SIAE e Wind Tre vogliono svecchiare la gestione dei diritti di autore con la blockchain

SIAE e Wind Tre vogliono svecchiare la gestione dei diritti di autore con la blockchain

La SIAE e Wind Tre, in collaborazione con l’Università di Roma “La Sapienza” e Blockchain Core, sono al primo posto tra gli assegnatari dei finanziamenti nell'ambito del programma di supporto alle tecnologie emergenti 5G

di pubblicata il , alle 18:41 nel canale Innovazione
SIAEblockchainWindTre5G
 

La SIAE, Società Italiana degli Autori ed Editori, non è mai stata troppo amata dagli italiani. In parte per le varie tasse poco popolari, che hanno fatto salire il costo non solo dei supporti vergini, ma anche di hard disk e di qualsiasi dispositivo che integri della memoria (a partire dagli smartphone), in parte per la scarsa trasparenza nei confronti del pubblico. 

Non è escluso che le cose cambino nel breve termine, quantomeno sotto il profilo della trasparenza. La SIAE ha infatti avviato un programma di trasformazione per offrire una gestione più efficiente e trasparente dell'intera filiera del diritto d'autore. In termini più semplici, vuole remunerare i suoi artisti in maniera più equa ed efficace. 

Lo strumento scelto è la blockchain. SIAE, e Wind Tre, in collaborazione con l'Università di Roma La Sapienza e Blockchain Core, sono infatti al primo posto fra gli assegnatari del finanziamento del MISE (Ministero Sviluppo Economico) in un programma di supporto alle tecnologie emergenti 5G

"L’obiettivo di SIAE" – ha dichiarato Gaetano Blandini, Direttore Generale SIAE – "è quello di favorire il passaggio verso un modello che ha veramente il potenziale di far tornare i creatori al centro. Il progetto rappresenta quindi un primo passo verso la creazione di una rete che tuteli veramente il diritto d’autore e i contenuti creativi”.

La blockchain e il diritto d'autore

La gestione dei diritti d'autore non è una cosa di poco conto: ci sono decine di migliaia di artisti solo in Italia e una quantità enorme di mezzi di distribuzione: i classici supporti, i passaggi in radio, i concerti, le piattaforme online e via dicendo. Mettere insieme tutte queste informazioni e suddividere correttamente gli importi fra gli artisti che ne hanno diritto rendicontando tutto in maniera trasparente è un'impresa estremamente complessa. 

In questo ambito, la tecnologia blockchain può effettivamente dare una grossa mano. Ma come, non è quella usata per le criptovalute, come i bitcoin? Sì, certo. Ma pensare che la blockchain sia uno strumento di pagamento è erroneo. Ethereum, bitcoin e le criptovalute in generale sono una delle applicazioni della blockchain, la prima e sicuramente la più famosa, ma gli ambiti di utilizzo sono ampi. La blockchain infatti non è altro che un database che include al suo interno tutte le informazioni, costantemente aggiornate e concatenate in ordine cronologico. La crittografia garantisce che la blockchain sia affidabile e non modificabile. 

Si presta quindi a svariati utilizzi, in particolare al controllo delle filiere, come quella alimentare e ora, quella dei diritti d'autore

Per il progetto è stata fondamentale la collaborazione con Wind Tre, che fornirà le risorse di rete necessarie per l'implementazione dei meccanismi di transazione automatizzati. 

"Wind Tre mette a disposizione la propria tecnologia e le proprie competenze per arricchire la fruizione di contenuti multimediali, con qualità e modalità del tutto nuove, ma anche per favorire la tutela del diritto d’autore" – spiega Enrico Barsotti, CEO Office Director di Wind Tre –"Nell’era degli ecosistemi 5G, il ruolo dell’operatore di tlc, infatti, non è più solo quello di fornire connettività, ma anche, e soprattutto, quello di proporsi come abilitatore di servizi innovativi”.

Wind Tre Enrico Barsotti

Come funzionerà la blockchain di SIAE?

Al momento non abbiamo tutti i dettagli dell'implementazione, ma sul sito del MISE è disponibile una sintesi delle proposte arrivate per il Programma di supporto alle tecnologie emergenti 5G. Qui si legge che SIAE "costruirà un registro decentralizzato degli aventi diritto basato su tecnologie Blockchain, che consentirà l’identificazione univoca dei titolari dei diritti d’autore. Tale strumento è propedeutico per la futura implementazione di una gestione automatica e diretta dei flussi finanziari tra gli utilizzatori e gli aventi diritto. Il tutto sarà realizzabile grazie all’utilizzo di transazioni regolate da protocolli informatici sviluppati su reti 5G. La realizzazione di una gestione automatica dei diritti d’autore su rete 5G potrà permettere di valorizzare e tutelare i contenuti audiovisivi, creativi e dell’intrattenimento generale, soprattutto al di fuori dei confini nazionali, garantendo i diritti dei prodotti intangibili e riconducibili al made in Italy". 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Axios200618 Gennaio 2020, 20:31 #1
varie tasse poco popolari, che hanno fatto salire il costo non solo dei supporti vergini, ma anche di hard disk e di qualsiasi dispositivo che integri della memoria (a partire dagli smartphone), in parte per la scarsa trasparenza nei confronti del pubblico.


1) Dismettere la SIAE

2) Creare nuovo ente senza coinvolgere nessuno della precedente gestione (Utopia)

3) Sperare sia meglio (Utopia)

Per par condicio, una bella tassa sulle automobili nell'eventualita' che siano usate per il trasporto di merci di contrabbando?
Cfranco18 Gennaio 2020, 22:22 #2
La SIAE è una vergogna italiana, un ente parassita popolato da parassiti che serve unicamente a finanziare altri parassiti, un' estorsione imposta in barba alle leggi europee che lo vieterebbero.
Ogni atto che non sia lo scioglimento di una tale zavorra imposta è una vergogna
Gnubbolo19 Gennaio 2020, 01:46 #3
negli USA sono molto più efficienti, se beccano una persona a scaricare musica illegale gli danno una milionata di dollari di multa. ottimo deterrente.
David Israelite presidente della National Music Publishers Association, vorrebbe dei cambiamenti anche qua in Europa.
la SIAE non è abbastanza efficiente nel succhiare soldi all'ascoltatore.
T3mp19 Gennaio 2020, 08:23 #4
fatemi capire:
" Il tutto sarà realizzabile grazie all’utilizzo di transazioni regolate da protocolli informatici sviluppati su reti 5G"

via internet non si potra' usare?
quanta aria fritta, articolo inutile.
biometallo19 Gennaio 2020, 08:48 #5
Originariamente inviato da: T3mp
via internet non si potrà usare?

Premetto che non ho ben capito a cosa serva realmente tutto ciò, forse solo a sperperare un po' di denaro pubblico e a proposito:


"Al momento non abbiamo tutti i dettagli dell'implementazione, ma sul sito del MISE è disponibile una sintesi delle proposte arrivate per il Programma di supporto alle tecnologie emergenti 5G"

A naso direi che la super cazzola del "five gì" sia stata buttata lì solo per avere accesso ai fondi.
tallines19 Gennaio 2020, 09:03 #6
Mahhhh...............mi sembra una stupidaggine, poi.........
lemming19 Gennaio 2020, 09:10 #7
Raramente un articolo con la parola SIAE non si tira dietro una scia di polemiche

Originariamente inviato da: biometallo

A naso direi che la super cazzola del "five gì" sia stata buttata lì solo per avere accesso ai fondi.


Tipica dei proclami markettari moderni...
Una delle tante frasi costruite con le solite parole che vanno di moda.
Mi ricorda quando alle elementari la maestra dava da fare delle frasi con una serie ben precisa di parole: "Crea un "pensierino" con le parole 5G, cloud, blockchain, supporto, territorio..."
acerbo19 Gennaio 2020, 09:42 #8
La SACEM (siae francese) che ad occhio e croce fattura 10 volte la siae ha stretto una partnership con ibm tre anni fà per sviluppare la blockchain, ad oggi non sono riusciti neanche a presentare uno straccio di prototipo e i "geni" di ibm ancora stanno cercanddo di capire come si calcalono e si gestiscono le ripartizioni dei diritti d'autore
Ad ogni modo l'idea di base non é affatto male, ma é molto piu' complessa e costosa da realizzare per aziende che esistono da oltre un secolo rispetto a startup che si lanciano sul mercato direttamente con una soluzione alternativa basata su questa tecnologia.
dirac_sea19 Gennaio 2020, 14:47 #9
Originariamente inviato da: Cfranco
La SIAE è una vergogna italiana, un ente parassita popolato da parassiti che serve unicamente a finanziare altri parassiti, un' estorsione imposta in barba alle leggi europee che lo vieterebbero.
Ogni atto che non sia lo scioglimento di una tale zavorra imposta è una vergogna


Quotone...
rebeyeah20 Gennaio 2020, 08:25 #10
siae ed innovazione non possono stare nello stesso articolo.

in ogni caso, pare proprio che si siano inventati qualcosa giusto per ottenere dei finaziamenti, come se non ne avessero già abbastanza

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^