TIM sceglie Ericsson per la sua rete 5G

TIM sceglie Ericsson per la sua rete 5G

Per l'implementazione della sua rete 5G, TIM ha deciso di affidarsi all''hardware e software di Ericsoon in tutte le porzioni dell'infrastruttura, sia per la Radio Access Network sia per la Core Network

di pubblicata il , alle 18:41 nel canale TLC e Mobile
TIMEricsson
 

Nonostante in Europa molti operatori, fra cui Vodafone, abbiano puntato su Huawei per l'infrastruttura 5G, TIM va controcorrente e ha puntato le sue carte sulle soluzioni proposte da Ericsson. La scelta è dovuta al fatto che Ericsson già dal 2015 distribuisce ai suoi clienti l'hardware 5G-ready Ericsson Radio System, dispositivi che necessitano di un solo aggiornamento software per poter sfruttare i vantaggi della nuova rete mobile

Come abbiamo precisato qui, TIM ha ufficialmente lanciato in Italia il suo servizio 5G commerciale il 5 luglio in tre città, Roma, Torino e Napoli, e prevede di estenderlo entro la fine dell'anno ad altre 6 città: Milano, Bologna, Verona, Firenze, Matera e Bari. La velocità massima raggiungibile da queste reti sarà di 2 Gigabit al secondo. 

I piani di TIM non si fermano qui ed entro il 2021 saranno coperte 120 città e 200 destinazioni turistiche e la velocità di picco verrà portata a un massimo di 10 Gbps. 

Il servizio è offerto a partire da 29,99 euro mensili, che includono 50 GB di dati e minuti illimitati di conversazione, per arrivare ai 49,99 euro al mese, con 100 GB a disposizione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
lookgl12 Luglio 2019, 21:07 #1
Per quanto mi riguarda son tariffe completamente fuori dal mercato. Mettessero uno smartphone 5g incluso e un qualche sistema più evoluto dei tot giga inclusi. Senza limiti su una rete mobile e condivisa non sarà mai possibile, ma un sistema basato sulla proprietà si. Chi più scambia piú dati ha una priorità prograssivamente minore, così si possono fare tariffe flat, senza che l'utente x generi TB e TB di dati andando ad intasare la rete daneggiando tutti. Per adesso 100gb a 50€ se li posso tenere, sembrano una Ferrari col serbatoio di un tosaerba.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^