Fortinet: la digitalizzazione dell'industria deve concentrarsi sulla sicurezza

Fortinet: la digitalizzazione dell'industria deve concentrarsi sulla sicurezza

Fortinet pubblica una ricerca in cui emerge che l'industria si sta digitalizzando senza, però, trovare un equilibrio per quanto riguarda la sicurezza. Ciò a causa di divisioni interne alle aziende

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Security
Fortinet
 

L'unico sistema al sicuro da attacchi è quello che non si può raggiungere. La tendenza nel mondo industriale è però quella di connettere sempre più apparecchi alla Rete per poter ottenere vantaggi competitivi e di efficienza, con la conseguenza che la superficie di attacco è aumentata. Uno studio pubblicato da Fortinet mette in luce come ci siano ancora divisioni interne alle industrie che impediscono una reale protezione.

Fortinet: l'industria si digitalizza, ma la sicurezza resta indietro

Le industrie stanno digitalizzando i propri stabilimenti in vari modi, ma prevalentemente connettendo i macchinari a Internet per poter raccogliere dati utili a identificare problematiche e margini di miglioramento. Questa connessione espone però i macchinari a possibili attacchi e l'industria non è del tutto pronta a fronteggiare questa situazione, stando a una ricerca di Fortinet condotta in Europa e in India.

Il 66% degli intervistati ha affermato che le fabbriche sono collegate a Internet e usano i dati ricavati per prendere decisioni aziendali, con un evidente vantaggio; dall'altro lato, però, il 73% degli intervistati dichiara che questo aumenta la superficie di attacco e solo metà è convinta che la propria infrastruttura sia pronta a fronteggiare le minacce dei cybercriminali. L'implicazione è che l'altra metà non si consideri preparata, il che non è rassicurante se si considera che il 55% degli intervistati ha affermato di non avere intenzione di implementare novità nell'ambito della sicurezza per i prossimi 12 mesi.

La causa di questa mancanza di protezione è data anche da divisioni all'interno dell'azienda. Tradizionalmente i sistemi informatici e quelli operativi sono stati separati e questa divisione perdura, lasciando però nelle mani dei team OT (operational technology) il compito di rendere i sistemi sicuri. Non sempre però tali team hanno le competenze per farlo e più spesso ancora (stando a più di un terzo degli intervistati) non si è in grado di attribuire responsabilità specifiche riguardo la sicurezza. Questo nonostante sia ben chiaro a tutti (il 91%) che le responsabilità dovrebbero essere condivise tra IT e OT, e per il 58% dovrebbe esserci una collaborazione chiara e regolare tra i due reparti.

Ma i vantaggi derivanti dalla collaborazione tra OT e IT non si fermano alla sicurezza. Un rapporto più stretto tra le due componenti permette infatti di avere accesso più rapido a insight relativi alla produzione (stando al 66% degli intervistati), nonché di creare e monetizzare nuove opportunità grazie a dati più leggibili (per il 59%). L'efficienza vede miglioramenti netti secondo il 43% degli intervistati, che riportano una riduzione della duplicazione dei processi e dei flussi di lavoro.

Joe Samo, vice presidente della divisione International Emerging & Operational Technology & Critical Infrastructure per la regione EMEA di Fortinet, afferma che “le realtà industriali devono cambiare approccio a livello operativo per colmare il divario tra ambienti IT e OT e generare fiducia tra i rispettivi team, per garantire una convergenza di successo. Man mano che la superficie di attacco si espande, i team IT e OT devono collaborare per migliorare la visibilità e difendersi dalle minacce informatiche. Ecco perché in Fortinet stiamo investendo molto tempo e risorse nella ricerca e sviluppo per le soluzioni di cybersecurity pensate per i sistemi ICS."

Ulteriori informazioni sono reperibili sul sito ufficiale di Fortinet.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^