Iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, attiva le notifiche e rimani aggiornato su tutti i nuovi video

La lotteria degli scontrini slitta a febbraio: ancora troppi i registratori di cassa non aggiornati

La lotteria degli scontrini slitta a febbraio: ancora troppi i registratori di cassa non aggiornati

La lotteria degli scontrini, annunciata da tempo, non partirà il 1° gennaio 2020 come previsto. Con il decreto Milleproroghe il via è rimandato a febbraio per venire incontro alle esigenze degli esercenti che ancora non hanno aggiornato i dispositivi

di pubblicata il , alle 17:11 nel canale Innovazione
SPIDFattura Elettronica
 

Tutti pronti per la lotteria degli scontrini? La risposta è, purtroppo, no. La misura, annunciata da tempo, avrebbe dovuto partire già dal 1° gennaio ma gli esercenti non ci stanno e richiedono più tempo per aggiornare i registratori di cassa. Il Governo ha accolto le richieste e posticipato di un mese l'avvio della lotteria, così da dare tempo a tutti di mettersi in regola.

Scontrino elettronico.

Lotteria degli scontrini: si parte a febbraio, un mese dopo la data prevista

La pandemia ha certamente accelerato il percorso di digitalizzazione del Paese, ma ci sono ancora alcuni scogli che impediscono di rispettare il calendario previsto inizialmente dalle Istituzioni. Come la lotteria degli scontrini, il cui avvio è stato posticipato al 1° febbraio, come del resto chiedevano le associazioni di settore, Confcommercio e Confesercenti, che hanno portato avanti le proteste dei negozianti. Questi ultimi non sono contrari alla misura, ma lamentano il poco tempo che hanno avuto a disposizione per aggiornare i registratori di cassa o il software di quello posseduto. Secondo le stime di Confcommercio, su 1.200.000 di registratori in funzione, solo 600.000 sono già "pronti" per lo scontrino elettronico. 

Con l'approvazione del decreto Milleproproghe i negozianti hanno un mese in più, ma c'è un risvolto negativo: gli incentivi per passare a nuovi dispositivi, il 50% sulla spesa per un massimo di 250 euro nel casi di acquisto di nuovo terminale e di 50 euro nel caso di aggiornamento di quello che già possiedono, scadono in ogni caso il 31 dicembre. In parole povere, chi non si adeguerà entro i pochissimi giorni rimasti del 2020, dovrà rinunciare a questo contributo. Un problema da non sottovalutare, considerato che i costi di adeguamento, secondo le rilevazioni di Confcommercio, sono ben più elevate di quanto preventivato a inizio del 2020: se a marzo l'adeguamento tecnico costava attorno ai 40/50 euro più IVA, nelle ultime settimane i costi sono saliti di molto, arrivando a circa 230 euro (sempre IVA esclusa).

Rimane invece fissato al 1° gennaio 2020 l'obbligo della trasmissione giornaliera dei corrispettivi, indipendentemente dal terminale utilizzato

33 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MikyDo28 Dicembre 2020, 17:28 #1
Perché, qualcuno pensa seriamente che invece a febbraio saranno aggiornati?
Ragerino28 Dicembre 2020, 17:39 #2
Originariamente inviato da: MikyDo
Perché, qualcuno pensa seriamente che invece a febbraio saranno aggiornati?


L'azienda che si occupa di aggiornarli ci ha promesso di fare il prima possibile...1 mese fa. Tra virus e problemi vari secondo me prima di primavera non ci saltano fuori.
latilou8528 Dicembre 2020, 17:40 #3
Originariamente inviato da: MikyDo
Perché, qualcuno pensa seriamente che invece a febbraio saranno aggiornati?


ma nemmeno a Marzo TUTTI saranno in regola.

Non ho idea del costo, ma se è obbligatorio me lo devi fornire, punto e basta, non esiste che io devo sbattermi e pagare per una cosa obbligatoria di legge.
Ragerino28 Dicembre 2020, 17:50 #4
Originariamente inviato da: latilou85
ma nemmeno a Marzo TUTTI saranno in regola.

Non ho idea del costo, ma se è obbligatorio me lo devi fornire, punto e basta, non esiste che io devo sbattermi e pagare per una cosa obbligatoria di legge.


Nei paese dei balocchi forse. I registratori di cassa nuovi l'anno scorso se lo sono dovuti pagare tutti di tasca loro. In alcuni casi anche oltre i 1000€.
alethebest9028 Dicembre 2020, 17:56 #5
Originariamente inviato da: Ragerino
Nei paese dei balocchi forse. I registratori di cassa nuovi l'anno scorso se lo sono dovuti pagare tutti di tasca loro. In alcuni casi anche oltre i 1000€.


quoto, alla fine chi ci va di mezzo ? sempre i commercianti
io78bis28 Dicembre 2020, 18:16 #6
Ancora una volta la dimostrazione che in Italia si cercano sempre le strade più complesse per realizzare le cose.

Sicuramente il rinvio è solo un modo per accumulare tempo visti i milioni di € già spesi in buoni inutili e ristori assurdi.

Phate328 Dicembre 2020, 18:18 #7

Tecnico misuratore fiscali/telematici

Vi spiego come funziona la cosa, perchè vedo spesso articoli qui si hwup sui misuratori telematici e alcune cose o non sono spiegate bene o non si conoscono perchè non del campo.

Io faccio il tecnico per misuratori telematici, l'azienda per cui lavoro si preoccupa di vendita, assistenza, messa in servizio, aggiornamenti e tutto quello che riguarda il punto vendita.

La questione degli aggiornamenti alla lotteria, ma soprattutto all'XML 7.0 (il nuovo tracciato di invio all'agenzia delle entrate a fine giornata) è questa:
i vari produttori si sono ritrovati da un momento all'altro a dover aggiungere features alle macchine, con tempi strettissimi (sono dispositivi che vanno omologati dall'agenzia delle entrate per ogni aggiornamento firmware e vanno testati in modo parecchio pesante). Questo ha fatto si che i produttori facessero pagare i firmware con le funzionalità aggiuntive ai centri di assistenza, che ovviamente si traduce in costi in più per l'utente finale.

Tenete anche conto che, solo il 23 dicembre TUTTI i produttori (o almeno quelli che gestisco io) hanno finito di rilasciare i firmware.
DTR è quella che è uscita prima, ben 3 mesi fa (sia lotteria che XML7)
Custom/Fasy è uscita 3 mesi fa con lotteria e 1 mese fa con XML7
RCH ci è arrivata 15 giorni fa
Epson è uscita un po' di tempo fa con la lotteria, e il 23 con l'XML7

Alcuni di questi dispositivi vanno aggiornati di persona, in negozio, devo togliere il sigillo, jumperare, installare il firmware col portatile, rifare la configurazione (o montare il backup a seconda del modello), rifare la verifica periodica, un'operazione da circa un'oretta in tutto. Noi abbiamo circa 2000 clienti, fate un po' voi come si fa a fare una roba del genere in tempo.

Poi ci sono tutte le altre varie problematiche, perchè che ci crediate o no il 50% degli esercenti che seguo NON hanno una connessione ad internet nel locale. Quindi tra hotspot, antenne esterne perchè la macchina magari non ha il wifi e abbiamo attaccato un'access point per non costringere a cambiare la macchina è tutto un casino. Cambi di cellulare, cambi di provider, trasmette, non trasmette. Il 90% degli esercenti con cui ho a che fare non ha idea di come attivare l'hotspot se non viene spiegato 4 volte.

Tutto questo senza considerare i software. Perchè ovviamente il registratore di cassa non è sempre da solo, molto spesso è collegato ad un software gestionale. Il software gestionale va aggiornato con i comandi nuovi del protocollo della stampante, vanno implementate le funzioni dei nuovi pagamenti per l'XML7, per l'invio del codice lotteria alla macchina. Installazioni con barriere da 5 casse che possono essere aggiornate solo di notte non sono rare.

Tutto questo va a creare costi aggiuntivi per noi e quindi per l'esercente. I clienti in contratto ovviamente non pagano niente in più, ma tutti gli altri si, poi se vogliono lo scanner collegato al registratore sono ancora altri costi.

E per le farmacie cambia ancora di più, l'invio all'SSN, i vari pagamenti di beni e servizi.

E ovviamente i commercialisti non sono aggiornati o avvertono il cliente il giorno prima delle scadenze.

Scusate il wall of text, era giusto per spiegare un attimo la situazione.
Therinai28 Dicembre 2020, 18:31 #8
Originariamente inviato da: Phate3
Vi spiego come funziona la cosa, perchè vedo spesso articoli qui si hwup sui misuratori telematici e alcune cose o non sono spiegate bene o non si conoscono perchè non del campo.

Io faccio il tecnico per misuratori telematici, l'azienda per cui lavoro si preoccupa di vendita, assistenza, messa in servizio, aggiornamenti e tutto quello che riguarda il punto vendita.

La questione degli aggiornamenti alla lotteria, ma soprattutto all'XML 7.0 (il nuovo tracciato di invio all'agenzia delle entrate a fine giornata) è questa:
i vari produttori si sono ritrovati da un momento all'altro a dover aggiungere features alle macchine, con tempi strettissimi (sono dispositivi che vanno omologati dall'agenzia delle entrate per ogni aggiornamento firmware e vanno testati in modo parecchio pesante). Questo ha fatto si che i produttori facessero pagare i firmware con le funzionalità aggiuntive ai centri di assistenza, che ovviamente si traduce in costi in più per l'utente finale.

Tenete anche conto che, solo il 23 dicembre TUTTI i produttori (o almeno quelli che gestisco io) hanno finito di rilasciare i firmware.
DTR è quella che è uscita prima, ben 3 mesi fa (sia lotteria che XML7)
Custom/Fasy è uscita 3 mesi fa con lotteria e 1 mese fa con XML7
RCH ci è arrivata 15 giorni fa
Epson è uscita un po' di tempo fa con la lotteria, e il 23 con l'XML7

Alcuni di questi dispositivi vanno aggiornati di persona, in negozio, devo togliere il sigillo, jumperare, installare il firmware col portatile, rifare la configurazione (o montare il backup a seconda del modello), rifare la verifica periodica, un'operazione da circa un'oretta in tutto. Noi abbiamo circa 2000 clienti, fate un po' voi come si fa a fare una roba del genere in tempo.

Poi ci sono tutte le altre varie problematiche, perchè che ci crediate o no il 50% degli esercenti che seguo NON hanno una connessione ad internet nel locale. Quindi tra hotspot, antenne esterne perchè la macchina magari non ha il wifi e abbiamo attaccato un'access point per non costringere a cambiare la macchina è tutto un casino. Cambi di cellulare, cambi di provider, trasmette, non trasmette. Il 90% degli esercenti con cui ho a che fare non ha idea di come attivare l'hotspot se non viene spiegato 4 volte.

Tutto questo senza considerare i software. Perchè ovviamente il registratore di cassa non è sempre da solo, molto spesso è collegato ad un software gestionale. Il software gestionale va aggiornato con i comandi nuovi del protocollo della stampante, vanno implementate le funzioni dei nuovi pagamenti per l'XML7, per l'invio del codice lotteria alla macchina. Installazioni con barriere da 5 casse che possono essere aggiornate solo di notte non sono rare.

Tutto questo va a creare costi aggiuntivi per noi e quindi per l'esercente. I clienti in contratto ovviamente non pagano niente in più, ma tutti gli altri si, poi se vogliono lo scanner collegato al registratore sono ancora altri costi.

E per le farmacie cambia ancora di più, l'invio all'SSN, i vari pagamenti di beni e servizi.

E ovviamente i commercialisti non sono aggiornati o avvertono il cliente il giorno prima delle scadenze.

Scusate il wall of text, era giusto per spiegare un attimo la situazione.


Grazie per la spiegazione, ora mi sento un po' un tecnico di registratori di cassa!

Comunque mi sembra una stronzata questa della lotteria degli scontrini, cioé bisogna investire soldi e tempo per abilitare tutti alla lotteria... e poi che ci guadagnamo?
Ragerino28 Dicembre 2020, 18:35 #9
Originariamente inviato da: Therinai
Grazie per la spiegazione, ora mi sento un po' un tecnico di registratori di c.. e poi che ci guadagnamo?


un contentino ognitanto a qualcuno a caso
tallines28 Dicembre 2020, 18:36 #10
Originariamente inviato da: latilou85
ma nemmeno a Marzo TUTTI saranno in regola.

Non ho idea del costo, ma se è obbligatorio me lo devi fornire, punto e basta, non esiste che io devo sbattermi e pagare per una cosa obbligatoria di legge.

Ho parlato con il tabaccaio dove vado di solito mi ha detto urlando......

devo installare una cosa che non ho, per leggere il Codice lotteria ?

Mi costerà minimo 200 euro, io non metto un euro e non lo installooo

A meno che non sia gratis, ma conoscendo i numeri che tirano a roma e le promesse mai mantenute, io non lo metterò maiiiiii

Anche parando con le persone che lavorano in alcuni grandi centri commerciali, la risposta è stata: non ci hanno detto niente.......

Secondo me si e no per Giugno 2021 saranno pronti quasi tutti........

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^