Nokia annuncia una partnership con Intel: grandi piani per il 5G

Nokia annuncia una partnership con Intel: grandi piani per il 5G

Dopo il recente accordo con Marvell Technology, Nokia sigla una seconda partnership con un altro gigante dell'industria: parliamo di Intel, che collaborerà con l'azienda finlandese per le future soluzioni destinate al 5G. Si partirà dalla produzione dei chipset ReefShark.

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Market
NokiaIntel5G
 

Settimana di fuoco per Nokia. Dopo l'importante cambio ai vertici con l'annuncio del nuovo CEO, il colosso finlandese sigla un'ambiziosa partnership con Intel. L'obiettivo dell'accordo è ovviamente il 5G, tecnologia su cui entrambe le aziende investono grandi risorse al fine di svilupparne le infrastrutture e le soluzioni più efficienti.

Il comunicato arriva tramite la testata Reuters, a poche ore dalla conferma di un'altra partnership che prevede la collaborazione tra Nokia Networks, azienda dedita allo sviluppo delle infrastrutture di rete, e il produttore statunitense Marvell Technology.

Nokia e Intel: insieme per le future soluzioni 5G

Firmando il suddetto accordo con Intel, Nokia manda un altro forte segnale per quanto concerne la ricerca e lo sviluppo delle reti 5G.

Lo standard di quinta generazione è una delle massime priorità dell'azienda, come possiamo dedurre dalle recenti dichiarazioni di Pekka Lundmark, futuro CEO di Nokia: "Sono fiducioso sul fatto che la compagnia sia ben posizionata per l'era 5G ed è mio obiettivo assicurare di rispondere agli impiegni verso i clienti, gli impiegati, gli azionisti e tutte le parti interessate".

La partnership con Intel garantirà a Nokia Networks la spinta necessaria per accelerare la produzione di nuovi componenti, destinati alle base station e alle infrastrutture 5G.

Il progetto ReefShark sarà il primo ad approfittare delle recenti collaborazioni tra Nokia e gli altri grandi produttori. Introdotta nel gennaio 2018, questa famiglia di chipset sfrutta le nuove specifiche 3GPP 5G New Radio per compensare i costi di implementazione e i consumi, migliorando al tempo stesso le prestazioni di rete attraverso un singolo di chip.

Ad oggi, Nokia ha riscontrato alcuni problemi nello sviluppo dei SoC ReefShark, ma confida nelle nuove partnership per accelerare il processo di produzione. "Nokia sta lavorando con diversi partner per supportare la famiglia di chipset ReefShark, utilizzati in molti elementi delle stazioni base", recita il comunicato del colosso finlandese.

Lo scorso anno, Nokia aveva già avviato una collaborazione con Intel per introdurre i processori scalabili Xeon di seconda generazione nel suo Open Edge Data Center, spalancando nuove porte alle architetture di rete 5G.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
aldo87mi05 Marzo 2020, 15:48 #1
Grandi piani per il 5G: fare ammalare di tumore gran parte della popolazione
diabolikum05 Marzo 2020, 15:52 #2
ma possibile che in un forum tecnologico si debbano leggere certi commenti idioti?
Utonto_n°105 Marzo 2020, 16:30 #3
Originariamente inviato da: diabolikum
ma possibile che in un forum tecnologico si debbano leggere certi commenti idioti?


Concordo, poi magari hanno un sacco di aggeggi tecnologici in tasca e sulla scrivania un PC che consuma 1000 watt fra schede video e altro, quindi esposizione ad una botta di campi elettromagnetici e poi si preoccupano del 5G...
Saturn05 Marzo 2020, 16:34 #4
Signore...pietà...e non parlo del 5G.
jepessen06 Marzo 2020, 10:15 #5
Originariamente inviato da: aldo87mi
Grandi piani per il 5G: fare ammalare di tumore gran parte della popolazione


Se non aggiungi "e allora Bibbiano?" non sei credibile...
gd350turbo06 Marzo 2020, 11:02 #6
Originariamente inviato da: Utonto_n°
Concordo, poi magari hanno un sacco di aggeggi tecnologici in tasca e sulla scrivania un PC che consuma 1000 watt fra schede video e altro, quindi esposizione ad una botta di campi elettromagnetici e poi si preoccupano del 5G...


O magari si fumano due pacchetti di sigarette al giorno !

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^