PEC obbligatoria anche per gli automobilisti?

PEC obbligatoria anche per gli automobilisti?

Una proposta di legge del CNEL suggerisce di estendere l'obbligo di PEC anche agli automobilisti, per semplificare le comunicazioni con la pubblica amministrazione e risparmiare sulle spese di consegna dei verbali

di pubblicata il , alle 17:01 nel canale Innovazione
Fattura Elettronica
 

Una recente proposta di legge presentata in parlamento prevede l'estensione dell'obbligo di PEC (la Posta Elettronica Certificata) anche agli automobilisti. Per quanto qualcuno possa storcere il naso, secondo la redazione di Edge9 l'idea non è così malvagia e permetterebbe di risparmiare tempo e denaro. 

PEC obbligatoria per tutti gli automobilisti: una proposta sensata

Di obbligare gli automobilisti a dotarsi di PEC se ne parla da tempo, almeno dallo scorso anno, anche se fino a ora non se ne è fatto niente. Certo, ora che dal 1° ottobre è stato esteso a tutte le aziende e i professionisti l'obbligo di dotarsi di domicilio digitale (ne abbiamo parlato qui) la tentazione di estenderla anche ad altre categorie è forte. E potrebbe rappresentare anche un vantaggio per i cittadini. 

La proposta arriva dal CNEL (Consiglio Nazionale Economia e Lavoro) e ha un duplice obiettivo: semplificare la comunicazione con le pubbliche amministrazioni e far risparmiare qualche euro nel caso si incorra in sanzioni: la consegna delle multe a casa ha un costo compreso fra i 10 e i 15 euro, così come hanno un costo le eventuali raccomandate per contestare i verbali. E c'è anche un altro vantaggio: non si dovrà più perdere tempo in posta per ritirare la raccomandata se il postino passa quando non si è in casa (o quando l'incaricato preferisce mettere direttamente l'avviso di giacenza senza nemmeno tentare la consegna, cosa che avviene spesso).

Se la proposta di legge dovesse passare, alla prima revisione periodica obbligatoria, il proprietario dell'auto sarebbe obbligato a comunicare il suo indirizzo PEC alla Motorizzazione Civile. Se dovesse commettere un'infrazione, il verbale verrebbe recapitato in digitale all'indirizzo di Posta Elettronica Certificata e il messaggio sarà considerato consegnato una volta giunto nella casella del destinatario. Da questo momento, partirà il conto dei giorni utili a pagare in misura ridotta la sanzione o a fare ricorso al Giudice di Pace o al Prefetto.

La PEC ha un costo: ci stanno prendendo in giro?

Qualche automobilista potrebbe obiettare che non è corretto obbligare tutti i guidatori a dotarsi di uno strumento che ha un costo. Un'osservazione corretta, e non sarebbe affatto male se parallelamente all'obbligo il Governo decidesse anche di erogare dei servizi di PEC gratuiti, ma a conti fatti, l'automobilista ha comunque da guadagnarci. Un account PEC si può aprire per 5 euro (IVA esclusa) all'anno: se si pensa che il costo di consegna di un verbale oscilla fra i 10 e i 15 euro, è evidente che è conveniente la consegna digitale. 

Rimane invece il nodo dei punti sulla patente, per le infrazioni che lo prevedono: la proposta attuale prevede di decurtarli direttamente dalla patente del proprietario della vettura, che però potrebbe non essere il conducente che ha effettuato l'infrazione. Auspichiamo quindi che, come già accade ora, al verbale sia allegato un modulo per poter indicare chi guidava il mezzo. 

144 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
coschizza30 Settembre 2020, 17:02 #1
furba come cosa ma mi chiedo, se non ho un pc o uno smartphone come la leggo la PEC?
e poi se mi costa 5€ ogni anno e non ho mai ricevuto nessuna multa dove starebbe il risparmio?
Saturn30 Settembre 2020, 17:04 #2
[B][SIZE="4"]..non mi avrete mai !!![/SIZE][/B]

Scherzi a parte, le multe, raramente per fortuna, ma arrivano comunque BENISSIMO - a questo punto preferisco che le mandino direttamente sulla pec che tra l'altro già possiedo, almeno evito la rottura di scatole di andare alla posta, vista che quando il postino viene per consegnare l'infamissima lettera verde, ovviamente non sono mai in casa...
Unrue30 Settembre 2020, 17:13 #3
Originariamente inviato da: coschizza
furba come cosa ma mi chiedo, se non ho un pc o uno smartphone come la leggo la PEC?


il problema come sempre per queste cose sono gli anziani. Perché non vedo davvero per quale motivo nel 2020 una persona abbastanza giovane non debba avere almeno uno dei due. Quando saremo anziani noi questo problema non ci sarà più.

Originariamente inviato da: coschizza
e poi se mi costa 5€ ogni anno e non ho mai ricevuto nessuna multa dove starebbe il risparmio?


Tecnicamente è vero, ma ciò non esclude che prima o poi se ne prenda una. Quanti sono quelli che non ne hanno mai preso una? Si contano sulle dita di una mano penso. Dato che stiamo parlando di costi davvero irrisori, ben vengano queste iniziative, se possono snellire la pachidermica burocrazia italiana.

E la PEC serve per molte altre cose. Ad esempio, io mi risparmio i costi delle raccomandate dall'amministratore di condominio. Solo con quelle mi sono già ampliamente ripagato i 5 euro l'anno.
demon7730 Settembre 2020, 17:17 #4
Originariamente inviato da: coschizza
furba come cosa ma mi chiedo, se non ho un pc o uno smartphone come la leggo la PEC?
e poi se mi costa 5 ogni anno e non ho mai ricevuto nessuna multa dove starebbe il risparmio?


Una raccomandata cartacea costa SETTE EURO. Più alzare il culo per andare in posta.

Guardiamo la cosa da un differente punto di vista:
Se tutti i cittadini avessero una PEC ci sarebbe un enoerme guardagno in termini di tempo, di risorse e di soldi sia da parte del privato cittadino sia da parte delle pubbliche amministrazioni.

Le comunicazioni importanti con valore legale arriverebbero istantaneamente e gratis, in entrambi i sensi.
E ovviamente le multe sono solo una minima (fastidiosa) parte della torta.
(Già pure collaudata per giunta... fanculo )

Considerando che tutti hanno smartphone ci vuole ben poco a predisporre una app specifica.
coschizza30 Settembre 2020, 17:19 #5
Originariamente inviato da: Unrue
il problema come sempre per queste cose sono gli anziani. Perché non vedo davvero per quale motivo nel 2020 una persona abbastanza giovane non debba avere almeno uno dei due. Quando saremo anziani noi questo problema non ci sarà più.

Tecnicamente è vero, ma ciò non esclude che prima o poi se ne prenda una. Quanti sono quelli che non ne hanno mai preso una? Si contano sulle dita di una mano penso. Dato che stiamo parlando di costi davvero irrisori, ben vengano queste iniziative, se possono snellire la pachidermica burocrazia italiana.

E la PEC serve per molte altre cose. Ad esempio, io mi risparmio i costi della raccomandata dall'amministratore di condominio. Solo con quella mi sono già ripagato i 5 euro l'anno.


ma nel frattempo gli anziani queste cose non sono in grado di gestire in autonomia, e ormai a 80 anni mio padre ancora non ha preso una multa, quindi si contano eccome
coschizza30 Settembre 2020, 17:22 #6
Originariamente inviato da: demon77
U
Considerando che tutti hanno smartphone


io sinceramente non so dove voi viviate
demon7730 Settembre 2020, 17:23 #7
Originariamente inviato da: Unrue
il problema come sempre per queste cose sono gli anziani. Perché non vedo davvero per quale motivo nel 2020 una persona abbastanza giovane non debba avere almeno uno dei due. Quando saremo anziani noi questo problema non ci sarà più.


Sarò egoista ma il mondo non deve girare attorno ai vecchi.
Se hanno bisogno si svegliano fuori, altrimenti chiedano a qualcuno.

Oppure gli fanno lo sportello di consultazione PEC in posta, così continuano come sono abituati da sempre: in coda fuori dalle poste alle sei del mattino.
Unrue30 Settembre 2020, 17:24 #8
Originariamente inviato da: coschizza
ma nel frattempo gli anziani queste cose non sono in grado di gestire in autonomia, e ormai a 80 anni mio padre ancora non ha preso una multa, quindi si contano eccome


Ok, e quindi non si può mai fare nulla di questo genere perché ci sono gli anziani ? Quanti sono gli ottantenni che guidano ancora? Magari basta non mettere il vincolo dai 70 anni in su ad esempio.
coschizza30 Settembre 2020, 17:25 #9
Originariamente inviato da: Unrue
Ok, e quindi non si può mai fare nulla di questo genere perché ci sono gli anziani ? Quanti sono gli ottantenni che guidano ancora? Magari basta non mettere il vincolo dai 70 anni in su ad esempio.


tutto si puo fare ma una cosa è fare una cosa obbligare
demon7730 Settembre 2020, 17:26 #10
Originariamente inviato da: coschizza
io sinceramente non so dove voi viviate


Dai su.
Oggi qui in italia qunti sono quelli che non hanno alcun accesso alla rete?

E per quei pochi ribadisco la soluzione per i vecchi qui sopra:
se arriva una pec ti arriva un SMS per andare in posta a fartela stampare.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^