La piattaforma Industrial Internet of Things di WIIO Group è stata acquistata da Ivanti

La piattaforma Industrial Internet of Things di WIIO Group è stata acquistata da Ivanti

Per migliorare e rendere più sicura la supply chain, Wavelink, la divisione di Ivanti specializzata nell'automatizzazione, ha annunciato di aver acquisito la piattaforma Industrial Internet of Things (IIoT) di proprietà del gruppo francese WIIO Group

di pubblicata il , alle 15:01 nel canale Innovazione
Ivanti
 

Ivanti, l’azienda che automatizza le attività IT e Security Operations di discovery, gestione, sicurezza e servizi dal cloud all’ambiente perimetrale, ha annunciato di aver acquisito la piattaforma di Industrial Internet of Things (IIoT) di Wiio Group. Il gruppo industriale francese è già partner tecnologico e di canale di Ivanti Wavelink, la divisione specializzata in soluzioni di supply chain dell'azienda statunitense, che si occupa dell'automatizzazione delle operazioni IT e di sicurezza per gestire e proteggere i dispositivi dal cloud all'edge. Il software Ivanti Wavelink, infatti, è stato installato da più di 10.000 clienti su oltre 5 milioni di dispositivi.

Ivanti Wavelink sta acquisendo la tecnologia per rendere più sicura la supply chain

Ivanti Wavelink sta cercando di rendere più sicura la supply chain del futuro. I moderni magazzini e i centri di distribuzione dispongono di dispositivi intelligenti (sistemi di trasporto, sensori, telecamere, robot e cobot) che sono connessi tra loro attraverso tecnologie complesse e costose. Con questa piattaforma, i clienti di Ivanti Wavelink potranno collegare facilmente le applicazioni con i nuovi sistemi, automatizzando rapidamente il loro hardware IIoT e i processi di stoccaggio per ottimizzare le operazioni di workflow. I clienti dei diversi settori verticali (trasporto, logistica, produzione, gas, sanità e vendita al dettaglio) potranno così avere informazioni in tempo reale sullo stato delle rispettive attrezzature per individuare e rimediare alle possibili criticità. Inoltre, i clienti potranno usare la piattaforma anche per l'analisi predittiva (i dati raccolti possono essere utilizzati per la blockchain), oltre che per creare applicazioni low code/no code per automatizzare molti dei loro processi.

L’acquisizione consentirà ai clienti di ottenere una visione completa dei loro dispositivi IIoT, identificare e rimediare proattivamente alle minacce e sviluppare applicazioni scalabili che conducono all'efficienza operativa. I termini della transazione non sono stati divulgati. Brandon Black, Vice President e General Manager di Ivanti Wavelink ha così commentato:“Si sta verificando una crescente domanda da parte dei diversi settori verticali per garantire che le loro operazioni di supply chain raggiungano il massimo dell'efficienza operativa. Siamo entusiasti diintegrare le nostre tecnologie per aiutare i nostri clienti a consolidare l’automazione e la messa in sicurezza delle proprie attività, migliorando le esperienze degli utenti finali e aumentando la produttività. Premettendo che questo è un ottimo momento per entrare nel mercato dell’IIoT, questaacquisizione ci permette di assumere una posizione da leader nel settore e trasformare il business dei nostri clienti”

“Il potente framework IIoT combinato con Ivanti Neurons permetterà alle organizzazioni di modernizzare le loro operazioni, rapidamente e senza interruzioni, riducendo il rischio di violazioni", ha dichiarato Fabien Dupuis, CEO di WIIO."Con l'intelligenza azionabile in tempo reale nelle loro operazioni di supply chain e di analisi predittiva, i clienti potranno riscontrare miglioramenti delle prestazioni integrando i sensori IIoT e le tecnologie di automazione in modi sorprendenti.”

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^