Intelligenza artificiale: per Gartner le competenze servono in tutta l'azienda, non solo per l'IT

Intelligenza artificiale: per Gartner le competenze servono in tutta l'azienda, non solo per l'IT

Le offerte di lavoro per posizioni legate all'intelligenza artificiale vengono da tutte le divisioni dell'azienda e per l'IT sono meno della metà del totale. Il tema è caldissimo e c'è molta richiesta, ma mancano le competenze

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Innovazione
 

Nel corso degli ultimi quattro anni la domanda più consistente per candidati con competenze nella sfera dell'Intelligenza Artificiale non è giunta dai dipartmenti IT delle aziende, ma da altre unità di business. Questo almeno è quello che emerge da un recente report di Gartner che ha constatato come il numero dei lavori correlati all'AI richiesti dall'IT sia stato meno della metà rispetto a quello di altri dipartimenti.

Qualche numero: a luglio 2015 i dipartimenti IT hanno pubblicato 14.900 offerte di lavoro legate all'AI rispetto alle 89.895 pubblicate dalle altre divisioni. A Marzo 2019 le offerte di lavoro AI dei dipartimenti IT sono cresciute del 363% a quasi 69 mila, mentre quelle degli altri dipartimenti hanno raggiunto quota 15.6294, in crescita del 74% rispetto al 2015.

Quali sono quindi i dipartimenti che reclutano talenti AI in maniera compulsiva? Gartner indica il reparto marketing e vendite, quello del servizio clienti, quello finanziario e poi della ricerca, con impieghi nello specifico per la modellazione del churn della clientela, per l'analisi della profittabilità del cliente, per la segmentazione del cliente, per le raccomandazioni cross-sell e upsell, per la pianificazione della domanda e la gestione del rischio. I settori asset-centrici hanno riportato una significativa porzione di casi d'uso AI per progetti come la manutenzione predittiva, i flussi di lavoro, l'ottimizzazione della produzione, il controllo qualità e l'ottimizzazione della catena di fornitura.

L'AI è un settore caldo, ma mancano le competenze

Quello che emerge dallo studio condotto da Gartner è che sono le competenze dello staff a rappresentare la sfida e la principale barriera all'adozione dell'AI e del machine learning. Si tratta di un ambito complesso, relativamente nuovo e di matrice multidisciplinare: queste caratteristiche rendono i CIO - Chief Informative Officer - le figure migliori per affiancare le risorse umane nel percorso di assunzione dei talenti AI in tutte le unità di business. Risorse umane e CIO insieme possono riconsiderare le competenze veramente necessarie per un futuro impiegato dedicato all'AI, e valutare i criteri per candidature adiacenti alle specifiche dell'assunzione.

Il problema della carenza di competenze nell'ambito AI che ha riscontrato Gartner è già stato portato alla luce anche da altre ricerche. Un studio di IDC aveva infatti evidenziato che delle organizzazioni che già sfruttano le potenzialità dell'AI, solamente il 25% ha sviluppato una strategia capace di toccare tutta l'organizzazione a seguito di eccedenza di costi, mancanza di figure qualificate, informazioni tendenziose e mancanza di competenze. Si aggiunge poi un report del Tencent Research Institute del 2017 che allora sottolineava l'esistenza di 300 mila, nel mondo, tra professionisti e ricercatori AI, ma parimenti la disponibilità di milioni di ruoli per le persone con le giuste qualifiche.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^