VMware e la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane uniscono gli sforzi per accelerare la trasformazione digitale del Paese

VMware e la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane uniscono gli sforzi per accelerare la trasformazione digitale del Paese

VMware ha sottoscritto un memorandum di intesa con CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, mirato a programmare iniziative educative congiunte nell'ottica di accelerare il processo di trasformazione digitale dell'Italia

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale Innovazione
VMware
 

VMware vuole premere l'acceleratore sulla trasformazione digitale e per farlo ha sottoscritto un memorandum di intesa con CRUI, la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane. Un accordo che prevede una serie di incontri formativi e di lezioni con studenti, professore e il personale accademico in generale.

"La CRUI dedica un’attenzione sempre maggiore alla collaborazione con soggetti qualificati pubblici e privati per avviare programmi di ricerca e sviluppo e progetti di alta formazione nell'ambito della trasformazione digitale" – ha commentato Gaetano Manfredi, Presidente della CRUI – "Gli atenei sono i luoghi in cui si costruisce la competitività economica del Paese e dove si sviluppano le competenze sociali capaci di gestirla in maniera equa. La digitalizzazione rappresenta oggi uno strumento indispensabile per potenziare le energie propulsive dell’università. Per questo continuiamo a stringere partnership solide come quella con VMware, offrendo così a studenti, personale, docenti e ricercatori opportunità complementari a quelle strettamente curriculari".

Si parte a settembre

Le attività educative inizieranno a settembre e verteranno su temi quali il cloud, la sicurezza informatica, il digital workplace e in generale il networking. Le lezioni dedicate agli studenti pensate per offrire loro le competenze più richieste nell'attuale mercato del lavoro, mentre le attività per i docenti saranno mirate a migliorare le loro conoscenze e a i metodi didattici.

L'obiettivo dell'iniziativa è quello di ridurre lo skill shortage, la difficoltà che hanno le aziende a trovare candidati con le competenze necessarie. 

Raffaele Gigantino, Country Manager di VMware Italia ha affermato che "La collaborazione tra le Università e le aziende a vantaggio della crescita e dello sviluppo del nostro Paese è fondamentale. Per questo siamo molto orgogliosi della partnership avviata con CRUI. Alle imprese e alle Università, forti rispettivamente delle loro specificità e della loro autonomia, spetta la sfida di sapersi integrare in modo da raggiungere un obiettivo comune e migliorare in definitiva il tasso di digital transformation in tutto il Paese. Solo educando in modo più efficace i giovani sulle opportunità offerte dalle nuove tecnologie sarà possibile che sia le generazioni attuali sia quelle future ottengano la giusta preparazione".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ComputArte08 Agosto 2019, 16:02 #1

...lavaggio di cervello e propaganda!

....a parte gli utilizzi REALI per esigenze scalabili in breve tempo.... continuare a propinare il CLOUD come soluzione GLOBALE è funzionale ad esigenze e obiettivi EXTRA-EUROPEI finalizzati alla PROFILAZIONE INCROCIATA!

Tutti ci auguriamo veramente che I RETTORI DELLE UNIVERSITA' ITALIANE abbiano letto, compreso e assimilato il GDPR...perchè la "privacy by design" e "privacy by default" non è uno slogan vuoto, ma una necessità che IPSO FACTO, spiazza tutti i modelli di business che utilizzano il "CLOUD" ( ...alias il server di qualcun altro ) per gestire i dati...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^