Coronavirus: da Microsoft Italia task force di esperti IT e donazioni

Coronavirus: da Microsoft Italia task force di esperti IT e donazioni

Annunciata una donazione di 70.000 euro a Fondazione Francesca Rava per l’allestimento del nuovo reparto di Terapia Intensiva Aggiuntiva del Policlinico di Milano, 30.000 euro le donazioni dei dipendenti per la Croce Rossa Italiana, in collaborazione con Rete del Dono

di pubblicata il , alle 19:01 nel canale Innovazione
MicrosoftMicrosoft 365
 

Microsoft Italia in prima linea per il supporto alle istituzioni e organizzazioni che stanno combattendo l'incessante emergenza Coronavirus nel nostro paese. Microsoft Italia ha donato alla Fondazione Francesca Rava una cifra pari a 70.000 euro che sarà destinata all'acquisto e tempestiva consegna di attrezzature per allestimento del nuovo Reparto di Terapia Intensiva Aggiuntiva del Policlinico di Milano.

Altri 30.000 euro provenienti dalle donazioni volontarie dei dipendenti Microsoft tramite la piattaforma Rete del Dono saranno invece devoluti alla Croce Rossa Italiana.

Coronavirus

Queste iniziative fanno parte di un progetto più ampio che vede Microsoft impegnata direttamente su tutto il territorio italiano per assicurare la continuità nel business alle aziende che possono ancora operare e per garantire il diritto allo studio agli studenti che in questo momento di emergenza non possono andare a scuola. In questo contesto, infatti, Microsoft Italia ha messo a disposizione la propria tecnologia, le proprie competenze e i propri esperti per aiutare organizzazioni, università e istituti scolastici a implementare in tempi rapidi le soluzioni più adeguate per lavorare e studiare a distanza.

Microsoft sta supportando le aziende su tutto il territorio nazionale ad abilitare lo smart working. Innanzitutto, offre accesso gratuito alla piattaforma Microsoft Teams, lo strumento strategico che consente di abilitare nuove modalità di lavoro da remoto che proprio in questi giorni ha raggiunto quota 44 milioni di utenti giornalieri. Inoltre, ha preso parte al progetto Flexible Working, che raccoglie risorse utili come documentazione tecnica, metodologica e di utilizzo per comprendere i vantaggi dello smart working e accedere a servizi d’installazione gratuiti.

Il team Microsoft Education, inoltre, sta lavorando insieme al Ministero dell’Istruzione e agli Uffici Scolastici Regionali per aiutare le scuole di ogni ordine e grado in tutto il Paese ad accelerare l’erogazione di lezioni a distanza e consentire così agli studenti di non dover interrompere il percorso di studi. Lo sta facendo attraverso una task force di esperti e un fitto programma di webinar per guidare docenti e dirigenti scolastici a sfruttare al meglio le funzionalità di Office365 Education.

“Il nostro Paese sta vivendo un momento di grande difficoltà. Come Microsoft ci siamo attivati su più fronti, grazie anche ai nostri partner, affinché potessimo aiutare sia chi sta combattendo in prima linea questa battaglia, dando un contributo concreto alle strutture sanitarie, sia chi deve continuare a lavorare e studiare, offrendo le nostre tecnologie ed esperienze. Sono convinta che da questa crisi possano nascere nuove opportunità. Il digitale, per esempio, sta entrando sempre di più nelle nostre vite e ci sta aiutando in tanti aspetti della nostra quotidianità che non credevamo possibili fino a poche settimane fa. Credo che il cambiamento che stiamo affrontando oggi, potrà avere un impatto positivo ancora maggiore domani, quando le difficoltà saranno superate” ha commentato Silvia Candiani, Amministratore Delegato Microsoft Italia.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dwfgerw26 Marzo 2020, 20:29 #1
La beneficenza la fanno dando teams e pochi “spicci”? .. con la “scusa” del coronavirus vogliono imporre il loro software di collaboration. Per loro è un’occasione d’oro altro che beneficenza
Notturnia26 Marzo 2020, 21:15 #2
microsoft teams ?.. sono giorni che provo a scaricarlo e mi dice che per la versione gratis devo avere pazienza perchè ci sono troppe richieste.. stiamo valutando quella a pagamento ma sta passando la voglia visto i costi..

gratis.. ma impossibile scaricarla..
MaxFabio9327 Marzo 2020, 02:42 #3
Originariamente inviato da: dwfgerw
La beneficenza la fanno dando teams e pochi “spicci”? .. con la “scusa” del coronavirus vogliono imporre il loro software di collaboration. Per loro è un’occasione d’oro altro che beneficenza


Ma che ne sai tu? Hai qualche prova per dire ciò? Guarda che è una precisa politica aziendale, già Bill Gates in primis è la prima persona che fa beneficenza nel mondo, lo ha sempre fatto, la Microsoft non è mai stata da meno.

Prima di parlare informarsi un pochino please.

E comunque non mi pare che abbia avuto nessun ritorno di immagine visto che non è stato sbandierato da nessuno ai quattro venti.
igiolo27 Marzo 2020, 10:11 #4
Originariamente inviato da: Notturnia
microsoft teams ?.. sono giorni che provo a scaricarlo e mi dice che per la versione gratis devo avere pazienza perchè ci sono troppe richieste.. stiamo valutando quella a pagamento ma sta passando la voglia visto i costi..

gratis.. ma impossibile scaricarla..


attivato senza intoppi settimana scorsa..
Notturnia27 Marzo 2020, 13:57 #5
@igiolo, devo aver atteso troppo.. usavamo webex e quando ho pensato di restare in casa MS mi sono trovato ingolfato in mezzo alle mille mila richieste..
adesso lo sto comprando ma non posso installare la suite da remoto perchè se qualcosa va storto ho dipendenti senza office per cui tutto rimandato a dopo covid..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^