “named entity”.

Anche OCI Speech può essere utilizzato fin da subito trattandosi di un modello pre-addestrato: abilita funzioni di riconoscimento del parlato, per esempio per convertire interviste o telefonate in testo.

OCI Vision, come suggerisce il nome, include funzionalità di computer vision per il riconoscimento delle immagini e l'analisi dei documenti, ma anche in ambito manifatturiero, per esempio per rilevare anomalie neila produzione senza richiedere l'intervento di operatori umani. 

OCI Anomaly Detection fornisce modelli di rilevamento delle anomalie specifici per l'azienda che segnalano precocemente le anomalie critiche, consentendo una risoluzione più rapida e meno interruzioni operative. Grazie alle API REST e a SDK per diversi linguaggi di programmazione, gli sviluppatori possono utilizzare per integrare facilmente i modelli di rilevamento delle anomalie nelle applicazioni aziendali. Gli ambiti di applicazione sono molto vari, e spaziano dal rilevamento delle frodi in ambito finanziario al monitoraggio della salute di infrastrutture critiche, come i reattori nucleri. 

Previsioni OCI è progettato per fornire previsioni su serie temporali attraverso l'apprendimento automatico e algoritmi statistici e permette agli sviluppatori a creare rapidamente previsioni accurate per le loro metriche aziendali critiche: previsioni sulla domanda di prodotti, le entrate e i requisiti delle risorse. 

OCI Data Labeling, infine, è uno strumento per costruire set di dati etichettati per addestrare i modelli AI. Gli utenti possono assemblare i dati, creare e sfogliare i set di dati e applicare etichette ai record di dati attraverso interfacce utente e API pubbliche. 

Fra i clienti di Oracle c'è il Children's Medical Research Institute, che ha già adottato le nuove funzionalità di OCI. "Identificare l'effetto dei diversi trattamenti sui tumori è una delle parti fondamentali della nostra ricerca per curare il cancro dei bambini", spiega Pablo Galaviz, senior data scientist e bioinformatico al Children's Medical Research Institute. "Insieme a OCI Data Science, stiamo guardando ai servizi di OCI Vision e OCI Data Labeling per aiutarci a caratterizzare gli effetti di questi trattamenti sulle cellule". Per prima cosa, etichettiamo le immagini del microscopio usando OCI Data Labeling, e poi con l'aiuto di OCI Vision, possiamo automatizzare il processo di rilevamento dei diversi tipi di cellule. In questo modo, usiamo la piattaforma Oracle per raggiungere i nostri obiettivi di ricerca in modo efficiente".

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^