Le banche europee conservano i loro dati su cloud americani

Le banche europee conservano i loro dati su cloud americani

Le banche europee dal punto di vista tecnologico dipendono in maniera molto pesante dalle infrastrutture cloud gestite da aziende americane. Una dipendenza che non piace molto né alle istituzioni europee né alle banche stesse

di pubblicata il , alle 16:21 nel canale Market
Cloud Computing
 

Dove conservano i dati le banche europee? Non nei loro server on-premise o, meglio, non solo. Una fetta importante dei dati gestiti dalle banche sono conservati sul cloud, che per questioni di scalabilità e costi è oggi la scelta preferita. C'è un problema però: i provider cloud più usati sono tre, Amazon, Google e Microsoft, tutte aziende americane

Questo è quanto emerge da un sondaggio di Bloomberg, che ha intervistato 22 delle più importanti banche europee. Tutte, senza alcuna esclusione, affermano di affidarsi prevalentemente ai servizi cloud offerti dai tre colossi USA, limitando l'uso di cloud europei solo per alcuni compiti secondari. Una situazione che non convince le banche stesse, preoccupate per la privacy dei loro clienti.

Cloud Usage Banks

I piani per un cloud europeo

Per le banche, il cloud è una tecnologia fondamentale, dato che risulta sia economicamente vantaggiosa sia perché è altamente scalabile. Peccato che a oggi, i cloud provider in grado di soddisfare le elevate richieste di questo tipo di clientela siano tutti americani, un aspetto che non fa dormire sonni tranquilli alcuni banchieri, che rispetto al passato ripongono meno fiducia nella collaborazione con gli USA. Al momento, però, non esiste una valida alternativa europea. Francia e Germania stanno lavorando in questa direzione, collaborando con le compagnie di telecomunicazione per creare un servizio cloud europeo, ma potrebbe essere già troppo tardi. La sola Microsoft investe più di 1 miliardo di dollari all'anno solo per mettere in sicurezza sulla sua struttura cloud: "A chi si sveglia nel 2020 dicendo che dobbiamo costruire un'infrastruttura cloud, io dico che può essere già troppo tardi", ha dichiarato Bernard Gavgani, chief information officer del gruppo BNP Paribas.  

Banche e cloud

Al momento, le banche non sono obbligate a tenere i loro dati in server europei (al contrario di altri tipi di azienda, per esempio i social network), ma la direzione verso la quale spinge l'Europa è questa. Alcune banche, pur appoggiandosi ad aziende americane, chiedono di poter conservare i dati su strutture posizionate in Europa. Questo però non cambia la natura del problema: il Cloud Act voluto dall'amministrazione Trump consente al governo americano di poter richiedere l'accesso i dati ospitati sui server delle aziende USA, indipendentemente da dove essi si trovino. Un aspetto che desta forti preoccupazioni, nonostante Andreas Wodtke, vice president for financial services di IBM Corp, cerchi di minimizzare il problema, spiegando che le aziende adempiranno solamente a richieste effettuate attraverso canali riconosciuti e rispettando i trattati internazionali. 

"Quando un'importante banca conserva tutti i dati dei suoi clienti su un cloud non europeo si rende conto ciò che comporta? Tutti gli player coinvolti, siano essi economici, legali o politici, devono comprendere i risvolti del Cloud Act" - ha dichiarato Michel Paulin, CEO di OVHcloud"In Europa ci sono attori con tecnologie che sono tanto efficienti, innovative e rivoluzionare quanto quelle dei colossi americani, e oggi c'è un desiderio comune di garantire l'indipendenza digitale della Francia e dell'Europa".  

Al di là delle rassicurazioni, è fuori di dubbio che per le banche dipendere così tanto da infrastrutture americane è un rischio da non prendere sotto gamba. Indipendentemente dal fatto che singole aziende già offrono soluzioni cloud competitive, bisognerà vedere se l'Europa sarà in grado di mettere in piedi velocemente un'infrastruttura cloud competitiva e coordinata

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Axios200609 Marzo 2020, 16:34 #1
se l'Europa sarà in grado di mettere in piedi velocemente un'infrastruttura cloud competitiva e coordinata.


Come hanno saputo mettere in piedi una ricerca tecnologica per recuperare il gap con USA, Russia, Cina e India...

La UE e' rapida solo a batter cassa, svendere le eccellenze europee, imporre austerity, fare gozzovigliare i politici UE e piangere miseria dicendo che Russi, Americani e Cinesi sono brutti, sporchi e cattivi e ci spiano.
eureka8509 Marzo 2020, 16:45 #2
L'Europa è una COLONIA DEGLI U.S.A. E QUESTA NOTIZIA LO DIMOSTRA.
NON ESISTE UN CLOUD EUROPEO per il semplice motivo che non viene permesso dai Padroni Neoliberisti Americani ciò appare chiaro ed evidente
Gnubbolo09 Marzo 2020, 17:07 #3
ovviamo che siamo solo colonie se non sono bastate la morte di Mattei e la crisi di Sigonella per capirlo non so che dire..
fracama8709 Marzo 2020, 17:44 #4
L'Europa è anche l'unica speranza di riuscire a uscire dal colonialismo Usa.
Oggi l'Europa è anche il più grande baluardo contro le multinazionali (per quanto poco fa molto di più dei singoli paesi).
Dalla privacy (google, microsoft, facebook...) all'antitrust.

Di certo non ci riuscirà l'Italia da sola a fondare il cloud italico al posto di quello americano.
Boro09 Marzo 2020, 19:50 #5
Se le industrie europee o le banche stesse non decideranno di investire in europa per queste cose (come per altre ) non andremo mai da nessuna parte
Qarboz09 Marzo 2020, 22:02 #6
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
[...]Una situazione che non convince le banche stesse, preoccupate per la privacy dei loro clienti.

Cioè, fatemi capire. Le banche hanno scelto di usare i servizi cloud americani però non ne sono convinte?
Riguardo la privacy dei dati. Premetto che non sono un informatico, ma non mi sembra così difficile inserire una funzione per criptare i dati prima di spedirli nel cloud e decriptarli quando vengono letti; o sbaglio?
Fire-Dragon-DoL10 Marzo 2020, 02:57 #7
Originariamente inviato da: Qarboz
Cioè, fatemi capire. Le banche hanno scelto di usare i servizi cloud americani però non ne sono convinte?
Riguardo la privacy dei dati. Premetto che non sono un informatico, ma non mi sembra così difficile inserire una funzione per criptare i dati prima di spedirli nel cloud e decriptarli quando vengono letti; o sbaglio?


Il software è in esecuzione sulle macchine del cloud. Quindi non hai nulla da cryptare, il provider ha accesso alla memoria del sistema, non solo allo storage.
Qarboz10 Marzo 2020, 07:26 #8
Originariamente inviato da: Fire-Dragon-DoL
Il software è in esecuzione sulle macchine del cloud. Quindi non hai nulla da cryptare, il provider ha accesso alla memoria del sistema, non solo allo storage.


Grazie del chiarimento.
In effetti avevo dato per scontato, ingenuamente, che l'utilizzo del cloud da parte delle banche fosse solo per lo storage, e non avevo considerato che ci girasse sopra l'intero sistema.
DrSto|to10 Marzo 2020, 13:00 #9
Originariamente inviato da: fracama87
L'Europa è anche l'unica speranza di riuscire a uscire dal colonialismo Usa.
Oggi l'Europa è anche il più grande baluardo contro le multinazionali (per quanto poco fa molto di più dei singoli paesi).
Dalla privacy (google, microsoft, facebook...) all'antitrust.

Di certo non ci riuscirà l'Italia da sola a fondare il cloud italico al posto di quello americano.

Sì certo, se ti informassi scopriresti che l'unione europea è sempre stato un progetto americano.
Baluardo di cosa? Ci difende dalle multinazionali con multarelle insulse e senza aver mai incentivato la nascita e la crescita di alternative made in Europa?
L'italia non può permettersi di fare niente(indovina il perché di tutti i tagli di questi ultimi vent'anni tra i quali spiccano in questo periodo quelli alla sanità ), e non per mancanza di capacità, ma perché gli euro deve andarli ad elemosinarli alla BCE, che li produce al costo di un click sopra un terminale, e pagarci gli interessi sopra con il duro lavoro dei cittadini per poi sentirsi dire che ha troppo debito, ha vissuto al di sopra dei suoi mezzi e che dunque per ripagarlo(cosa impossibile) deve tagliare e succhiare anche il sangue e i risparmi dei cittadini.
Vai a scoprire quante delle figure politiche di spicco in europa di questi ultimi decenni erano membri di bance d'affari americane(magari ti bastano gli italici Mario Draghi e Monti) che hanno causato per esempio la crisi del 2008. Vatti a informare su cosa ne pensa questa gente di concetti come "democrazia" e "costituzione". Non si parla di complottismo, sono fatti verificabili da chiunque.

Datevi una svegliata...
fracama8710 Marzo 2020, 18:29 #10
Originariamente inviato da: DrSto|to
Sì certo, se ti informassi scopriresti che l'unione europea è sempre stato un progetto americano.
Baluardo di cosa? Ci difende dalle multinazionali con multarelle insulse e senza aver mai incentivato la nascita e la crescita di alternative made in Europa?
L'italia non può permettersi di fare niente(indovina il perché di tutti i tagli di questi ultimi vent'anni tra i quali spiccano in questo periodo quelli alla sanità ), e non per mancanza di capacità, ma perché gli euro deve andarli ad elemosinarli alla BCE, che li produce al costo di un click sopra un terminale, e pagarci gli interessi sopra con il duro lavoro dei cittadini per poi sentirsi dire che ha troppo debito, ha vissuto al di sopra dei suoi mezzi e che dunque per ripagarlo(cosa impossibile) deve tagliare e succhiare anche il sangue e i risparmi dei cittadini.
Vai a scoprire quante delle figure politiche di spicco in europa di questi ultimi decenni erano membri di bance d'affari americane(magari ti bastano gli italici Mario Draghi e Monti) che hanno causato per esempio la crisi del 2008. Vatti a informare su cosa ne pensa questa gente di concetti come "democrazia" e "costituzione". Non si parla di complottismo, sono fatti verificabili da chiunque.

Datevi una svegliata...


Così insulse che ha costretto Apple a pagare 13 miliardi di sconto fiscale all'irlanda CONTRO la volontà dell'Irlanda.
Google? Multe per 8 miliardi, Microsoft simile ecc ecc.

"bruscolini dirai". Mica tanto considerando le battaglie che hanno fatto. E infatti Microsoft ha dovuto apportare cambiamenti a Windows e se oggi non usiamo tutti internet explorer è anche grazie alla UE.
Su Android Google è costretta a proporre la stessa scelta per il motore di ricerca.

Le regole della privacy sono migliorate (ad esempio facebook è stata costretta a impostazioni più chiare e accessibili). Siamo ancora lontani da quello che vorrei ma allo stesso tempo non è poco.

Anche in tema ambientale di smog e cambiamenti climatici posso sperare solo nell'unione europea.

Sulla parte più politica non posso rispondere qui. Già una volta l'ho fatto e c'è stata una raffica di sospensioni.
Ti posso dire solo che io sono ben sveglio e mi informo eccome e che di questi tempi c'è gente che dorme a occhi a parti.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^