OVHcloud down a poche ore dall'IPO: cos'è successo?

OVHcloud down a poche ore dall'IPO: cos'è successo?

Un errore umano nella configurazione di un router negli Stati Uniti sulla rete di OVHcloud ha messo diverse centinaia di siti offline nella mattinata di oggi. L'azienda ha identificato e risolto il problema, che dovrebbe rientrare gradualmente entro le prossime ore.

di pubblicata il , alle 13:31 nel canale Cloud
OVHcloud
 

Mattinata "intensa" per OVHcloud e chi ha un sito o un servizio ospitato sui suoi datacenter. Migliaia di siti sono diventati irraggiungibili inspiegabilmente, ma la situazione è fortunatamente in via di risoluzione: niente paura, nessun datacenter in fiamme come avvenuto a marzo, bensì un errore umano come confermato dalla stessa azienda francese.

"Nella mattinata del 13 ottobre alle 9:12 CET, abbiamo eseguito interventi su un router nel nostro datacenter a Vint Hill negli Stati Uniti e questo ha portato a disordini su tutta la nostra rete", si legge in una nota diffusa. "Questi interventi erano mirati a rinforzare le nostre protezioni anti-DDoS, attacchi che sono stati particolarmente intensi nel corso delle ultime settimane".

Il router è stato isolato alle 10:15 e da allora i servizi stanno gradualmente tornando alla normalità, così come i siti. OVHcloud sta verificando insieme ai clienti che tutto stia filando liscio. "Ci scusiamo sinceramente con tutti i clienti colpiti da questo incidente e ci impegniamo a essere più trasparenti possibili sulle cause e le conseguenze di questo episodio".

Diversi utenti su Twitter hanno attaccato l'azienda. "Per riassumere: avevano bisogno di fare manutenzione per rafforzare la loro protezione contro gli attacchi DDoS, ma invece di farlo di notte per non impattare sulla maggior parte dei clienti in Europa, OVH ha deciso di farlo alle 10 del mattino, il momento più strategico della giornata", scrive uno. Altri hanno invece preso la notizia con filosofia, sottolineando che se cadono servizi come WhatsApp, allora può capitare anche a OVHcloud. "La cosa principale è imparare la lezione", scrive un utente.

Il problema si verifica a due giorni dalla presentazione della IPO (offerta pubblica iniziale) con la quale OVHcloud intende quotarsi alla borsa parigina. L'azienda punta a raccogliere 350 milioni di euro con l'IPO, fissando il prezzo per azione a 18,50-20 euro per una quotazione valutata 3,5-3,74 miliardi di euro.

OVHcloud è il secondo più grande fornitore di servizi cloud-based europeo dopo T-Systems di Deutsche Telekom in base alle rilevazioni di Synergy Research.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor13 Ottobre 2021, 13:53 #1
mi è andato giù un sito, ma non si sono degnati di mandare uno straccio di comunicazione.
E un tweet NON E' una comunicazione ai clienti
giovanni6913 Ottobre 2021, 14:10 #2
Non hanno un sistema automatico di alert che si può interfacciare per sapere quando lo status del servizio è in crisi?
Saturn13 Ottobre 2021, 14:24 #3
Vergognosi, noi dopo lo scherzetto dell'incendio stiamo rimuovendo tutto quello che c'era a livello di server. Dopo oggi andremo ancora più di corsa.

Lo spiegassero loro ai clienti che non aprono più software e gestionali l' "errore umano".

Lain8413 Ottobre 2021, 14:46 #4
Io personalmente ho spostato tutto da OVH a Contabo dopo lo 'scherzetto' di Marzo con Strasburgo . Coincidenze ? Io non credo
Axios200613 Ottobre 2021, 16:12 #5
Altri hanno invece preso la notizia con filosofia, sottolineando che se cadono servizi come WhatsApp, allora può capitare anche a OVHcloud


Eh... ma Whatsapp e' gratis. Le aziende il cloud lo pagano...
Frisco.IT13 Ottobre 2021, 23:26 #6

Cloud cloud cloud

Tutti che parlano di cloud.... C'è chi lo vende, chi lo compra ed ovviamente chi lo utilizza! La definizione di cloud è molto estesa... Io personalmente non chiamo "cloud" una VPS su Ovh o da Aruba. Se avete servizi mission critical o volete downtime minimi DOVETE distribuire i vostri servizi remoti (cloud) su più DC (fornitori diversi ed indipendenti) interconnessi con almeno due carrier differenti. Ovviamente un servizio Cloud (es. una VPS) così configurato e strutturato non costa 15€ mese. Se avete rottamato il server aziendale e migrato su una VPS da 15€ o 50€ al mese per favore non lamentatevi a meno che il contratto che avete sottoscritto (e forse anche letto) non sia stato rispettato.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^