Una ricerca di HPE Aruba mostra che le aziende dell'area EMEA ancora non sfruttano a pieno il potenziale dei dati

Una ricerca di HPE Aruba mostra che le aziende dell'area EMEA ancora non sfruttano a pieno il potenziale dei dati

I sistemi adottati dalle aziende operanti nell'area EMEA non sono abbastanza efficaci e impediscono di sfruttare al meglio il potenziale dei dati. A suggerirlo è una ricerca di HPE Aruba, condotta intervistando 170 ingegneri e responsabili IT

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Innovazione
HPE Aruba
 

La principale difficoltà da affrontare per i responsabili IT? Non poter esercitare un completo controllo sui dati del'azienda

Questo è quanto emerge dal rapporto Data to Decisions: A Rulebook to Unlock the Power of your Data di HPE Aruba, condotto nel mese di marzo 2020 intervistando 172 fra ingegneri e responsabili IT che lavorano in aziende con sede nei territori EMEA. Alla stesura del report hanno collaborato anche Tom Chatfield e Andrew Gril, futurologi ed esperti di dati.

Gli intervistati sono pienamente coscienti dell'importanza di poter sfruttare al meglio i dati per prendere decisioni di business ma i sistemi e le infrastrutture aziendali nella maggior parte dei casi non sono adeguati e risultano poco efficaci sotto il profilo della sicurezza (problema evidenziato dal 63% del campione), non consentono di analizzare in tempo reale una quantità sufficiente di informazioni (55%) e andrebbero migliorati così da collegare i dati con le funzioni di business più importanti (45%).

Il 51% degli intervistati ammette di non essere in grado di avere una visione olistica sul dato, un aspetto che dovrebbe rappresentare il punto di partenza: secondo Tom Chatfieldfilosofo della tecnologia che ha contribuito alla ricerca, "Bisogna ripulire i dati, perché se entra spazzatura, esce spazzatura. I dati devono essere raccolti in modo pulito, gestibile e funzionale".

Il problema delle competenze

I sistemi sono solo una parte del problema. L'altra è rappresentata dalle competenze o, più precisamente, dalla loro assenza. Più di un terzo del campione (36%) ammette di "non disporre delle conoscenze necessarie per gestire l'esplosione dei dati”, mentre un quarto (28%) teme che i dipendenti non si allineino alle policy aziendali relative alla gestione dei dati.  

"La maggior parte delle risorse più preziose si trova all'interno di un'azienda" - ha dichiarato Chatfield - “Migliorare le competenze del personale affinché possa interloquire con gli informatici e utilizzare API è spesso molto più utile che chiedere a un laureato in informatica di acquisire rapidamente la comprensione di un settore per lui nuovo".

Secondo HPE Aruba le aziende dovrebbero affrontare questo problema puntando sulla formazione dei dipendenti e nominando un CDO, Chief Data Officer, al quale affidare il compito di estrarre il valore aggiunto dei dati e di definire una strategia per la loro gestione. Il suo ruolo "va oltre quello di un business analyst o un data architect: deve essere qualcuno che non è né il CTO né il CIO, dal momento che queste figure sono già troppo occupate a far funzionare i server", spiega Andrew Grill.

Il problema della formazione dovrebbe essere esteso anche alla sicurezza dei dati, intesa sia difesa dagli attacchi informatici, sia come compliance. I dipendenti dovrebbero essere costantemente aggiornati sugli scenari del cybercrimine perché, come spiega il futurologo Andrew Grill, “I dipendenti sono l'ultimo anello in materia di sicurezza. Per quanto si possano avere a disposizione i migliori firewall e le migliori VPN, è sufficiente che una persona conservi una copia del file con le password di Gmail e che un hacker riesca a entrarci per vanificare tutto quanto è stato fatto fino a ora”.

"Le aziende sono consapevoli delle opportunità che i dati offrono per promuovere l'innovazione, perfezionare lo sviluppo dei prodotti e trasformare l'esperienza di clienti e dipendenti" - commentato Morten Illum, VP EMEA di Aruba - "Ora che dati e decisioni sono sempre più orientati verso l'edge delle reti, le aziende devono essere sicure che i propri sistemi e i propri processi siano pronti a sostenere questa sfida. Come suggerisce lo studio di HPE Aruba, le aziende devono migliorare le competenze e formare le persone, implementare strutture di governance efficaci e concentrarsi sulla sicurezza dei dati. L'emergenza sanitaria in corso rende queste tematiche ancora più importanti, in particolare in relazione all'home working, ormai diventato normalità; eppure, in un momento in cui gli attacchi alla cybersicurezza diretti contro i singoli individui sono in aumento, il Wi-Fi usato dai consumatori manca di importanti funzionalità di sicurezza”.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^