Ricerca Microsoft: l'Italia è il paese più ottimista nei confronti dell'intelligenza artificiale

Ricerca Microsoft: l'Italia è il paese più ottimista nei confronti dell'intelligenza artificiale

La ricerca "Business leaders in the age of AI" pubblicata a gennaio da Microsoft esiste una stretta correlazione tra l’adozione dell'intelligenza artificiale, la crescita del business e l’atteggiamento dei leader nei verso l’AI.

di pubblicata il , alle 19:21 nel canale Market
Microsoftintelligenza artificiale
 

L'intelligenza artificiale sta rapidamente prendendo piede, in particolare fra le aziende che crescono con tassi a doppia cifra: ben il 41% di queste sta implementando sistemi di machine learning, segno che queste tecnologie stanno maturando velocemente e trasformando l'approccio al lavoro.

L'ottimismo dei leader nei confronti dell'AI

Come evidenzia la ricerca “Business leaders in the age of AI” realizzata da Microsoft, l'intelligenza artificiale non è più una tecnologia riservata a poche realtà ma uno strumento che si sta diffondendo a macchia d'olio e che sta velocemente rivoluzionando il modo di lavorare. Il motivo principale è che permette di concentrarsi sugli aspetti più "umani" del lavoro, come i processi decisionali, l'elaborazione delle informazioni e la motivazione dei dipendenti. Ed è proprio la volontà di incentivare la forza lavoro l'aspetto che più intriga la maggior parte dei manager italiani, il 31% secondo la ricerca di Microsoft, che sono fra i più ottimisti nei confronti di questa tecnologia.

Come spiega Heike Bruch, Professore di Leadership dell'University of St. Gallen, "I leader di successo utilizzano l’AI per compiti operativi, ma anche per essere leader più efficaci – in altre parole, guidano la crescita, definiscono le giuste priorità e guadagnano tempo per ispirare le persone. È interessante notare il desiderio dei leader di dedicare più energie alla relazione e motivazione dei dipendenti, grazie alla diffusione dell’AI. In questo modo, l’AI renderà i buoni leader meno impegnati e più umani".

L'adozione delle AI porta implica inevitabilmente il dover affrontare nuove sfide, non solo tecniche. Quasi la metà del campione (il 49%) ritiene che la difficoltà principale sarà quella di adattarsi velocemente ai nuovi scenari del mercato del lavoro, seguita dalla necessità di attirare nuovi talenti,  aggiornare le proprie competenze e provvedere alla formazione del personale, così da poter sfruttare al meglio i vantaggi dell'AI. 

Nonostante la grande fiducia nella tecnologia è interessante notare che la maggior parte dei leader che l'hanno adottata o hanno intenzione di farlo sono estremamente attenti ai temi etici. In Italia è ben il 64% delle aziende in rapida crescita a ritenere che un approccio etico all’AI sia un imperativo di leadership

"La nuova ricerca Microsoft dipinge uno scenario in cui le aziende si stanno muovendo verso l’AI" - spiega Silvia Candiani, Amministratore Delegato di Microsoft Italia - "Non è necessario essere data scientist: occorre comprendere il potenziale dell’AI e come può essere utilizzata al servizio del business. Leadership, cultura e tecnologia devono fondersi, affinché l’AI possa rivelarsi efficace. L’importante è niziare con un obiettivo preciso e con un approccio graduale. Ciò consente di generare fiducia, imparare dai feedback e ottenere risultati pertinenti, un terreno fertile per settare le basi per un percorso di adozione dell’AI di successo". 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

33 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MonkeyMan12 Aprile 2019, 20:20 #1
Sarà perchè c'è tanto bisogno di intelligenza in Italia.
Axios200612 Aprile 2019, 21:07 #2
la difficoltà principale sarà quella di adattarsi velocemente ai nuovi scenari del mercato del lavoro, seguita dalla necessità di attirare nuovi talenti, aggiornare le proprie competenze e provvedere alla formazione del personale


la vedo dura...

gia' e' difficile spiegare di scegliere password robuste, non cliccare sullo spam e altra roba similare....
giovanni6912 Aprile 2019, 21:18 #3
Appena i sindacati si renderanno conto dei posti che andranno persi per via dei lavori sostituiti dall'AI, voglio proprio vedere.

Ed a ruota andranno dietro i politici per prendere voti.

Andate a spiegare a qualcuno cosa intendono con:

"In Italia è ben il 64% delle aziende in rapida crescita a ritenere che un approccio etico all’AI sia un imperativo di leadership. "


...che non ha a che vedere con il titolo "l'Italia è il paese più ottimista nei confronti dell'intelligenza artificiale"
zbear12 Aprile 2019, 21:52 #4

Ma no ...

E' solo che l'itaGlia è un paese di creduloni inveterati.
Secoli di cattolicesimo hanno portato enormi danni, per cui serviranno secoli a rimettere insieme un sano senso critico.
kamon12 Aprile 2019, 23:37 #5
Siamo sempre il paese dell'ottimismo cieco finchè non ci andiamo a schiantare e ce la prendiamo con i fantasmi anziché con noi stessi.
Telstar13 Aprile 2019, 00:23 #6
È l'intelligenza naturale che scarseggia
randy8813 Aprile 2019, 01:16 #7
Forse sperano che una IA tipo Skynet di Terminator sganci una bomba nucleare sul Parlamento italiano....
Speranza che condivido pure io, tra l'altro

Originariamente inviato da: kamon
Siamo sempre il paese dell'ottimismo cieco finchè non ci andiamo a schiantare e ce la prendiamo con i fantasmi anziché con noi stessi.


Più schiantati di cosi....
Che altro deve succedere?
djmatrix61913 Aprile 2019, 01:51 #8
Ma se non sanno manco cosa sia l'IA... magari sono ottimisti perché pensano che possa essere usata per qualcosa di illegale..
kamon13 Aprile 2019, 01:51 #9
Originariamente inviato da: randy88
Forse sperano che una IA tipo Skynet di Terminator sganci una bomba nucleare sul Parlamento italiano....
Speranza che condivido pure io, tra l'altro



Più schiantati di cosi....
Che altro deve succedere?


Succederà di molto peggio.
giovanni6913 Aprile 2019, 09:30 #10

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^