Iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, attiva le notifiche e rimani aggiornato su tutti i nuovi video

Microsoft 365 Copilot (finalmente) disponibile in Italia. Ma solo per l'enterprise

Microsoft 365 Copilot (finalmente) disponibile in Italia. Ma solo per l'enterprise

Con qualche settimana di ritardo, anche gli utenti italiani possono accedere alle funzionalità di Microsoft 365 Copilot, un'IA generativa in grado di accedere in sicurezza ai documenti e ai dati dell'utente. Al momento, possono accedere al servizio solo i sottoscrittori di piani Enterprise E3 ed E5

di , Vittorio Manti pubblicata il , alle 10:31 nel canale data
intelligenza artificialeMicrosoft 365Microsoft
 

Finalmente anche gli utenti italiani possono provare Microsoft 365 Copilot, l'assistente di IA generativa basato sugli LLM di OpenAI che si integra con la suite per l'ufficio di Microsoft. Un ritardo tutto sommato nemmeno esagerato, se consideriamo che negli USA e in altre parti del mondo è stato reso disponibile il 1° novembre, meno di un mese fa. 

Come nel caso degli altri Paesi, però, attualmente non è disponibile per tutti i tipi di abbonamento a Microsoft 365: attualmente possono utilizzarlo solamente i sottoscrittori dei piani Enterprise E3 ed E5, in pratica le grandi aziendeL'annuncio ufficiale è stato dato in occasione di un evento di Microsoft al quale ha partecipato anche Edge9.

microsof copilot presentazione italia

L’IA Generativa può generare opportunità e benefici senza precedenti e siamo convinti che potrà contribuire sensibilmente a migliorare il mondo in cui viviamo e lavoriamo, aiutandoci a raggiungere obiettivi finora impensabili. Come Microsoft, siamo al fianco delle organizzazioni per guidarle in questa rivoluzione tecnologica e aiutarle ad abbracciare il cambiamento. Stiamo già lavorando, in collaborazione con il nostro ecosistema di partner sul territorio, con numerose aziende in Italia, affiancandole nell’identificazione di scenari strategici di innovazione supportandole nella loro implementazione in modo rapido e garantendo la formazione affinché possano avere le competenze necessarie per un uso efficace, sicuro e responsabile dell’AI generativa”, commenta Vincenzo Esposito, Amministratore Delegato di Microsoft Italia. 

Copilot ora può accedere ai documenti, alle mail e alle chat

Le funzionalità di IA generativa sono già disponibili in Windows (e non solo) grazie a Bing Chat e Bing Image Creator. Si tratta però di servizi esterni, non perfettamente integrati con l'OS. Al contrario, Copilot per Windows 11 (che è ora disponibile per tutti gli utenti, se non lo avete ancora usate questo trucchetto) si integra con il sistema operativo e permette di controllarne alcune funzioni. 

Con Microsoft 365 Copilot si fa un ulteriore passo avanti: gli assistenti (non è uno generico, ma ci sono declinazioni di Copilot per ogni app) avranno la possibilità di accedere ai contenuti e al loro contesto presenti nel Microsoft Graph di ogni singola azienda, alle email di Outlook, alle chat e alle riunioni di Teams. Un vantaggio non da poco, perché finalmente gli utenti potranno usare con tranquillità l'IA generativa sui propri documenti, senza preoccuparsi che le informazioni in esse contenute possano sfuggire al proprio controllo. A oggi è infatti possibile caricare i propri documenti su Copilot o darli in pasto a Bing Chat per ottenere analisi, riassunti, traduzioni, ma lo si fa a proprio rischio e pericolo. 

copilot privacy

Microsoft 365 Copilot, invece, offre più garanzie di riservatezza rispetto sia a Bing Chat, sia a Copilot per Windows, misure che consentono anche alle aziende di utilizzarlo senza temere che i loro dati riservati vadano nelle mani di altre persone.

Un tema interessante che è emerso durante la presentazione italiana è che, potendo Copilot accedere a Microsoft Graph, la conoscenza individuale del lavoratore diventa conoscenza collettiva. Un concetto che potrebbe far storcere il naso ad alcuni, ma che a livello aziendale ha senso: tipicamente, quando non sappiamo come affrontare un problema o come gestire una procedura, chiediamo al collega più esperto. Copilot, semplicemente, semplificherà questo processo, rendendo direttamente disponibili le informazioni.  

MS GRAPH

Le funzionalità di Microsoft 365 Copilot

Microsoft 365 Copilot è a tutti gli effetti un assistente che ci supporterà nella stesura di documenti. Possiamo chiedergli di generare una bozza di un documento su Word, di sintetizzare un testo, di tradurlo, ma anche di adeguare il tono, rendendolo per esempio più professionale o informale. Copilot però non si limiterà a rimaneggiare testi: potrà formattare i documenti, crearci automaticamente delle tabelle in Excel, addirittura attivare formule o generare script VBA. Un supporto utile in particolare a chi ha poca domestichezza con le funzioni evolute dell'app di Microsoft, e che potrà rapidamente ottenere i risultati ricercati senza investire ore a documentarsi e fare esperimenti. 

copilot word

In PowerPoint potremo chiedere a Copilot di prepararci la struttura di una presentazione, di allineare automaticamente le immagini di una o più slide, anche di riformattare l'intero documento velocemente, per esempio sostituendo l'immagine di fondo di tutte le slide. O farci dare suggerimenti su come rendere più efficaci le nostre slide. Integrandosi con il motore di generazione di immagini Dall-E, potremo anche chiederci di generare le immagini di accompagnamento delle nostre slide. 

Altre funzionalità includono la possibilità di gestire le email, per esempio chiedendo all'assistente di riassumere un lungo thread di risposte, o di ricercare una specifica mail indicandole l'argomento. In Teams, invece, terrà traccia di chat e riunioni, fornendoci resoconti automatici di quanto avvenuto in queste occasioni. 

Durante la presentazione, sono stati mostrati alcuni esempi pratici usando proprio l'organizzazione dell'evento di oggi come fonte di ispirazioneCopilot per Teams ha generato automaticamente un report di una riunione, creando automaticamente l'agenda dell'evento al quale abbiamo partecipato. Copilot per Word, invece, ha prodotto un documento basandosi anche su quanto riportato nel report generato in Teams. La mail per l'invito all'evento è stata realizzata utilizzando Copilot per Outlook. Copilot per PowerPoint, invece, ha generato la presentazione dell'evento. 

I primi clienti in Italia: A2A, CNH Industrial, Iveco, Nexi

Anche se Microsoft 365 Copilot è disponibile solo da oggi, alcuni clienti dell'azienda hanno avuto modo di iniziare a sperimentare la tecnologia con dei progetti pilota. Fra questi A2A, che ha aderito all'Early Access Program (EAP) di Microsoft 365 Copilot per migliorare la produttività e l’inclusione dei propri dipendenti.

Nel caso di CNH Industrial, il progetto pilota ha coinvolto un campione di 100 dipendenti, suddivisi in gruppi di lavoro eterogenei per competenze e settori. A quanto dichiara l'azienda, i risultati del progetto sono stati molto positivi, mostrando un significativo miglioramento della produttività e della qualità dei contenuti prodotti dai dipendenti grazie all'uso del Copilot, un miglioramento nella gestione dei meeting grazie all’aiuto dei recap intelligenti, una semplificazione nel recuperare le informazioni relative ad argomenti discussi insieme ad altri colleghi e la possibilità di riassumere contenuti da documenti complessi.  

Il progetto è nato dalla collaborazione tra CNH e Microsoft, con l'obiettivo di sperimentare e valutare l'efficacia di Microsoft 365 Copilot nell'ambito delle attività lavorative quotidiane", spiega Federico Derde, Senior IT Manager di CNH Industrial. "CNH ha l’obiettivo di migliorare la produttività dei dipendenti, favorendo le attività a maggior valore aggiunto. Microsoft 365 Copilot si è rivelata una soluzione innovativa che promette di aiutare i dipendenti a generare contenuti in modo rapido, efficace e personalizzato, basandosi sull'intelligenza artificiale”.

Anche Iveco ha partecipato al programma di Early Adoption: “Iveco Group è orgogliosa di promuovere l’innovazione e andare oltre l’ovvio”, spiega Fabio Ricciato, Head of IT Customer Journey & Digital Architecture, AI and DEX di Iveco Group. “L'integrazione armonica dell'Intelligenza Artificiale generativa negli strumenti di lavoro e nell'esperienza quotidiana delle nostre persone consentirà loro di ottenere di più e di meglio e di offrire un valore ancora maggiore ai nostri clienti. Eravamo abituati a parlare dell'effetto ‘meraviglia’ dell'IA, ora, mentre sta diventano uno strumento naturale per i nostri colleghi, cerchiamo l'effetto ‘conoscenza’ e siamo entusiasti di vedere i risultati della sua implementazione”.

Soddisfatta dei risultati ottenuti anche la fintech Nexi: “L'introduzione dell'Intelligenza Artificiale in Nexi rappresenta una sfida e un'opportunità", spiega Daniele Gabbai, Group Head of Strategic Partnership di Nexi Group. "L'obiettivo è liberare il potenziale umano, permettendo all'AI di assumere i compiti più ripetitivi. Testando l’IA su diversi livelli aziendali, si apre la porta a una nuova era di efficienza e creatività. L'AI non è solo uno strumento, ma un alleato che libera spazio per la creatività e la strategia. Questo cambiamento richiede adattamento e visione, e il futuro dei pagamenti digitali vede nell’adozione dell’AI una sinergia tecnologica senza precedenti”.

Fra gli altri clienti italiani che hanno potuto provare in anteprima la soluzione di Microsoft citiamo Maire e Saipem.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
The_Hypersonic23 Novembre 2023, 14:47 #1
Con quello che costa in più al mese, oltre la licenza base, dubito che in Italia sfonderà. I servizi fino a che sono gratis piacciono a tutti, quando si deve mettere mano al portafogli un po' meno. Soprattutto in ambito aziendale, con le sforbiciate fatti ai budget che sono in corso di definizione entro la fine dell'anno. Le aziende fiutano ancora aria di recessione e tutto quello che non è strettamente necessario non viene nemmeno preso in considerazione.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^