Drive USB e dati sensibili: Kingston ci parla dei rischi per la sicurezza

Drive USB e dati sensibili: Kingston ci parla dei rischi per la sicurezza

Le chiavette USB sono tra i dispositivi più utilizzati per l'archiviazione dei dati, soprattutto in azienda. Purtroppo gli stessi drive vengono smarriti ogni giorno, esponendo informazioni sensibili a enormi rischi. Come risolvere questo problema? Risponde Kingston

di pubblicata il , alle 12:31 nel canale Security
KingstonUSB
 

Durante l'attuale emergenza sanitaria, molti italiani hanno trasferito l'attività lavorativa nella propria abitazione, portando con sé i file necessari. Come diretta conseguenza, molte informazioni sensibili escono dai confini dell'azienda per essere trasferite sui PC personali degli utenti, quelli collegati alla rete casalinga, esponendo gli stessi dati a potenziali rischi.

Sono i drive USB i principali dispositivi scelti per l'archiviazione dei dati aziendali, dispositivi che tuttavia vengono facilmente smarriti o compromessi in maniera irrimediabile. Kingston ci parla dunque dei vantaggi e, soprattutto, dei rischi legati all'utilizzo dei drive USB.

Kingston: il 50% dei drive USB viene perso dal proprietario

Stando a una ricerca effettuata da Kingston - uno dei principali produttori di schede di memoria a livello globale - sono davvero numerosi i modi in cui i drive USB possono diventare un pericolo per la sicurezza dei dati.

I numeri parlano chiaro: il 50% dei dispositivi viene smarrito dal legittimo proprietario, con più di 22.000 drive USB che finiscono persino in lavatrice, dopo essere stati dimenticati in qualche tasca dei pantaloni o della giacca. Nel 40% dei casi non si ha semplicemente idea di che fine abbia fatto la chiavetta smarrita, mentre il 48% delle persone che ritrovano un drive USB lo collega ad un device e apre almeno un file al suo interno. Da non sottovalutare neanche il rischio di furto, con il 10% delle unità rubato.

kingston usb

Le percentuali appena elencate evidenziano un quadro alquanto preoccupante per la sicurezza dei dati. Va inoltre considerato che la maggior parte delle aziende (il 71%) utilizza più di cinque unità USB per le attività interne e, nel 24% dei casi, i dati custoditi dai dipendenti sono dati sensibili: il rischio che si verifichi un data breach non è da sottovalutare. In un'azienda su due, i drive USB contenenti tali informazioni sono scomparsi almeno una volta.

Nel suo report, Kingston cita un eclatante episodio risalente al 2017. Siamo in Gran Bretagna, dove un uomo ha ritrovato una chiavetta USB mentre passeggiava: dopo aver collegato il drive al proprio computer, i 76 file scovati erano connessi alla sicurezza della regina Elisabetta e dell'aeroporto londinese di Heathrow.

Storage USB e sicurezza: il ruolo della crittografia

Molte organizzazioni sono consapevoli dei rischi connessi alla sicurezza dei drive USB, ma altrettante continuano a sottovalutare le suddette problematiche. Mentre l'80% delle organizzazioni ha già implementato regole specifiche in merito all'utilizzo delle unità di archiviazione, meno del 20% delle stesse organizzazioni prevede l'obbligo di utilizzo di drive dotati di crittografia.

Questi ultimi rappresentano, a tutti gli effetti, la soluzione più semplice ed efficace per proteggere i propri dati. Accedere a drive dotati di crittografia è impossibile per chi non conosce la password; a questo si aggiungono utili funzioni avanzate di gestione remota. Compito delle aziende - e, in particolare, degli operatori IT - è dunque quello di sensibilizzare i dipendenti al, fine di implementare le policy adeguate e di adottare unità USB crittografate.

"In alcune professioni e ambiti, l’utilizzo di drive USB è pressoché imprescindibile", afferma Stefania Prando, Business Development di Kingston Technology. Prando aggiunge: "Al fine di evitare eventuali data breach e conseguenti danni alle aziende, piuttosto che eliminarne completamente la presenza o eleggere all’uso solo specifici individui, la soluzione che noi di Kingston proponiamo è quella di affidarsi alle unità crittografate. Affidabili e sicure, garantiscono tutti i vantaggi di un drive USB e, al contempo, azzerano i rischi per la sicurezza".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
giovanni6911 Aprile 2020, 14:44 #1
"con più di 22.000 drive USB che finiscono persino in lavatrice"

https://www.kingston.com/it/company/press/article/53064
https://www.kingston.com/it/solutio...s-certification

C'è scritto tra le specifiche:
Impermeabile5: Fino a 4 ft.; conforme allo standard IEC 60529 IPX8

tutto bello l'impermeabilità fino a 121.92 cm... ma un IPX8 resiste ad un ciclo di lavatrice?!
Altrimenti per quei 22.000 drive si torna punto a capo.
Nicodemo Timoteo Taddeo11 Aprile 2020, 15:42 #2
Un paio di volte le mie chiavette sono finite dentro la lavatrice, hanno fatto anche la regolare centrifuga, fatte asciugare qualche giorno, hanno funzionato regolarmente. Una ce l'ho ancora.

Comuni chiavette eh, niente di ricercato guardando le specifiche...
frankie11 Aprile 2020, 21:18 #3
La mia prossima pendrive sarà con il lettore di impronte.
Perchè se una volta potevo dire di metterci solo cose di lavoro secondarie, ora c'è di tutto e troppi dati sensibili.

Vero che una volta ho trovato una pendrive (1o anni fa) e la seconda cosa che ho fatto era formattarla. C'erano solo tre file word insignificanti. Poi l'ho regalata perchè ne avevo già e le prestazioni erano pessime.
totalblackuot7511 Aprile 2020, 22:03 #4
basta crittografarla anche solo a livello software,per un normale utilizzo va piu' che bene...
giovanni6912 Aprile 2020, 22:52 #5
Originariamente inviato da: Nicodemo Timoteo Taddeo

Comuni chiavette eh, niente di ricercato guardando le specifiche...


Vuoi vedere che il posto più sicuro per conservare una chiavetta è la lavatrice?!...

Credo che se volessero pubblicizzare l'aspetto impermeabilità, un bel video certificato con lavaggio e centrifuga, sarebbe ben più convincente di qualche sigla tecnica.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^