Microsoft annuncia il supporto a Qiskit (di IBM) e Cirq (di Google) in Azure Quantum

Microsoft annuncia il supporto a Qiskit (di IBM) e Cirq (di Google) in Azure Quantum

Microsoft ha annunciato che Azure Quantum, il suo servizio di accesso a computer quantistici in cloud, supporterà le piattaforme di sviluppo Qiskit e Cirq, rispettivamente delle concorrenti IBM e Google, oltre a Strangeworks

di pubblicata il , alle 15:01 nel canale Innovazione
MicrosoftAzureComputer Quantistico
 

Qiskit, il kit di sviluppo software per computer quantistici creato da IBM, e Cirq, creato da Google, sono tra le ultime aggiunte alle piattaforme di sviluppo supportate da Azure Quantum, che accoglie altresì l'integrazione con Strangeworks.

Azure Quantum si espande con il supporto a Qiskit, Cirq e Strangework

Il computer quantistico di Honeywell, disponibile tramite Azure Quantum

Qiskit e Cirq sono le piattaforme di sviluppo create rispettivamente da IBM e Google, caratterizzate entrambe dal fatto di essere open source e di poter essere dunque modificate, espanse e integrate a piacimento. Questo è proprio quanto ha fatto Microsoft, che ha creato delle integrazioni che consentono di sfruttare i circuiti quantistici creati in Ciskit e Cirq anche con i computer quantistici disponibili su Azure Quantum.

Si tratta di una novità importante, annunciata sul blog ufficiale, perché consente di sfruttare codice già creato per i computer di IBM e di Google anche per eseguirlo sui computer quantistici di IonQ e Honeywell disponibili tramite Azure Quantum. Ciò permette alle aziende di sperimentare con computer quantistici differenti senza dover effettuare investimenti significativi nella riscrittura del codice.

Microsoft ha altresì annunciato che supporterà la piattaforma Strangeworks, che mette a disposizione strumenti di sviluppo indipendenti dall'hardware e compatibili con i principali framework (inclusi Cirq, Qiskit e Q# di Microsoft). Grazie all'integrazione con Azure Quantum, sarà possibile gestire il proprio spazio di lavoro direttamente da Strangeworks.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^