Le soluzioni di videocollaboration e Unified Communication di Centro Computer: senza consulenza l'hardware non basta

Le soluzioni di videocollaboration e Unified Communication di Centro Computer: senza consulenza l'hardware non basta

Il modo di lavorare e collaborare cambiato e oggi impossibile fare a meno di soluzioni per facilitare la comunicazione sia all'interno dell'azienda, sia nelle case dei lavoratori remoti. Centro Computer si propone come partner per la scelta, la configurazione e l'installazione dei dispositivi

di pubblicata il , alle 14:51 nel canale Device
LogitechSmart Working
 

Dopo più di un anno di lavoro quasi esclusivamente da remoto (dove applicabile) le aziende hanno finalmente iniziato a riaprire i loro uffici, anche se in molti casi sono le forme di lavoro ibride a prevalere, con alcuni giorni in ufficio e altri a casa. Un approccio che sembra destinato a rimanere quello prediletto anche per il futuro. Se inizialmente le aziende hanno reagito adattandosi con le soluzioni più immediate per consentire ai dipendenti di lavorare in sicurezza, a distanza, oggi non c’è più un’emergenza da risolvere, ed è possibile rivedere le postazioni di lavoro – sia in azienda sia a casa dei dipendenti – in maniera più ragionata, senza dover correre per far proseguire il business.

L’importanza di Unified Communication e videocollaborazione all’interno dell’azienda

Le riunioni sono cambiate e non saranno più come prima, nemmeno nella sala riunioni aziendale, che continuerà ad essere un luogo ibrido, con persone presenti fisicamente e altre connesse da remoto. Se durante l’emergenza bastavano un notebook e uno schermo per improvvisare una riunione, oggi è chiaro che bisogna dotarsi di strumenti più evoluti, in grado di offrire una maggior qualità audio/video, fondamentale per “avvicinare” i partecipanti, ovunque si trovino, ma soprattutto più ergonomici. Non si può pensare di dover perdere tempo a collegare cavi e configurare le piattaforme per la videocomunicazione a ogni riunione: tutto deve funzionare nella maniera più intuitiva possibile.

Per farlo, è importante scegliere la tecnologia giusta, adatta alle specifiche necessità di ogni impresa, ma anche affidarsi a un partner in grado di offrire consulenza sia per la scelta dei dispositivi, sia per l’installazione. Servizi offerti da Centro Computer, azienda di consulenza ICT partner di Logitech per le soluzioni di videocollaborazione e Gold Partner di Microsoft, specializzata nelle soluzioni Teams. Centro Computer è in grado di guidare i suoi clienti nella selezione dei dispositivi più indicati a seconda delle modalità di lavoro, oltre che di supportarli nell’installazione e configurazione dei sistemi.

“Per amore o per forza” abbiamo tutti scoperto l’importanza e la semplicità di organizzare o partecipare a riunioni in videoconferenza. Oggi, che la video collaborazione è una modalità di lavoro normale, le persone richiedono solo strumenti audio e video di massima qualità per fare queste riunioni con una reale piacevole esperienza di lavoro in modalità remota.

Le nuove soluzioni di Logitech per le sale riunioni

Su Edge9 abbiamo parlato più volte delle soluzioni di videocollaborazione di Logitech per la sala riunioni, come MeetupRally Bar, che sono alcune delle proposte di Centro Computer, ma la multinazionale svizzera ha ampliato la sua gamma di soluzioni introducendo alcune novità: Tap Scheduler e Tap IP.

Scheduler_IMG

Tap Scheduler è un pannello da posizionare all’ingresso della sala riunioni aziendale. Uno schermo touch da 10,1” che mostra informazioni sulla disponibilità della sala, offrendo dati sull’eventuale riunione in atto e sulle prenotazioni. Dotato di vetro oleorepellente anti-impronta e di un sistema di illuminazione LED che indica immediatamente se la sala è libera o occupata. È compatibile con le principali piattaforme, tra cui Microsoft Teams e Zoom Rooms e permette di semplificare la prenotazione delle stanze..

logitechTapIP

Tap IP è un controller con schermo touch da 10.1”, che va montato all’interno della stanza, appoggiandolo sulla scrivania o montandolo a parete. È progettato per semplificare il cablaggio e supporta il protocollo PoE, così da utilizzare un singolo cavo di rete per l’alimentazione e la connettività, permette di avviare le riunioni con un semplice Tap sullo schermo.

I dispositivi Logitech per chi lavora da remoto

La pandemia ha evidenziato come spesso la tecnologia privata dei dipendenti non è il massimo per lavorare da casa. Non parliamo solo della qualità delle immagini ma, soprattutto, dell’audio: il ticchettio della tastiera di chi prende appunti e altri rumori di sottofondo possono trasformare una riunione in un incubo per tutti i partecipanti. A tal proposito Logitech propone cuffie e auricolari, lanciati di recente sul mercato: i Zone Earbud, disponibili in versione wired, col cavo, o wireless.

logitech zone wireless earbud

Il modello più evoluto è quello senza fili, che si connette tramite Bluetooth e offre funzionalità come l’ANC, la riduzione attiva del rumore di fondo. Grazie ai tre microfoni con tecnologia Beamforming presenti in ciascun auricolare, la voce risulterà sempre cristallina e i suoni indesiderati (come il fruscio del vento se ci si trova all’aperto) verranno “cancellati” in tempo reale. Oltre al Bluetooth supportano anche la connettività tramite uno specifico dongle, e possono collegarsi contemporaneamente a due dispositivi, per esempio il telefono e il computer, così da passare rapidamente dall’uno all’altro quando necessario, senza alcuna interruzione.

Logitech Zone earbud Wired

La versione con filo, Zone Wired Earbuds, ha il vantaggio di essere molto più economica, ed è dotata di comandi per accettare/rifiutare le chiamate, mettere in pausa la musica, regolare il volume. L’audio rimane di ottima qualità ed è supportata la riduzione attiva del rumore. I microfoni Beamforming sono quattro, due per padiglione.

Il dispositivo più originale fra le nuove proposte di Logitech è sicuramente Logi Dock, una periferica multifunzione da appoggiare sulla scrivania che mira a semplificare il lavoro da remoto. Si tratta a tutti gli effetti di una docking station alla quale connettere mouse, tastiere, schermi e altri dispositivi esterni tramite le porte USB 3 (tipo C e tipo A), DisplayPort e HDMI. È anche in grado di alimentare, via USB C, dispositivi che richiedono un massimo di 100 Watt, sufficienti per qualsiasi notebook, anche il più esigente.

logi Dock

È dotata di speaker e di microfoni Beamforming e, in pratica, permette di ridurre notevolmente l’ingombro dei cavi, risultando utilissima soprattutto quando si ha poco spazio libero sulla scrivania. Oltre a liberare dall’ingombro dei cavi, semplifica anche la videocollaboration: è in grado di integrarsi perfettamente con le altre periferiche Logitech (incluse le cuffie e gli earbud Zone Wireless), ed è dotata di un tasto che permette di avviare immediatamente le riunioni.

Tramite l’app Logi Dock si integra anche con il calendario, accendendo il LED quando è venuto il momento di avviare una riunione video o prendere parte a una videoconferenza.

 
^