Nel 2019 il mercato italiano dell'IoT cresce del 24% rispetto all'anno precedente

Nel 2019 il mercato italiano dell'IoT cresce del 24% rispetto all'anno precedente

L'Osservatorio Internet of Things PoliMi rileva una crescita importante del mercato italiano dell'IoT, che nel 2019 ha raggiunto il valore di 6.2 miliardi di euro. La metà è dovuta a contatori intelligenti e auto connesse.

di pubblicata il , alle 18:21 nel canale Market
IoTPolitecnico di Milano
 

Il mercato dell'Internet of Things cresce a passi da gigante, anche in Italia, come evidenzia l'Osservatorio Internet of Things del Politecnico di Milano. Sia quello consumer, sia quello industriale, l'IIoT, così come crescono le collaborazioni fra pubblico e privato, sebbene sia ancora lontano l'obiettivo di un ecosistema integrato.

Smart meter, il vero traino del mercato IoT italiano

6.2 miliardi di euro. A tanto ammonta il mercato IoT italiano. A spingerlo sono soprattutto gli Smart Meter (contatori del gas ed elettrici, per esempio) e lo Smart Asset Management, settori che da soli valgono 1.6 miliardi di euro. Parliamo di 3,2 milioni di contatori smart gas (il 58% del totale) e di 5,7 milioni di smart meter elettrici (il 37% di tutti i contatori elettrici) installati nel solo 2019. 

Non sfigurano il settore Smart Car (1.2 miliardi di euro) e quello degli Smart Building (670 milioni). Seguono poi Smart Factory e Smart Home, quest'ultimo grazie alla spinta degli assistenti vocali, che hanno conquistato gli italiani. 

"L’Internet of Things in Italia continua a crescere a ritmi sostenuti in tutti i segmenti di mercato, con incrementi particolarmente significativi nelle soluzioni per la casa intelligente, l’Industria 4.0 e la Smart City" – ha dichiarato Giulio Salvadori, Direttore dell’Osservatorio Internet of Things - "La crescita è trainata dalle nuove tecnologie di comunicazione e dai servizi abilitati dagli oggetti connessi, segno di un mercato che cresce in maturità oltre che in termini di fatturato. Al tempo stesso, prosegue l’evoluzione tecnologica: si espandono le reti di comunicazione LPWA (Low Power Wide Area) a cui si affiancano sempre più use case e sperimentazioni abilitate dal 5G, in grado di abilitare nuove opportunità di mercato, sia in contesti consumer sia business o relativi alla PA".

IoT e coronavirus

Secondo l'osservatorio del PoliMi, alcune applicazioni IoT si stanno rivelando estremamente importanti per fronteggiare l'emergenza, come i servizi di teleassistenza che permettono di monitorare i parametri vitali dei pazienti da remoto, i veicoli a guida autonoma robotizzati possono effettuare consegne a domicilio, ma anchei sistemi di sorveglianza connessi.
L'emergenza ha poi dato un'accelerata ai modelli pay-per-use e pay-per-performace per l’acquisto di oggetti connessi che permettono di dilazionare i pagamenti di macchinari industriali, automobili o dispositivi smart per gli edifici (ad esempio sistemi di illuminazione), pagabili sulla base dell’effettivo utilizzo misurato dagli oggetti connessi.

"L’Industrial IoT italiano è una realtà in crescita, soprattutto fra le grandi imprese, anche se il ritardo delle PMI, fra cui solo una minoranza conosce le soluzioni IIoT, avvia progetti e sfrutta adeguatamente gli incentivi previsti dal Piano Nazionale Industria 4.0, dimostra che la strada da percorrere in Italia per l’innovazione 4.0 è ancora lunga" - afferma Giovanni Miragliotta, Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Internet of Things - "Per crescere e innovarsi, le imprese dovranno aumentare impegno e investimenti nell'acquisizione e sviluppo di competenze IoT e imparare a valorizzare al meglio i dati raccolti. Coloro che già lo fanno sono in grado di estendere la propria offerta con servizi a valore aggiunto e, in alcuni casi, di rivoluzionare il proprio modello di business, con i primi casi di macchinari acquistati secondo il modello di pagamento pay-per-use".


Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^