Arriva il Decreto Ristori Ter con aiuti per partite IVA e imprese nelle zone rosse e arancioni

Arriva il Decreto Ristori Ter con aiuti per partite IVA e imprese nelle zone rosse e arancioni

Il Governo stanzia circa 2 miliardi di euro per sostenere imprese e partite IVA messe in difficoltà dalle misure di contenimento del contagio. Arrivano gli aiuti per le attività nelle nuove zone rosse e arancioni

di pubblicata il , alle 19:53 nel canale Innovazione
Contributi imprese
 

Il Governo ha approvato in Consiglio dei Ministri il nuovo Decreto Ristori Ter con l'obiettivo di espandere la platea degli aventi diritto agli aiuti per partite IVA e imprese e di aumentare le risorse destinate a questi. Assieme al nuovo decreto è stata anche presentata la relazione da presentare alle Camere per approvare un nuovo scostamento di bilancio, necessario per finanziare le nuove misure di assistenza.

Decreto Ristori Ter: arrivano nuovi aiuti per partite IVA e imprese

Come aveva preannunciato la Ministra del Lavoro Catalfo, il Governo ha predisposto nuove misure per aiutare professionisti e imprese colpiti dalle restrizioni dovute al coronavirus. Il nuovo decreto Ristori Ter va sostanzialmente a ricalcare Ristori Bis, rispetto al quale si differenzia per ampiezza della platea.

Con l'ampliamento della cosiddetta "zona rossa", che ricopre ora più Regioni, e con il passaggio di nuove Regioni a "zone arancioni", si è creata la necessità di stanziare nuove risorse per quelle aziende e quei professionisti che sono presenti in tali territori e che vedono un impatto sulle proprie attività economiche a causa delle misure di contenimento del contagio.

Non ci sono, dunque, nuove misure previste dal Ristori Ter: si tratta, di fatto, di un'estensione delle misure del Ristori Bis a quelle attività che sono ora in "zona rossa" e che non lo erano all'approvazione del precedente decreto. Tali imprese e professionisti avranno dunque diritto a contributi a fondo perduto come sostegno in questo momento di particolare difficoltà. L'unica eccezione è quella delle attività di vendita al dettaglio di calzature, precedentemente non incluse ma ora coperte dal nuovo decreto.

Nello specifico, il decreto Ristori Ter stanzia: 1,45 miliardi per sostenere le attività economiche e produttive nelle Regioni che passano a una fascia di rischio più elevata; 400 milioni perché i Comuni possano adottare misure di solidarietà alimentare; 100 milioni per incrementare la liquidità a disposizione del Fondo emergenze nazionali, in grado di acquistare e distribuire farmaci per pazienti affetti da coronavirus.

Nuovi aiuti potrebbero essere contenuti nel decreto Ristori Quater, che è previsto per dicembre. Tale decreto dovrebbe inoltre contenere anche le tanto attese proroghe fiscali, che dovrebbero consistere in una proroga al 30 aprile 2021 del secondo acconto IRPEF, IRES e IRAP di fine novembre. Non si hanno, però, certezze in merito al momento.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
RENATO197124 Novembre 2020, 16:20 #1

Agenti di commercio...

Oltre duecentomila 200000 agenti di commercio sempre dimenticati dal governo e senza ristori grazie a cavilli che di fatto li escludono dai vari "fondo perduto" nonostante il pesante calo di fatturato in tutte le categorie merceologiche da marzo ad oggi senza vedere ancora alcuna luce in fondo a questo tunnel...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^