VMware in prima fila per la transizione verso il 5G

VMware in prima fila per la transizione verso il 5G

Una pioggia di comunicati da parte di VWware durante il MWC. Oltre alle soluzioni per supportare le aziende di classe enterprise nella migrazione al 5G, VMWare annuncia nuove partnership con AT&T, Vodafone, Ericsson e T-System.

di , Vittorio Manti pubblicata il , alle 09:01 nel canale TLC e Mobile
VMware
 

Basta leggere anche solo una manciata di comunicati stampa per realizzare che alla base della rivoluzione 5G c'è un radicale cambio di infrastrutture che deve necessariamente passare per la virtualizzazione di reti e servizi. Inevitabile che il marchio più noto del settore (almeno per il grande pubblico), VMware, sia uno dei principali attori sul mercato. 

Lo ribadisce Shekar Ayyar, executive vice president, strategy and corporate development and general manager, Telco NFV Group, VMware"Il 5G è a un punto di svolta e le decisioni prese oggi avranno ripercussioni finanziarie e operative di vasta portata per i CSP nel prossimo futuro. Allontanandoci dalle inflessibili architetture del passato definite dall’hardware e implementando il 5G come architettura completamente virtualizzata, le telco saranno in grado di battere i concorrenti con nuovi servizi a valore aggiunto e di migliorare le prestazioni e l’efficienza operativa delle proprie reti. VMware offre oggi le migliori basi per il telco cloud compatibile con il 5G".

Il passaggio è insomma tanto complesso che per velocizzare l'adozione e ottimizzare gli investimenti è fondamentale virtualizzare l'intera infrastruttura. Come per esempio ha fatto uno dei partner più importanti di VMware, Vodafone: 

"La capacità di essere flessibili e agili mentre procediamo nell’automazione delle operations e della gestione della nostra rete si può ottenere solo attraverso un'infrastruttura software defined", ha affermato Johan Wibergh, Chief Technology Officer di Vodafone Group. "Siamo soddisfatti del time-to-market più rapido e dei vantaggi economici che abbiamo ottenuto con la transizione alla NFV e, sempre più, verso un'infrastruttura telco cloud. Abbiamo scelto di collaborare con VMware non solo per la sua leadership tecnologica e nell’innovazione, ma anche per la capacità di realizzare deployment operativi e farli funzionare basandosi sulle nostre esigenze”.

VMware estende le soluzioni Edge e IoT

5G è praticamente sinonimo di dispositivi IoT e di conseguenza di Edge. VMware è pronta da tempo a supportare questi dispositivi tramite il suo sistema operativo Photon OS, giunto ora alla versione 3.0. Nello specifico, al MWC ha annunciato uno stack software completo per i device edge con l’obiettivo di supportare i clienti nel gestire i propri dispositivi periferici e creare una base sicura per abilitare una comprensione intelligente a partire dai dati IoT.

Le principali novità nell'ultima incarnazione di Proton OS consistono nel supporto ai processori ARM64 e nell'introduzione del Driver Development Kit (DDK), che semplifica la creazione di nuovi driver per dispositivi personalizzati. 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dwfgerw28 Febbraio 2019, 09:13 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: https://edge9.hwupgrade.it/news/tlc...l-5g_80981.html

Una pioggia di comunicati da parte di VWware durante il MWC. Oltre alle soluzioni per supportare le aziende di classe enterprise nella migrazione al 5G, VMWare annuncia nuove partnership con AT&T, Vodafone, Ericsson e T-System.

Click sul link per visualizzare la notizia.


Photon OS non Proton OS

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^