Locare, l'app che semplifica l'affitto

Locare, l'app che semplifica l'affitto

Locare è una nuova piattaforma che punta a semplificare il lavoro di proprietari e intermediari immobiliari: bastano pochi click per creare un contratto di affitto, registrarlo e tutelarlo. Il tutto a un prezzo molto contenuto

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Innovazione
Locare
 

Non si sente molto parlare di Rent Care o Rent Warranty, che significano prendersi cura della locazione e di tutto ciò che la circonda e la compone, dando risposte puntuali e precise alle esigenze di tutti gli attori coinvolti. In effetti, questi concetti sono stati introdotti da poco grazie a Locare, startup fondata dall'imprenditore padovano Andrea Napoli che attualmente sta puntando a un aumento di capitale tramite crowdfunding.

Locare, l'app dedicata al mercato immobiliare

Locare offre un servizio completo e verticalizzato sulla locazione degli immobili che va dalla compilazione alla tutela dei contratti, fino alla gestione dell’affitto per tutta la durata prevista e alla consulenza legale specifica.

La funzione Compilaffitto permette di creare un contratto di affitto pronto per essere stampato semplicemente inserendo i dati dell’immobile, del locatore e dell’inquilino, mentre con Registraffitto si possono registrare telematicamente tutti i contratti, eliminando le code agli uffici dell’Agenzia delle Entrate. Salvaffitto, infine, è un servizio di assistenza legale e di tutela della locazione che interviene fin dalla prima morosità da parte dell’inquilino, intervenendo anche nel ripristino di eventuali danni arrecati all'immobile.

L'app Locare è già disponibile sul mercato. Il progetto è nato nel 2018 ed è cresciuto velocemente grazie anche agli acceleratori Seed Money e Aquarium Ventures, che l'hanno aiutata a raccogliere 2,2 milioni di finanziamenti in un anno. Al momento è in corso una campagna di crowdfunding che mira a recuperare altri 100.000 euro da investire nello sviluppo di un algoritmo predittivo in grado di supportare i proprietari di immobili nell'identificare per tempo possibili situazioni di rischio nella locazione sulla base dell’analisi di Big Data.

"Grazie al lavoro svolto dal nostro team e alla solidità dei piani di crescita, siamo stati capaci fin qui di attirare un grande interesse tra gli investitori italiani" – ha afferma Andrea Napoli, Ceo e fondatore di Locare - "Ora siamo pronti e determinati a compiere un ulteriore passo in avanti per affrontare la sfida che ci attende nell'immediato futuro: quella di diventare i leader di un mercato che mostra ogni giorno enormi potenzialità di sviluppo".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
matrix8315 Dicembre 2019, 13:12 #1
Hanno preso multe dalla Consob ancora prima di essere online. Non è che ispira molto ad investire.
(Rif. https://www.crowdfundme.it/wp-conte...ione-Consob.pdf)
rightclic15 Dicembre 2019, 14:02 #2
Data l'onnipresenza della lingua inglese, confermata anche dalla presenza nel logo dell'espressione "Rent Care Services", come non rendersi conto che anche l'italiano "Locare" rischia di essere pronunciato all'inglese, suonando identico a "Low Care", ovvero scarsa cura? Sono allibito.
Axios200615 Dicembre 2019, 16:56 #3
algoritmo predittivo in grado di supportare i proprietari di immobili nell'identificare per tempo possibili situazioni di rischio nella locazione sulla base dell’analisi di Big Data.


Per una traduzione dal "markettese" a italiano per non addetti ai lavori?
thecatman15 Dicembre 2019, 20:46 #4
morta in partenza
Opteranium16 Dicembre 2019, 08:43 #5
Originariamente inviato da: rightclic
Data l'onnipresenza della lingua inglese, confermata anche dalla presenza nel logo dell'espressione "Rent Care Services", come non rendersi conto che anche l'italiano "Locare" rischia di essere pronunciato all'inglese, suonando identico a "Low Care", ovvero scarsa cura? Sono allibito.

stesso pensiero
Paolo Z.16 Dicembre 2019, 19:42 #6
>L'app Locare è già disponibile sul mercato.
Ah sì? Sul play store non c'è nemmeno per sbaglio.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^