Uffici open space, amati dai più giovani, detestati dai baby boomer

Uffici open space, amati dai più giovani, detestati dai baby boomer

Una ricerca di Poly mette in luce come cambi il rapporto con l'ufficio a seconda dell'età. Mentre Millennials e Generazione Z apprezzano l'inevitabile rumore di sottofondo tipico degli open space, gli over 55 preferiscono un ambiente più silenzioso.

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Market
Poly
 

Dove preferiscono lavorare le persone? Se pensavate che la risposta più ovvia fosse qualche spiaggia caraibica siete ben lontani dalla verità. A dispetto della diffusione dello smart working, la maggior parte delle persone preferirebbe lavorare in un open space. È quanto emerge da uno studio condotto da Savanta e commissionato da Poly, azienda nata dalla fusione di Plantronics e Polycom. 

Open space, croce e delizia dei lavoratori

L'era in cui i lavoratori sognavano il loro ufficio privato è rimasta confinata ai film di Fantozzi: oggi la maggior parte (52%) dei Millennials e degli appartenenti alla Generazione Z preferisce gli spazi aperti, dove si sente più produttiva e dove può facilmente passare dalla propria scrivania a un divano, un tavolo riunioni o qualsiasi altro angolo dell'azienda. Al contrario i Baby Boomer, le persone nate fra il 1946 al 1964, si concentrano maggiormente quando sono seduti dietro la loro scrivania, possibilmente isolata dagli altri e silenziosa. 

In parte è dettato anche dalle differenti abitudini, dato che i più giovani passano una fetta considerevole del loro tempo intrattenendo conversazioni telefoniche e non. Certo, non è tutto rose e fiori e anche chi si trova bene in mezzo al caos ammette che non sempre è facile portare a termine i propri compiti in mezzo alla confusione. Praticamente tutti gli intervistati - 9 su 10 su un campione di 5.150 persone sparse fra Europa, Nord America e Asia - ammettono di aver provato frustrazione in più di un'occasione a causa delle chiacchierate "invadenti" del vicino di scrivania. 

perils-infographic

La soluzione più apprezzata? Indossare cuffie o auricolari, possibilmente dotate di riduzione del rumore, oltre ad aree dell'ufficio apposite dove poter lavorare con più tranquillità quando necessario. 

"Se si considera la varietà di differenti stili di lavoro e di generazioni diverse riunite in un unico luogo, non c'è da stupirsi se quasi tutti riferiscono di essere sottoposti a fonti di distrazione al lavoro" - ha dichiarato Amy Barzdukas, CMO ed Executive Vice President di Poly - "È altrettanto chiaro che il giusto mix di tecnologia e condizioni ambientali può ridurre la distrazione e migliorare la produttività, ed è esattamente questo che i dipendenti chiedono".

La ricerca completa può essere scaricata, previa registrazione, a questo indirizzo

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

39 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Obelix-it25 Maggio 2019, 10:01 #1
Cioe', i millennials amano stare in mezzo al rumore per poi isolarsi con cuffie od auricolari... geniale..
Ratavuloira25 Maggio 2019, 12:23 #2
"un open space" scritto con l'apostrofo ancora non l'avevo visto...
Questa divisione netta in generazioni tipica della mentalità a stelle e strisce a me sta un po' sui ma+++ni comunque
floc25 Maggio 2019, 12:48 #3
la scusa degli open space è "fanno circolare meglio le informazioni" quando invece è solo una questione di spazio guadagnato e turnover più semplice. Ancora devo trovarlo uno che mi dice che si lavora bene in open space.
Perseverance25 Maggio 2019, 13:38 #4
...ma i diritti, la sicurezza, le garanzie, lo stipendio? Nn conta nulla?
tallines25 Maggio 2019, 14:05 #5
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
............li over 55 preferiscono un ambiente più silenzioso.

Non penso proprio, solo gli over 55......visto che io ne ho molti di meno.........penso che lavorare nella confusione, non piaccia a nessuno, a nessuna età.........
Nuke98725 Maggio 2019, 16:23 #6
Originariamente inviato da: floc
la scusa degli open space è "fanno circolare meglio le informazioni" quando invece è solo una questione di spazio guadagnato e turnover più semplice. Ancora devo trovarlo uno che mi dice che si lavora bene in open space.

Mi hai tolto le parole di bocca. Ci stanno rompendo le scatole da un decennio con sta storia dell'open space che aumenterebbe la produttività. Arriverebbero anche a dire che cura il cancro quando in realtà l'open space è solo un modo per abbattere i costi che [B][U]danneggia la produttività[/U][/B].
!fazz25 Maggio 2019, 16:40 #7
Originariamente inviato da: floc
la scusa degli open space è "fanno circolare meglio le informazioni" quando invece è solo una questione di spazio guadagnato e turnover più semplice. Ancora devo trovarlo uno che mi dice che si lavora bene in open space.


eccomi,
da noi si lavora meglio in openspace (infatti nel nuovo ufficio abbiamo fatto abbattere i divisori nonostante non abbiamo problemi di spazio e / o sovraffollamento
Flortex25 Maggio 2019, 16:56 #8
Se bisogna realmente pensare un po', il rumore degli open space è deleterio.

Potrebbero fare gli esami universitari nelle stazioni di metropolitana in uso, se no.
zappy25 Maggio 2019, 21:14 #9
Originariamente inviato da: !fazz
eccomi,
da noi si lavora meglio in openspace (infatti nel nuovo ufficio abbiamo fatto abbattere i divisori nonostante non abbiamo problemi di spazio e / o sovraffollamento

scusa la curiosità, ma in che settore lavori?
libero di non rispondere, naturalmente
Nuke98725 Maggio 2019, 22:48 #10
Originariamente inviato da: !fazz
eccomi,
da noi si lavora meglio in openspace (infatti nel nuovo ufficio abbiamo fatto abbattere i divisori nonostante non abbiamo problemi di spazio e / o sovraffollamento

Dipende dal lavoro che fai.

Come programmatore sono stato in openspace misti dove c'erano anche altre figure professionali e dal punto di vista di noi programmatori era un manicomio. Telefoni che squillano, clienti che chiamano in continuazione, scambi di parole e confronti senza sosta mentre noi avevamo bisogno di essere lasciati in pace. In quegli anni vivevamo con le cuffie attaccate alle orecchie e siamo passati dalla techno alla musica medioevale tanto che non sapevamo più cosa ascoltare. La mattina appena arrivato accendevi il PC, YouTube e mettevi la playlist che avresti ascoltato in loop per 8 ore.

Mesi dopo ci hanno trasferito al piano di sotto. Sempre openspace ma solo programmatori e sistemisti. Silenzio assoluto, la pace dei sensi e niente cuffie. Dal piano di sopra erano convinti che sotto non ci fosse mai nessuno Tra noi c'erano anche regole non scritte. Squilla il cellulare? Vai in bagno o fuori a rispondere. Chiama un cliente? Voce bassa. Devi chiedere qualcosa a qualcuno nella stanza? Alzi il culo e ci vai a parlare vicino.

In conclusione ci sono contesti dove l'openspace può funzionare senza grandi sacrifici ma diciamo la verità, non tutte le aziende possono permettersi di mettere le persone nell'openspace giusto quindi di base si soffre. Alla fine si ammassa gente lì senza un criterio... come puoi mettere un programmatore nella stessa con quelli del marketing o l'amministrazione?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^