Iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, attiva le notifiche e rimani aggiornato su tutti i nuovi video

IA e privacy: Weagle porta la GenAI on-premise

IA e privacy: Weagle porta la GenAI on-premise

Weagle è fra le prime aziende a livello globale a proporre un'intelligenza artificiale privata basata sull'installazione sui server dei clienti, garantendo così un livello superiore di privacy e sicurezza

di pubblicata il , alle 12:51 nel canale data
Weagleintelligenza artificialeTutela privacy
 

Il principale problema dell'IA? La riservatezza delle informazioni. ChatGPT, per esempio, è uno strumento potentissimo, ma non offre alcuna garanzia di riservatezza sui dati che vengono caricati, risultando quindi praticamente inutilizzabile in azienda. Ci sono anche soluzioni basate su cloud che garantiscono una maggiore riservatezza, per esempio Copilot per Microsoft 365 di Microsoft, che però si affida sempre al modello di OpenAI, che ha recentemente subito un'altra contestazione dal Garante della Privacy

weagle AI

Una soluzione al problema arriva da Weagle, startup milanese fondata da Lorenzo Cerrone attiva nell'ambito della tutela della privacy. L'azienda, infatti, è al lavoro su una soluzione di IA generativa che "gira" on-premise, nei data center dei clienti.

L'IA on premise di Weagle

Weagle è una startup che opera nel campo della tutela della privacy. Ha realizzato un motore di ricerca rispettoso della privacy e in grado di filtrare le fake news. Più precisamente, si tratta di un metamotore di ricerca che interroga i principali search engine contemporaneamente per poi elaborare i risultati e filtrarli al meglio, eliminando notizie false e assicurando una totale privacy a chi effettua le ricerche. 

Ora è al lavoro su una nuova soluzione di IA generativa totalmente rispettosa della privacy, dato che i dati sono archiviati ed elaborati on premise. Considerata la potenza di calcolo necessaria per questo tipo di carichi di lavoro, il cliente tipo non è la PMI: la soluzione è progettata per le esigenze delle grandi aziende, in particolare quelle che operano in settori regolamentati come quelli farmaceutico, bancario, finanziario e manifatturiero.

"L'IA on premise rappresenta una scelta strategica per le corporate che cercano di bilanciare l'innovazione tecnologica con la sicurezza e il controllo sui dati. Sebbene ci siano sfide da affrontare, i vantaggi in termini di sicurezza e personalizzazione possono posizionare le imprese su una traiettoria di crescita e successo nel mondo digitale", si legge sul comunicato ufficiale diramato da Weagle. "Weagle lavora già da diverso tempo verso questa direzione, e al momento sta facendo testare la sua tecnologia a decine di big corporation italiane ed estere, per presentare sul mercato nel giro di 60 giorni una tecnologia unica di security in ambito AI. Per i prossimi mesi, pertanto, è possibile testare tale tecnologia in anteprima".

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
fabius2101 Febbraio 2024, 13:15 #1
Trento è già stata multata per uso improprio dell'ia, i dati non erano tanto anonimi... Se non erro non da una , ma da ben 2 sperimentazioni...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^