Carta di identità elettronica, attivo il servizio Entra con CIE che non richiede lettore RFID

Carta di identità elettronica, attivo il servizio Entra con CIE che non richiede lettore RFID

Il servizio Entra con CIE per l'accesso ai servizi digitali delle PA si aggiorna con un nuovo scenario di autenticazione ibrida, che permette di autenticarsi via cellulare facendo a meno del lettore RFID USB

di pubblicata il , alle 16:21 nel canale Innovazione
Smart Working
 

Ci sono differenti modi di accedere ai servizi erogati dalle PA, per esempio quelli dell'INPS. Oltre allo SPID ricordiamo la Carta Nazionale dei Servizi e la poco diffusa Carta di identità elettronica 3.0 (CIE). Quest'ultima non ha ancora riscosso un grande successo per una serie di motivi, ma prevalentemente per il fatto che per utilizzarla è necessario dell'hardware aggiuntivo, in particolare un lettore RFID da collegare USB al computer. Fortunatamente, lo scenario è ora cambiato e può bastare uno smartphone. 

CIE: ora basta uno smartphone NFC per autenticarsi 

La Carta di Identità Elettronica 3.0 diventa più user friendly. Ed era ora, ci viene da aggiungere. Il fatto di potersi autenticare con questo strumento solo utilizzando un PC al quale era collegato un lettore RFID USB non era il massimo della comodità, ma le cose sono cambiate. Ora per sfruttare la modalità di accesso "Entra con CIE" basta usare l'app di autenticazione CieID

Al momento l'app è compatibile solo con dispositivi Android dotati di NFC, ma l'Agid assicura che presto sarà possibile usare anche smartphone e tablet iOS. 

A questo indirizzo è possibile trovare un tutorial per l'utilizzo, che fondamentalmente è piuttosto semplice. 

EntraconCIe

Una volta cliccato su Entra con CIE su uno dei portali della PA, basterà inserire il numero di serie della propria CIE, scansionare col telefono il QR Code e inserire il codice OTP generato dall'app.

Un aspetto da sottolineare è che la Carta di Identità Elettronica potrà essere utilizzata per accedere ai servizi in rete non solo italiani, ma di tutte le pubbliche amministrazioni dell'Unione che richiedono credenziali di livello 1, 2 o 3. "Gli altri stati membri hanno l’obbligo di far accedere ai propri servizi in rete i cittadini dotati di SPID, a partire dal 13 settembre 2020 diviene obbligatorio consentire l’accesso anche con la CIE", si legge sul sito dell'AGID.

A questo indirizzo, invece, è possibile trovare tutte le informazioni per integrare l'accesso tramite CIE nei propri servizi. 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cappej07 Aprile 2020, 17:28 #1
praticamente è come lo SPID... ma con carta d'identità... molto meglio... quindi lo SPID a che serve...?
eureka8507 Aprile 2020, 17:31 #2
tra poco chip sottocutaneo per legge a tutti, chi lo toglie andrà in galera dopo esser passato dalla STANZA 101
The_ouroboros07 Aprile 2020, 17:49 #3
Originariamente inviato da: eureka85
tra poco chip sottocutaneo per legge a tutti, chi lo toglie andrà in galera dopo esser passato dalla STANZA 101


Boro07 Aprile 2020, 18:51 #4
Mi pare che la procedura con lo SPID sia più semplice inoltre in pochi hanno la CI elettronica.Bene cosi comunque ... Se al rinnovo farò la CI elettronica avrò un buon metodo di accesso senza rinnovo identità SPID
Mparlav07 Aprile 2020, 19:08 #5
Rispetto alla SPID, ci sono da inserire in più, il numero di CI ed il codice OTP, ma tutto sommato non sono grosse complicazioni.
La CI cartacea mi scade tra 5 anni, fino ad allora continuerò con la SPID, anche se dovesse diventare, un giorno, a pagamento.
marcopalestra07 Aprile 2020, 19:10 #6
Io che ho solo iOS continuo ad usare lo SPID anche quando rinnoverò la CI
Gandalf6407 Aprile 2020, 19:11 #7
Peccato che al momento siano solo questi i siti su cui si può usare:

• Regione Toscana

• Servizi “Torino Facile”

• Città di Trento (cartella ASL)

• Regione Piemonte

• Regione Puglia

• Regione Emilia Romagna

• Comune di Arcore

• Regione Marche

• INPS

• Comune di Roma

• Ministero della Salute
AlPaBo07 Aprile 2020, 20:29 #8
Originariamente inviato da: Gandalf64
Peccato che al momento siano solo questi i siti su cui si può usare:

• Regione Toscana

• Servizi “Torino Facile”

• Città di Trento (cartella ASL)

• Regione Piemonte

• Regione Puglia

• Regione Emilia Romagna

• Comune di Arcore

• Regione Marche

• INPS

• Comune di Roma

• Ministero della Salute


1. Si tratta di un servizio appena attivato; che alcuni dei siti più importanti siano già disponibili mi sembra un ottimo inizio.

2. Te ne sei dimenticati parecchi: per esempio tutti gli enti accessibili con il sistema FedERa dell'Emilia Romagna, tra cui il fascicolo sanitario.
300007 Aprile 2020, 21:20 #9
Ma tanto ci vuole a dotare tutti i 400 milioni di Cittadini Europei di UNO spid con cui fare TUTTO ?!?
pierpippo08 Aprile 2020, 11:27 #10
Originariamente inviato da: The_ouroboros


Per capire quel post bisogna essere un po' acculturati e avere letto il capolavoro di Orwell, 1984, dove si parla del Grande Fratello, non quello dei celebrolesi televisivi. La stanza 101 è una sala di tortura dove ognuno di noi troverebbe la sua più grande paura diventare realtà. Se non l'hai letto ti consiglio di leggerlo perchè non siamo poi così distanti dall'avverarsi quello che diceva Orwell. Un vero capolavoro che dovrebbe essere fatto leggere nelle scuole.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^